diredonna network
logo
Stai leggendo: Uccide il fidanzato: assolta per sindrome premestruale.

I genitori vogliono continuare la battaglia. Il giudice: "Stop alle cure, deve morire con dignità"

"Buon viaggio piccola Aliena": l'addio di Laura Pausini alla nipotina di 3 anni

Perché non dovresti MAI utilizzare questo phon pubblico (né avvicinarti)

"Figlia mia, sopravvivo solo per darti giustizia". Parla la mamma di Tiziana Cantone

A terra con 32 coltellate. "Ho sposato l'uomo che mi ha salvata dall'ex violento"

Charli, la modella mostra la cellulite: "Non me ne vergogno"

Oroscopo dal 13 al 19 aprile - Come sopravvivere alle stelle

Occhi al cielo: arrivano la luna rosa e la cometa verde

Omicidio di identità: "Sfregiare con l'acido è uccidere"

Come Mowgli: la vera storia della bimba allevata dalle scimmie nella foresta

Uccide il fidanzato: assolta per sindrome premestruale.

Uccide il compagno ma viene assolta immediatamente.Omicidio involontario causa sindrome premestruale.

Sembra una barzelletta invece è successo davvero. Mia Landigham è stata prima condannata per l’omicidio del convivente e padre dei suoi tre figli. Purtroppo gli omicidi tra le mura di casa son sempre più frequenti, ma questo, a differenza di altri, ha un risvolto decisamente insolito e bizzarro.  

La donna ha ucciso il compagno sedendosi sopra di lui e spezzandogli le ossa. Lei pesa quasi 140 kg mentre il defunto era un uomo fragile di appena 55kg. Il giudice ha specificato che l’omicidio è stato involontario e ha condannato la donna a soli tre anni con la condizionale e a 100 ore di servizi sociali. Niente carcere. Una pena molto leggera poichè è stato riconosciuto anche lo stato di follia temporanea dovuta alla sindome premestruale.

Rabbia e sgomento per i parenti dell’uomo, sollievo per la donna che potrà continuare ad accudire i figli.

Una riflessione mi sorge spontanea: il giudice sarà stato sicuramente una donna.