diredonna network
logo
Stai leggendo: Giornata internazionale contro la violenza sulle donne.

Legge choc: "I medici possono mentire alle madri per evitare gli aborti"

Oroscopo dal 23 al 29 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Ha detto basta ma non ha urlato": quindi non è violenza sessuale

Luke Perry: "Ho una lesione precancerosa al colon. Fate lo screening"

"6 motivi per scegliere una fidanzata dell'est": è polemica per la lista di Rai1

Oroscopo dal 16 al 22 marzo - Come sopravvivere alle stelle

La vita in Nord Corea: "A 9 anni ho visto giustiziare una donna per aver visto un film di Hollywood"

"Questa è mia figlia poco prima di morire": il disperato gesto di un padre contro il bullismo

Perdono i genitori in una settimana: il mondo si mobilita per pagare il mutuo ai tre fratelli

"Lui, il grande fotografo, che mi fotografava bambina e mi stuprava"

Giornata internazionale contro la violenza sulle donne.

Una ricorrenza, che deve diventare un primo passo importante per bloccare il "femminicidio".Qualche riflessione da una donna alle donne.

Nella giornata del 25 novembre, si è celebrata a livello internazionale, la giornata contro la violenza sulle donne. In Italia, si contano già 113 donne uccise e l’aspetto più spaventoso, è che gli omicidi sono avvenuti nella maggior parte dei casi per mano di un parente stretto, che per intendersi si nasconde dietro la definizione di marito, fidanzato o  partner.

Colui che dovrebbe proteggere, ed amare la donna, è in tali casi, lo stesso che la conduce alla morte, dopo magari anni di vessazioni e violenze. Molte le associazioni coinvolte, le manifestazioni sono le più varie: mostre, rassegne cinematografiche, cortei ed incontri. Ora, il punto fondamentale, è che non occorre semplicemente condannare all’ergastolo gli uomini colpevoli (sempre che ciò avvenga realmente nella nostra giustizia penale); ma è necessario “prevenire”, agendo per quanto possibile, sulle menti degli uomini; perchè il messaggio più importante è che l’amore per una donna passa prima di tutto dal rispetto.

Occorre sensibilizzare la cittadinanza su questo punto.  Molti autorevoli voci, denunciano che la paura dell’uomo moderno potrebbe essere quello di dover affrontare una donna troppo emancipata, in grado di valicare le mura domestiche, ed affermarsi come cittadina completa a tutti gli effetti. Serve una chiara denuncia contro l’indifferenza, per aiutare tutte quelle donne che troppo spesso, timorose di abbandonare chi un tempo era il loro ” amore”, ed ora solo un carnefice, possano urlare a chiara voce la loro disperazione e vivere la loro vita…semplicemente…vivere!!

Fermiamo questa mattanza.