diredonna network
logo
Stai leggendo: Il ritorno alla moda di Galliano grazie ad Oscar de la Renta.

Animalier: dal leopardato al maculato, come indossare la tendenza urban jungle!

Tenetevi forte: arriva il sequel di Love Actually

Traffico d'organi: il dramma dei bambini e dei profughi scomparsi nel nulla

25 lettere di (non) amore di uomini violenti alle proprie donne

Niente carcere per il 19enne stupratore. La pena: "Niente sesso fino al matrimonio"

Oroscopo dal 16 al 22 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

"Trascurano i figli per accudire i loro 12 cani": giudice toglie i figli a una coppia

Orecchini uncinetto: l'accessorio glamour per ogni occasione!

Gessica, sfigurata dall'acido: "La strada è lunga, ma tengo duro". Il video messaggio su Facebook

Figli che uccidono i genitori: 7 casi shock

Il ritorno alla moda di Galliano grazie ad Oscar de la Renta.

John Galliano sarebbe pronto a tornare al suo lavoro di stilista dopo le pesanti accuse che lo vedevano colpevole di antisemitismo e apologia del nazismo. Dopo la rehab, ecco l'opportunità di una collaborazione con Oscar de la Renta.
john-galliano

John Galliano, ex direttore creativo della maison Dior, sarebbe pronto a tornare in campo dopo quasi due anni di stop. Lo stilista era  stato licenziato in tronco poco dopo il suo arresto in un club parigino il 25 febbraio 2011. Ubriaco, si era reso colpevole di comportamenti violenti, dichiarazioni antisemite e apologia del nazismo. Ad inchiodarlo, un video che circolava in rete. Galliano ha dichiarato di aver preso parte ad un programma di riabilitazione e disintossicazione e di aver risolto i suoi problemi di alcolismo.

Per questo motivo, il ben più anziano collega Oscar de la Renta lo avrebbe invitato a trascorrere 3 settimane nel suo atelier di New York per avviare una collaborazione: «John ha lavorato molto e duramente al suo recupero, e sono felice di dargli una seconda opportunità – ha dichiarato de la Renta al giornale americano Wwd – Tutti nella vita meritano una seconda chance, soprattutto le persone di talento come lui». Nel frattempo Galliano ha presentato le sue scuse alla comunità ebraica e ribadisce l’impegno a fare ammenda dei suoi errori dettati soprattutto dal massiccio abuso di alcol.

Intanto nel fashion system si mormora di un probabile zampino di Anna Wintour (potente direttore esecutivo di Vogue USA) che si celerebbe dietro la ridiscesa in campo dello stilista. D’altra parte, la Wintour non ha mai nascosto la sua predilezione per Galliano, uno dei pochi ad aver trovato posto sotto la sua “ala protettrice” e, all’epoca dei fatti, aveva manifestato non poco disappunto di fronte alla decisione del suo licenziamento.

La cosa non ci stupirebbe affatto. L’influenza e il potere che Anna Wintour esercita sul fashion-system non sono mai stati un mistero. Possiamo solo augurarci che Galliano sia realmente pentito e pronto a ricominciare da zero.