diredonna network
logo
Stai leggendo: Uccide il fidanzato: assolta per sindrome premestruale.

Victoire Dauxerre: "Una top model muore lentamente. Ero una morta che camminava"

Sabrina Vita da Strega, pronte per il reboot?

Gli Harry Potter Studios cercano personale: sfoderate le vostre bacchette

Oroscopo dal 21 al 27 settembre - Come sopravvivere alle stelle

Ryanair: tutti i voli cancellati e cosa fare se c'è anche il tuo

Lady Gaga, ricoverata per fibromialgia: "I dolori mi impediscono una vita normale"

William Pezzulo, sfigurato con l'acido dalla ex: "La violenza non ha sesso"

Caterina Balivo: "Perché ho chiamato mia figlia Cora"

"Sono diventata mora, ho tolto tacchi e lenti: così ho fatto carriera"

Ecco One Step 2: la mitica Polaroid è davvero tornata

Uccide il fidanzato: assolta per sindrome premestruale.

Uccide il compagno ma viene assolta immediatamente.Omicidio involontario causa sindrome premestruale.

Sembra una barzelletta invece è successo davvero. Mia Landigham è stata prima condannata per l’omicidio del convivente e padre dei suoi tre figli. Purtroppo gli omicidi tra le mura di casa son sempre più frequenti, ma questo, a differenza di altri, ha un risvolto decisamente insolito e bizzarro.  

La donna ha ucciso il compagno sedendosi sopra di lui e spezzandogli le ossa. Lei pesa quasi 140 kg mentre il defunto era un uomo fragile di appena 55kg. Il giudice ha specificato che l’omicidio è stato involontario e ha condannato la donna a soli tre anni con la condizionale e a 100 ore di servizi sociali. Niente carcere. Una pena molto leggera poichè è stato riconosciuto anche lo stato di follia temporanea dovuta alla sindome premestruale.

Rabbia e sgomento per i parenti dell’uomo, sollievo per la donna che potrà continuare ad accudire i figli.

Una riflessione mi sorge spontanea: il giudice sarà stato sicuramente una donna.