diredonna network
logo
Stai leggendo: Buon compleanno sms! 20 anni di servizio di messaggeria istantanea.

Amazon Wardrobe: scegli, prova a casa gratuitamente, poi decidi se comprare

Creazioni in fimo: 3 idee facili, super carine e come realizzarle

Pronte a comprare i mobili Ikea su Amazon?

Internata in una clinica psichiatrica per impedirle di abortire: la drammatica storia di questa ragazza

Maturità 2017: ecco tutte le tracce della prima prova

Sexting, quella "prova d'amore" che può costare la vita

"Perché mi dice che le faccio schifo?": la risposta di Sergio Sylvestre contro gli haters

Jovanotti e la lettera di Pif: "Mi fa schifo chi se ne sbatte dei disabili"

Saldi estivi 2017: quando iniziano Regione per Regione e i must have della stagione!

Spose bambine: perché migliaia di minorenni si sposano ogni anno negli USA

Buon compleanno sms! 20 anni di servizio di messaggeria istantanea.

Vent’anni fa in Inghilterra è stato inviato il primo sms della storia: il “Merry Christmas” che ha rivoluzionato il modo di comunicare e non solo.

3 dicembre 1992: il primo sms della storia.

Inviato dal computer di un giovane ingegnere allora 22enne tale Neil Papworth ad un cellulare  inglese  appartenente al suo capo Richard Jarvis: semplicemente “Merry Christmas”: un messaggio di testo inviato a Richard coinvolto in festeggiamenti natalizi nei pressi degli stabilimenti Vodafone  a Newbury (UK). Entrambi lavoravano allo stesso progetto per Sema Group che stava  mettendo a punto il sistema e con quel semplicissimo “test” diedero vita ad un fenomeno comunicativo destinato a cambiare le abitudini del pollice opponibile (e non solo!) dei 20 anni a seguire.

Con un limite di 160 caratteri per sms abbiamo preferito usare il testo alla voce: come post-it lasciati in giro nell’attesa di essere letti, ma decisamente più diretti . Quante volte ci siamo ritrovate ad osservare con trepidante attesa il cellulare, speranzose di sentire il suono di un sms in arrivo! Contenitori di emozioni: poche parole cariche di sentimento inviate o attese che hanno segnato il nostro vivere quotidiano ed il modo di relazionarci nonchè pesantemente corrotto la forma della lingua italiana, sommersa da “tvb – xkè – cmq – ttt”, smiles di varie forme e generi contribuendo tristemente ad allargare il buchino del portafoglio incrementando il business delle compagnie telefoniche.

Insomma, vent’anni di evoluzione sotto ogni punto di vista e non ci resta che dire “Buon Compleanno, sms!!”