diredonna network
logo
Stai leggendo: Cyberbullismo: Una Campagna a Base di “Baci” e “Make Up” per Combattere i Bulli

Cyberbullismo: Una Campagna a Base di "Baci" e "Make Up" per Combattere i Bulli

Se state notando su Instagram e sugli altri social la moltiplicazione di immagini di mani con stampata l'impronta di un bacio, siete incappate nella campagna contro il cyberbullismo contraddistinta dall'hashtag #kissandmakeup: ecco di cosa si tratta.
campagna anti cyberbullismo kissandmakeup
Fonte: Instagram @liliftperrie

Prima ci siamo dovute abituare a sentir parlare di bullismo, di quelle mandrie di ragazzi fomentati da violenza e arroganza bravi solo a essere forti con i deboli e a torturare coetanei in branco per una manciata di euro, un telefonino o per semplice, macabro divertimento. Nel tempo alla parola “bullismo” è stata anteposta quella di “cyber”: il cyberbullismo. Dietro un monitor e coperti dall’anonimato i bulli diventano leoni da tastiera che si sentono liberi di insultare e deridere chicchessia, mentre le vittime soffrono, si sentono sempre più deboli, si chiudono in se stesse, cadono in depressione sino, qualche volta, ad arrivare al tragico esito del suicidio.

I dati ufficiali ci dicono che ogni anno, 3,2 milioni di studenti sono vittime di bullismo e l’88% sperimenta, ogni giorno, forme di cyberbullismo. Si tratta di stime diffuse da organizzazioni come DoSomething.org e dal centro di ricerca statunitense Pew Research Center.

Ora, per diffondere sempre maggiore consapevolezza su una piaga come il cyberbullismo in grado di rovinare, letteralmente, la vita di giovani senza colpa alcuna, un’azienda cosmetica, la Tarte Cosmetics, in collaborazione con ByStanderRevolution, un’organizzazione che combatte tutte le forme di bullismo, ha lanciato una nuova campagna Instagram contraddistinta dall’hashtaag #KissAndMakeup. Il messaggio di Tarte vuol essere quello di concentrarsi sulla vera bellezza che comprende l’umorismo, l’intelligenza, la gentilezza e la forza (utilizzata bene, ovviamente).

cyberbullismo kissandmakeup
Fonte: Instagram @cun_escrow

La campagna richiede un gesto molto semplice, ossia che ragazzi e ragazze si stampino sul dorso della mano l’impronta di un rossetto e poi lo fotografino per pubblicare lo scatto su Instagram, accompagnato da un commento positivo rivolto ai propri amici con gli hashtag #kissandmakeup e #AntiCyberbullying. Non è un caso che la campagna si svolga su Instagram: i social, infatti, sono i luoghi virtuali in cui più prendono piede i fenomeni di cyberbullismo, tanto che anche Facebook non è rimasto a guardare. Il social di Mark Zuckerberg ha infatti attivato il servizio Fermiamo il Bullismo in cui vengono diffuse informazioni e vengono spiegati ai ragazzi i modi in cui Facebook può aiutare in caso di fenomeni di cyberbullismo.

Al momento i messaggi con l’hashtag #kissandmakeup sono più di 15mila e sono destinati ad aumentare ancora e ancora. Il messaggio “kiss and make up” vuole ricordare ai ragazzi che non solo perché nascosti dietro l’anonimato di un pc o di uno smartphone sono autorizzati a lasciare commenti offensivi, insulti e altre parole scritte per gelosia, “noia” o cattiveria e intende incoraggiarli a eliminare questi atteggiamenti per sostituirli con qualcosa di più gentile, costruttivo e positivo.

kissandmakeup cyberbullismo
Fonte: Instagram @tartecosmetics

Anche gli utenti Twitter stanno partecipando alla campagna pubblicando le loro immagini e condividendo i loro pensieri contro il cyberbullismo: spesso a condividere tali messaggi sono proprio coloro che sono stati vittima dei cyberbulli.

Intanto, in occasione della giornata mondiale per la sicurezza in rete istituita dalla Commissione Europea per il 9 febbraio con lo slogan “Play your part for a better Internet!”, il Ministero dell’Istruzione italiano ha lanciato in anteprima uno spot che fa parte della campagna del Miur contro il cyberbullismo. Una proposta di legge per punire il bullismo e il cyberbullismo è stata presentata il 23 gennaio 2014 in Parlamento; il 29 maggio dello stesso anno  iniziato l’iter in commissione Giustizia a Montecitorio. In seguito è stata avviata un’indagine conoscitiva che è tuttora in corso e ha visto alcune audizioni tra dicembre e gennaio. Ma la legge ancora non c’è.

kissandmakeup cybernullismo
Fonte: Instagram @donnaransom23