diredonna network
logo
Stai leggendo: Il ritorno alla moda di Galliano grazie ad Oscar de la Renta.

La Balena Felice e la Pink Whale contro Blue Whale, il gioco del suicidio social

Maturità: 6 trucchi per ricordare quello che si studia

"Ho lasciato che mia figlia cambiasse sesso a 4 anni e ne sono felice": la storia di Kai e di mamma Kimberly

Into the Color: Oysho presenta la nuova collezione di costumi per l'estate 2017!

Oroscopo dal 18 al 24 maggio - Come sopravvivere alle stelle

La versione Primark delle mule di Prada

Costumi Tezuk 2017: scopriamo insieme tutti i pezzi must-have!

Cristian Fernandez: il bambino che rischia l'ergastolo

Maturità 2017, ecco le date degli esami e cosa c'è da sapere

Tenta il suicidio l'ex che ha sfigurato Gessica Notaro con l'acido

Il ritorno alla moda di Galliano grazie ad Oscar de la Renta.

John Galliano sarebbe pronto a tornare al suo lavoro di stilista dopo le pesanti accuse che lo vedevano colpevole di antisemitismo e apologia del nazismo. Dopo la rehab, ecco l'opportunità di una collaborazione con Oscar de la Renta.
john-galliano

John Galliano, ex direttore creativo della maison Dior, sarebbe pronto a tornare in campo dopo quasi due anni di stop. Lo stilista era  stato licenziato in tronco poco dopo il suo arresto in un club parigino il 25 febbraio 2011. Ubriaco, si era reso colpevole di comportamenti violenti, dichiarazioni antisemite e apologia del nazismo. Ad inchiodarlo, un video che circolava in rete. Galliano ha dichiarato di aver preso parte ad un programma di riabilitazione e disintossicazione e di aver risolto i suoi problemi di alcolismo.

Per questo motivo, il ben più anziano collega Oscar de la Renta lo avrebbe invitato a trascorrere 3 settimane nel suo atelier di New York per avviare una collaborazione: «John ha lavorato molto e duramente al suo recupero, e sono felice di dargli una seconda opportunità – ha dichiarato de la Renta al giornale americano Wwd – Tutti nella vita meritano una seconda chance, soprattutto le persone di talento come lui». Nel frattempo Galliano ha presentato le sue scuse alla comunità ebraica e ribadisce l’impegno a fare ammenda dei suoi errori dettati soprattutto dal massiccio abuso di alcol.

Intanto nel fashion system si mormora di un probabile zampino di Anna Wintour (potente direttore esecutivo di Vogue USA) che si celerebbe dietro la ridiscesa in campo dello stilista. D’altra parte, la Wintour non ha mai nascosto la sua predilezione per Galliano, uno dei pochi ad aver trovato posto sotto la sua “ala protettrice” e, all’epoca dei fatti, aveva manifestato non poco disappunto di fronte alla decisione del suo licenziamento.

La cosa non ci stupirebbe affatto. L’influenza e il potere che Anna Wintour esercita sul fashion-system non sono mai stati un mistero. Possiamo solo augurarci che Galliano sia realmente pentito e pronto a ricominciare da zero.