diredonna network
logo
Stai leggendo: Esorcizzano bambina di 10 anni perchè considerata una strega

Amazon Wardrobe: scegli, prova a casa gratuitamente, poi decidi se comprare

Creazioni in fimo: 3 idee facili, super carine e come realizzarle

Pronte a comprare i mobili Ikea su Amazon?

Internata in una clinica psichiatrica per impedirle di abortire: la drammatica storia di questa ragazza

Maturità 2017: ecco tutte le tracce della prima prova

Sexting, quella "prova d'amore" che può costare la vita

"Perché mi dice che le faccio schifo?": la risposta di Sergio Sylvestre contro gli haters

Jovanotti e la lettera di Pif: "Mi fa schifo chi se ne sbatte dei disabili"

Saldi estivi 2017: quando iniziano Regione per Regione e i must have della stagione!

Spose bambine: perché migliaia di minorenni si sposano ogni anno negli USA

Esorcizzano bambina di 10 anni perchè considerata una strega

Un caso assurdo che viene dalla Svezia. Due genitori adottivi maltrattano la figlia perchè ritenuta una strega. "Fondamentale l'esorcismo per aiutarla".
esorcizzano-bambina

 

 

 

 

 

 

Una bambina di soli 10 anni è stata maltrattata con la scusa di esorcismo, perchè ritenuta una strega dai suoi genitori adottivi. Le facevano bere urina e detersivo per far sparire il diavolo dal suo corpo. Nonostante il fatto sia avvenuto ormai anni fa, il processo ai due genitori è iniziato in questi giorni.

A denunciare il fatto sono state le maestre della bambina, che giorno dopo giorno hanno notato come la bambina fosse sempre sporca, malvestita e trattata in modo estremamente diverso rispetto ai figli naturali della coppia. Dopo la denuncia, è stato fatto coraggio alla bambina che ha raccontato gli abusi che l’han vista vittima per un anno intero. I genitori hanno immediatamente respinto le accuse di maltrattamento, affermando che il tutto fosse stato fatto per esorcizzarla. “è una strega e vogliamo aiutarla” è stata l’assurda giustificazione.

La bambina è stata affidata ai servizi sociali, con la speranza che ritrovi la serenità persa e in attesa di una nuova famiglia.