logo
Stai leggendo: Si parla di femminicidio in Parlamento: l’aula è vuota [FOTO]

Si parla di femminicidio in Parlamento: l'aula è vuota [FOTO]

La foto del Parlamento vuoto durante una seduta dedicata all'emergenza femminicidio sta facendo velocemente il giro di tutti i canali mediatici.Uno schiaffo morale alla società, non solo alle vittime.
laura-boldrini

Una foto che testimonia il disinteresse totale dei deputati della Repubblica sulla questione del femminicidio, un dibattito che serviva a riconoscere la violenza contro le donne come violazione dei diritti umani.

femminicidio-aula-vuota
La seduta dell’Aula della Camera dedicata al recepimento della Convenzione di Istanbul contro la violenza sulle donne inizia con un minuto di silenzio per la sedicenne uccisa dal giovane fidanzato e poi carbonizzata. Poi il silenzio, visto che l’aula, come mostra la fotografia di Fabio Lavagno, era vuota.

“Auspico che si arrivi subito alla ratifica della Convenzione  e alle leggi necessarie per la sua rapida attuazione”, dice Laura Boldrini, presidente della Camera. E riguardo alla Convenzione spiega: “Per la prima volta la violenza contro le donne viene incardinata nell’ambito della violazione dei diritti umani. Ovvero dei diritti fondamentali della persona”. 

Ma come fosse un pollaio, la discussione, già debole, prende una piega imbarazzante. La deputata del M5S Carla Ruocco inveisce contro Mara Carfagna e fa scoppiare la polemica tramite social network: “La Carfagna ha appena letto, dinanzi ad un’aula vuota, eccetto noi del 5 Stelle, una relazione sulla violenza sulle donne in cui incitava, tra l’altro, la tv a non strumentalizzare il corpo femminile nelle trasmissioni…..ma è quella stessa Carfagna? Sarà per questo che le sue colleghe pidielline sono tutte assenti??? Per non assistere a questa pagliacciata???”

Immediata la risposta dell’ex ministro che se la prende con i superficiali pregiudizi: “Imbecilli!!! Spesso la violenza contro le donne nasce dall’atteggiamento di alcune donne che usano le modalità più ignobili e infamanti contro altre donne. Le stesse modalità che spesso utilizzano i maschi. Modalità che siamo ora qui a condannare e che magari provengono da giovani donne che non si rendono conto di dove si trovino e del rispetto che si dovrebbe avere delle istituzioni in cui sono ora”

Tralasciando inutili battibecchi, una giornata vergognosa, uno schiaffo morale a qualsiasi donna.