diredonna network
logo
Stai leggendo: Esorcizzano bambina di 10 anni perchè considerata una strega

Cassidy, violentata a 13 anni suicida a 15: in questa lettera il suo ultimo desiderio

Oroscopo dal 23 febbraio all'1 marzo - Come sopravvivere alle stelle

Violentata a 7 anni dal compagno della madre. Il processo dura 20 e l'accusa cade in prescrizione

Le ceneri dei defunti diventano vinili per dare ancora "voce" ai morti

Tenetevi forte: arriva il sequel di Love Actually

Traffico d'organi: il dramma dei bambini e dei profughi scomparsi nel nulla

25 lettere di (non) amore di uomini violenti alle proprie donne

Niente carcere per il 19enne stupratore. La pena: "Niente sesso fino al matrimonio"

Oroscopo dal 16 al 22 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

"Trascurano i figli per accudire i loro 12 cani": giudice toglie i figli a una coppia

Esorcizzano bambina di 10 anni perchè considerata una strega

Un caso assurdo che viene dalla Svezia. Due genitori adottivi maltrattano la figlia perchè ritenuta una strega. "Fondamentale l'esorcismo per aiutarla".
esorcizzano-bambina

 

 

 

 

 

 

Una bambina di soli 10 anni è stata maltrattata con la scusa di esorcismo, perchè ritenuta una strega dai suoi genitori adottivi. Le facevano bere urina e detersivo per far sparire il diavolo dal suo corpo. Nonostante il fatto sia avvenuto ormai anni fa, il processo ai due genitori è iniziato in questi giorni.

A denunciare il fatto sono state le maestre della bambina, che giorno dopo giorno hanno notato come la bambina fosse sempre sporca, malvestita e trattata in modo estremamente diverso rispetto ai figli naturali della coppia. Dopo la denuncia, è stato fatto coraggio alla bambina che ha raccontato gli abusi che l’han vista vittima per un anno intero. I genitori hanno immediatamente respinto le accuse di maltrattamento, affermando che il tutto fosse stato fatto per esorcizzarla. “è una strega e vogliamo aiutarla” è stata l’assurda giustificazione.

La bambina è stata affidata ai servizi sociali, con la speranza che ritrovi la serenità persa e in attesa di una nuova famiglia.