diredonna network
logo
Stai leggendo: Buon compleanno sms! 20 anni di servizio di messaggeria istantanea.

La ginnasta: "Abusata per almeno 600 volte dai 13 anni dal medico sportivo"

"Mi staccava la pelle a morsi e mi strappò l'utero": quando la violenza è "normale"

Si scatta un selfie con la sorella che sta partorendo e lo posta con queste parole

"Vi racconto la mia vita con un solo seno"

Quel bacio tra la sieropositiva e il dottore: "La mia vita con l'HIV"

William e Harry: "Mamma sapeva che la vita vera è fuori dalle mura del Palazzo"

Quella rabbia al volante che uccide sempre più spesso

Gianna Nannini sposa la compagna e se ne va: "L'Italia non mi tutela come mamma"

Lui è Searyl, il primo bambino al mondo né maschio né femmina

Morire in diretta Instagram a 16 e 24 anni: l'ultima tragica story delle reginette di bellezza

Buon compleanno sms! 20 anni di servizio di messaggeria istantanea.

Vent’anni fa in Inghilterra è stato inviato il primo sms della storia: il “Merry Christmas” che ha rivoluzionato il modo di comunicare e non solo.

3 dicembre 1992: il primo sms della storia.

Inviato dal computer di un giovane ingegnere allora 22enne tale Neil Papworth ad un cellulare  inglese  appartenente al suo capo Richard Jarvis: semplicemente “Merry Christmas”: un messaggio di testo inviato a Richard coinvolto in festeggiamenti natalizi nei pressi degli stabilimenti Vodafone  a Newbury (UK). Entrambi lavoravano allo stesso progetto per Sema Group che stava  mettendo a punto il sistema e con quel semplicissimo “test” diedero vita ad un fenomeno comunicativo destinato a cambiare le abitudini del pollice opponibile (e non solo!) dei 20 anni a seguire.

Con un limite di 160 caratteri per sms abbiamo preferito usare il testo alla voce: come post-it lasciati in giro nell’attesa di essere letti, ma decisamente più diretti . Quante volte ci siamo ritrovate ad osservare con trepidante attesa il cellulare, speranzose di sentire il suono di un sms in arrivo! Contenitori di emozioni: poche parole cariche di sentimento inviate o attese che hanno segnato il nostro vivere quotidiano ed il modo di relazionarci nonchè pesantemente corrotto la forma della lingua italiana, sommersa da “tvb – xkè – cmq – ttt”, smiles di varie forme e generi contribuendo tristemente ad allargare il buchino del portafoglio incrementando il business delle compagnie telefoniche.

Insomma, vent’anni di evoluzione sotto ogni punto di vista e non ci resta che dire “Buon Compleanno, sms!!”