diredonna network
logo
Stai leggendo: Uccide il fidanzato: assolta per sindrome premestruale.

La ginnasta: "Abusata per almeno 600 volte dai 13 anni dal medico sportivo"

"Mi staccava la pelle a morsi e mi strappò l'utero": quando la violenza è "normale"

Si scatta un selfie con la sorella che sta partorendo e lo posta con queste parole

"Vi racconto la mia vita con un solo seno"

Quel bacio tra la sieropositiva e il dottore: "La mia vita con l'HIV"

William e Harry: "Mamma sapeva che la vita vera è fuori dalle mura del Palazzo"

Quella rabbia al volante che uccide sempre più spesso

Gianna Nannini sposa la compagna e se ne va: "L'Italia non mi tutela come mamma"

Lui è Searyl, il primo bambino al mondo né maschio né femmina

Morire in diretta Instagram a 16 e 24 anni: l'ultima tragica story delle reginette di bellezza

Uccide il fidanzato: assolta per sindrome premestruale.

Uccide il compagno ma viene assolta immediatamente.Omicidio involontario causa sindrome premestruale.

Sembra una barzelletta invece è successo davvero. Mia Landigham è stata prima condannata per l’omicidio del convivente e padre dei suoi tre figli. Purtroppo gli omicidi tra le mura di casa son sempre più frequenti, ma questo, a differenza di altri, ha un risvolto decisamente insolito e bizzarro.  

La donna ha ucciso il compagno sedendosi sopra di lui e spezzandogli le ossa. Lei pesa quasi 140 kg mentre il defunto era un uomo fragile di appena 55kg. Il giudice ha specificato che l’omicidio è stato involontario e ha condannato la donna a soli tre anni con la condizionale e a 100 ore di servizi sociali. Niente carcere. Una pena molto leggera poichè è stato riconosciuto anche lo stato di follia temporanea dovuta alla sindome premestruale.

Rabbia e sgomento per i parenti dell’uomo, sollievo per la donna che potrà continuare ad accudire i figli.

Una riflessione mi sorge spontanea: il giudice sarà stato sicuramente una donna.