diredonna network
logo
Stai leggendo: Whatsapp, addio conversazioni silenziate: arriva la funzione tag per le chat di gruppo

Marissa Mayer: "Come lavorare 18 ore al giorno e avere 3 figli"

"Riposa in pace. So che verrai a cercarmi...", le parole della moglie a Chris Cornell

Perché la fine di un'amicizia è peggio della fine di un amore

Quando Marina Abramovic lasciò che la gente usasse il suo corpo come un oggetto

Oroscopo dal 25 al 31 maggio - Come sopravvivere alle stelle

"Avril Lavigne è morta ed è stata rimpiazzata da un clone": le "prove" dei complottisti

Spora, ecco il mio viso dopo l'incidente: "Questa sono io e la perfezione non esiste"

15 migliori idee per feste a tema diverse dal solito

Terapie di "riorientamento sessuale": "Ecco come si possono curare i gay"

Troppo grassa per Louis Vuitton, ma la modella non ci sta: ecco come ha risposto su Facebook

Whatsapp, addio conversazioni silenziate: arriva la funzione tag per le chat di gruppo

Una delle cose migliori di Whatsapp è la possibilità di silenziare i gruppi troppo fastidiosi. "È", o meglio dovremmo dire "era"! L'app di messaggistica istantanea ha infatti ideato la funzionalità tag per le chat di gruppo, cosa che renderà impossibile "sfuggire" alla conversazioni che non ci interessano. Insomma, addio pace!
Whatsapp, addio conversazioni silenziate: arriva la funzione tag
Whatsapp, addio conversazioni silenziate: arriva la funzione tag

Una delle funzionalità migliori di Whatsapp è senz’altro quella di poter silenziare le conversazioni  nel momento in cui diventano noiose, o non desideriamo più parteciparvi, almeno nell’immediato; un po’ come accade per le chat di Facebook, che possono essere selezionate fino a tenere attive solo quelle che ci interessano, o addirittura fino a disattivarle del tutto pur essendo effettivamente online.

Pensate ad esempio a quei gruppi (anche a quelli dove talvolta venite inserite vostro malgrado) in cui i partecipanti scrivono incessantemente, il più delle volte cose che non vi riguardano e che potrebbero benissimo scriversi in chat private, oppure battute di (pessimo) spirito, magari il tutto mentre voi state lavorando, o siete impegnate in altre attività. Pensate allo stress psicologico che vi provoca il sentire continuamente il trillo del telefono che annuncia l’ennesima notifica, oppure a quando, dopo 5 minuti di assenza, aprite Whatsapp e vi trovate la bellezza di 150 messaggi in arretrato da leggere. Sforzo il più delle volte inutile, dato che nel 90% dei casi nessuna delle cose scritte vi interessa.

Ebbene, in tutti questi casi a salvarvi ci ha sempre pensato la magica funzioneDisattiva gruppo”, che letteralmente mette il silenziatore per 8, 24 ore, persino un anno, al gruppo; una delle più belle invenzioni al mondo, senza dubbio. Peccato, però, che da oggi ne dovremo parlare al passato, perché Whatsapp ha introdotto la funzionalità tag degli utenti. Questo significa che adesso sarà possibile menzionare uno o più partecipanti alle chat di gruppo, semplicemente digitando il simbolo della chiocciola e selezionando il nome, o il numero di telefono, della persona che si intende taggare. Insomma niente di diverso rispetto a quello che si fa per inserire un tag su un post o una foto Facebook.

Addio conversazioni silenziate, dunque: se veniamo taggate in una conversazione di gruppo non possiamo più sfuggire alla valanga di notifiche. C’è un aspetto positivo, in tutto questo? Fortunatamente sembrerebbe di sì, infatti grazie alla nuova funzione perlomeno non saremo più costrette a “sorbirci” l’intera conversazione che ci siamo perse, leggendo tutti i messaggi in arretrato, ma potremo concentrarsi esclusivamente sulle parti che ci interessano, quelle dove siamo state taggate, appunto.

La nuova funzione tag di WhatsApp
La nuova funzione tag di WhatsApp

La funzione è attiva sia su dispositivi iOs e Android, ed è l’ultima novità, in ordine di tempo, dopo aver ampliato il numero dei partecipanti ad una chat, portandolo a 256, e l’introduzione di corsivo e grassetto.

Una novità di cui, forse, in molti avrebbero fatto volentieri a meno; se già buona parte delle nostre giornate sono condizionate dall’uso continuo dello smartphone per le più disparate attività, adesso che non potremmo più neanche silenziare i gruppi troppo “invadenti” rischiamo davvero di diventare un tutt’uno con i nostri telefoni.

A volte, forse, tutto quello che servirebbe è davvero, soltanto, staccare la spina.