diredonna network
logo
Stai leggendo: Giornata internazionale contro la violenza sulle donne.

"Mi fanno paura gli uomini che..." quel messaggio di Maria, uccisa dall'ex

"Non accettiamo animali e gay", ma "scusate se sembro troglodita"

Muore a 8 anni mentre va al concerto: le parole di Tiziano Ferro

"Non posso immaginare un mondo senza di te": il cantante dei Linkin Park suicida come Chris Cornell

La ginnasta: "Abusata per almeno 600 volte dai 13 anni dal medico sportivo"

"Mi staccava la pelle a morsi e mi strappò l'utero": quando la violenza è "normale"

Si scatta un selfie con la sorella che sta partorendo e lo posta con queste parole

"Vi racconto la mia vita con un solo seno"

Quel bacio tra la sieropositiva e il dottore: "La mia vita con l'HIV"

William e Harry: "Mamma sapeva che la vita vera è fuori dalle mura del Palazzo"

Giornata internazionale contro la violenza sulle donne.

Una ricorrenza, che deve diventare un primo passo importante per bloccare il "femminicidio".Qualche riflessione da una donna alle donne.

Nella giornata del 25 novembre, si è celebrata a livello internazionale, la giornata contro la violenza sulle donne. In Italia, si contano già 113 donne uccise e l’aspetto più spaventoso, è che gli omicidi sono avvenuti nella maggior parte dei casi per mano di un parente stretto, che per intendersi si nasconde dietro la definizione di marito, fidanzato o  partner.

Colui che dovrebbe proteggere, ed amare la donna, è in tali casi, lo stesso che la conduce alla morte, dopo magari anni di vessazioni e violenze. Molte le associazioni coinvolte, le manifestazioni sono le più varie: mostre, rassegne cinematografiche, cortei ed incontri. Ora, il punto fondamentale, è che non occorre semplicemente condannare all’ergastolo gli uomini colpevoli (sempre che ciò avvenga realmente nella nostra giustizia penale); ma è necessario “prevenire”, agendo per quanto possibile, sulle menti degli uomini; perchè il messaggio più importante è che l’amore per una donna passa prima di tutto dal rispetto.

Occorre sensibilizzare la cittadinanza su questo punto.  Molti autorevoli voci, denunciano che la paura dell’uomo moderno potrebbe essere quello di dover affrontare una donna troppo emancipata, in grado di valicare le mura domestiche, ed affermarsi come cittadina completa a tutti gli effetti. Serve una chiara denuncia contro l’indifferenza, per aiutare tutte quelle donne che troppo spesso, timorose di abbandonare chi un tempo era il loro ” amore”, ed ora solo un carnefice, possano urlare a chiara voce la loro disperazione e vivere la loro vita…semplicemente…vivere!!

Fermiamo questa mattanza.