diredonna network
logo
Stai leggendo: Buon compleanno sms! 20 anni di servizio di messaggeria istantanea.

La Balena Felice e la Pink Whale contro Blue Whale, il gioco del suicidio social

Maturità: 6 trucchi per ricordare quello che si studia

"Ho lasciato che mia figlia cambiasse sesso a 4 anni e ne sono felice": la storia di Kai e di mamma Kimberly

Oroscopo dal 18 al 24 maggio - Come sopravvivere alle stelle

Cristian Fernandez: il bambino che rischia l'ergastolo

Maturità 2017, ecco le date degli esami e cosa c'è da sapere

Tenta il suicidio l'ex che ha sfigurato Gessica Notaro con l'acido

Oroscopo dal 4 al 10 maggio - Come sopravvivere alle stelle

La pratica delle neonate sepolte vive, soffocate o annegate

"Mi ha detto 'Ti amo, mamma' e poi ha chiuso gli occhi". La straziante storia di Nolan

Buon compleanno sms! 20 anni di servizio di messaggeria istantanea.

Vent’anni fa in Inghilterra è stato inviato il primo sms della storia: il “Merry Christmas” che ha rivoluzionato il modo di comunicare e non solo.

3 dicembre 1992: il primo sms della storia.

Inviato dal computer di un giovane ingegnere allora 22enne tale Neil Papworth ad un cellulare  inglese  appartenente al suo capo Richard Jarvis: semplicemente “Merry Christmas”: un messaggio di testo inviato a Richard coinvolto in festeggiamenti natalizi nei pressi degli stabilimenti Vodafone  a Newbury (UK). Entrambi lavoravano allo stesso progetto per Sema Group che stava  mettendo a punto il sistema e con quel semplicissimo “test” diedero vita ad un fenomeno comunicativo destinato a cambiare le abitudini del pollice opponibile (e non solo!) dei 20 anni a seguire.

Con un limite di 160 caratteri per sms abbiamo preferito usare il testo alla voce: come post-it lasciati in giro nell’attesa di essere letti, ma decisamente più diretti . Quante volte ci siamo ritrovate ad osservare con trepidante attesa il cellulare, speranzose di sentire il suono di un sms in arrivo! Contenitori di emozioni: poche parole cariche di sentimento inviate o attese che hanno segnato il nostro vivere quotidiano ed il modo di relazionarci nonchè pesantemente corrotto la forma della lingua italiana, sommersa da “tvb – xkè – cmq – ttt”, smiles di varie forme e generi contribuendo tristemente ad allargare il buchino del portafoglio incrementando il business delle compagnie telefoniche.

Insomma, vent’anni di evoluzione sotto ogni punto di vista e non ci resta che dire “Buon Compleanno, sms!!”