diredonna network
logo
Stai leggendo: Uccide il fidanzato: assolta per sindrome premestruale.

Cassidy, violentata a 13 anni suicida a 15: in questa lettera il suo ultimo desiderio

Oroscopo dal 23 febbraio all'1 marzo - Come sopravvivere alle stelle

Violentata a 7 anni dal compagno della madre. Il processo dura 20 e l'accusa cade in prescrizione

Le ceneri dei defunti diventano vinili per dare ancora "voce" ai morti

Tenetevi forte: arriva il sequel di Love Actually

Traffico d'organi: il dramma dei bambini e dei profughi scomparsi nel nulla

25 lettere di (non) amore di uomini violenti alle proprie donne

Niente carcere per il 19enne stupratore. La pena: "Niente sesso fino al matrimonio"

Oroscopo dal 16 al 22 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

"Trascurano i figli per accudire i loro 12 cani": giudice toglie i figli a una coppia

Uccide il fidanzato: assolta per sindrome premestruale.

Uccide il compagno ma viene assolta immediatamente.Omicidio involontario causa sindrome premestruale.

Sembra una barzelletta invece è successo davvero. Mia Landigham è stata prima condannata per l’omicidio del convivente e padre dei suoi tre figli. Purtroppo gli omicidi tra le mura di casa son sempre più frequenti, ma questo, a differenza di altri, ha un risvolto decisamente insolito e bizzarro.  

La donna ha ucciso il compagno sedendosi sopra di lui e spezzandogli le ossa. Lei pesa quasi 140 kg mentre il defunto era un uomo fragile di appena 55kg. Il giudice ha specificato che l’omicidio è stato involontario e ha condannato la donna a soli tre anni con la condizionale e a 100 ore di servizi sociali. Niente carcere. Una pena molto leggera poichè è stato riconosciuto anche lo stato di follia temporanea dovuta alla sindome premestruale.

Rabbia e sgomento per i parenti dell’uomo, sollievo per la donna che potrà continuare ad accudire i figli.

Una riflessione mi sorge spontanea: il giudice sarà stato sicuramente una donna.