diredonna network
logo
Stai leggendo: Allo Studio Un Nuovo Reggiseno Che Individua Precocemente il Cancro!

Reggiseno A Fascia: Metti in Mostra le Spalle per L'Estate!

L'Ultimo Trend in Fatto di Lingerie? È Questo "Assurdo" Reggiseno... Voi lo Indossereste?

12 Problemi che Solo le Donne con un Seno Abbondante Possono Capire!

Seno Grande? Da Victoria's Secret il Reggiseno Costa di Più

Lingerie Maschile: in Arrivo Reggiseni, Guêpière e Perizoma anche per Lui

5 Motivi per cui Potresti Non Indossare il Reggiseno

12 Falsi Miti Sul Reggiseno Sfatati Uno Ad Uno

Roba da Divano: il reggiseno di Paint Your Life

Ravijour, il reggiseno che si slaccia con l'Amore

Arriva il reggiseno magnetico che sfida la forza di gravità

Allo Studio Un Nuovo Reggiseno Che Individua Precocemente il Cancro!

L'università della Colombia è alle fase finali di studio di un reggiseno che potrebbe davvero rivoluzionare la diagnostica precoce e salvare moltissime vite: ecco di cosa si tratta!
reggiseno fa scoprire cancro
Fonte: Web

Non lo facciamo per annoiarvi, ma da donne non possiamo smettere di rimarcare quanto sia importante gestire con puntualità il nostro calendario di esami preventivi al seno. Il motivo è semplice, lo sappiamo: la diagnosi precoce è spesso la medicina principale contro il cancro. Nei confronti del quale ora potremmo avere un nuovo mezzo: un reggiseno che rileva il cancro mediante una spia luminosa. L’innovazione è allo studio dei ricercatori dell’università nazionale della Colombia ed è al momento in fase di test in laboratorio. L’obiettivo è di arrivare alla commercializzazione, una volta ultimate le verifiche, a un prezzo ragionevole che possa essere accessibile al maggior numero di donne possibile.

La funzionalità innovativa del reggiseno è resa possibile da micro sensori a infrarossi che registrano la temperatura del nostro seno. Se il sensore rileva qualsiasi tipo di anomalia, attiva una notifica luminosa simile a quella dei semafori. Luce verde significa che è tutto ok; con la luce gialla sarebbe opportuno ripetere il test e con la luce rossa accesa dobbiamo tassativamente rivolgerci al medico. Il test effettuato dal reggiseno restituisce i risultati in una manciata di minuti.

Il nuovo reggiseno potrebbe essere un’ulteriore arma a nostra disposizione per prevenire il cancro. Infatti, se il tumore è diagnosticato precocemente, il tasso di sopravvivenza è addirittura del 99%.

Non è la prima volta che si sente parlare di un reggiseno in grado di diagnosticare precocemente i possibile segnali di un cancro al seno. A febbraio 2015 era uscita la notizia dell’arrivo di iTbra, un reggiseno sportivo dalle funzionalità simili a questo. Di certo, al momento la tecnologia dei tessuti può rivoluzionare il mondo della diagnostica precoce, anticipando addirittura esami e mammografie, in modo rapido, conveniente e affidabile.

Finché tuttavia il reggiseno non sarà disponibile al pubblico, è bene procedere “alla vecchia”. Dalla Johns Hopkins fanno sapere che il 40% delle diagnosi di cancro al seno sono il risultato di autopalpazione. L’autopalpazione è piuttosto semplice e ci aiuta a capire qualcosa in più sul nostro corpo. Ecco le tecniche consigliate dalla National Breast Cancer Foundation statunitense:

  • Autopalpazione sotto la doccia: Muoviamo i polpastrelli in modo da formare dei piccoli cerchi lungo l’intera superficie del seno, iniziando dall’esterno e procedendo verso l’interno, senza dimenticare le ascelle. Facciamo questa prova una volta al mese, stando attente a qualsiasi eventuale cambiamento;
  • Autoesame davanti alla finestra: Guardiamo il nostro seno sia quando le braccia sono lungo i fianchi, sia quando sono sollevate verso l’alto. Questo ci è utile per osservare eventuali variazioni nei contorni e per notare possibili fossette nella pelle. Mettiamo poi le mani sui fianchi e contraiamo i muscoli addominali, facendo attenzione all’eventuale presenza di differenze (ma ricordandoci sempre che nessun corpo è perfettamente simmetrico);
  • Un autoesame da sdraiate: La ragione per cui questo test è utile è che, quando siamo sdraiate, i tessuti del nostro seno si espandono al massimo. Come prima cosa, mettiamo un cuscino sotto la spalla destra e portiamo il braccio destro dietro la testa. Muoviamo i polpastrelli della mano sinistra in modo da formare piccoli cerchi su tutta la superficie del seno e delle ascelle. Una volta terminato, ripetiamo dall’altra parte.

Avete visto com’è semplice, amiche? E in caso di dubbio, anche minimo, corriamo subito dal medico: al massimo avremo investito un’ora del nostro tempo (no, “sprecare” non è il termine giusto, quando si parla della nostra salute). Noi intanto aspettiamo che questo nuovo reggiseno venga messo in commercio: non appena avremo novità, non mancheremo di comunicarvele!