diredonna network
logo
Stai leggendo: Le bambine potranno chiamarsi Andrea: il sì della Cassazione.

Grey's Anatomy: nuove stagioni già in programma?

La magia de l'Incantevole Creamy torna in tv: ecco quando e dove

Lui la dà alla fiamme. Lei lo difende dalla D'Urso. Momento di TV shock

"Streghe": è in arrivo un prequel della serie?

Gli insulti stupidi ad AstroSamantha per il nome della figlia (e forse è pure una bufala)

Oroscopo dal 12 al 18 gennaio 2017 - Come sopravvivere alle stelle

La dedica di Ryan Gosling è la più commovente dichiarazione d'amore di sempre

"Se hai il ciclo non puoi entrare": la rivolta social delle donne indiane

Siamo fatti così: torna in tv il cartone che racconta il corpo umano. Ecco quando e dove

Fiocco azzurro per Ellen Pompeo: la Meredith di Grey's Anatomy mamma per la terza volta

Le bambine potranno chiamarsi Andrea: il sì della Cassazione.

La Cassazione ha detto sì: le bambine ora potranno chiamarsi Andrea, senza l'obbligo del secondo nome. Una decisione che si oppone alla legge del 2007. Ecco il perchè.

La Corte di Cassazione ha finalmente detto sì: le future nasciture femmine potranno chiamarsi Andrea, senza l’obbligo del secondo nome, nonostante sia, per cultura, un nome tipicamente maschile. Il polverone era cominciato nel momento in cui il 3 agosto 2010 una bambina toscana era stata obbligata dalla magistratura a chiamarsi Giulia Andrea perchè non era possibile nelle tradizione e per la legge italiana darle solo il nome Andrea: “Andrea ha nella tradizione culturale italiana una valenza esclusivamente maschile, con la conseguenza che, nella situazione attuale e salvo modifiche future, l’imposizione di questo nome in via esclusiva viola la legge (art. 35 del dpr n. 396 del 2000), in base alla quale il nome imposto al bambino deve corrispondere al sesso“.

Ora però il problema è stato risolto: Andrea infatti, non è un nome ridicolo, vergognoso o ambiguo se associato ad una persona di sesso femminile, essendo il contesto culturale in cui viviamo non più così strettamente nazionalistico. Inoltre Andrea è un nome neutro nella maggior parte dei Paesi Europei e oltreoceano. Una decisione che va ad opporsi quindi alla circolare numero 27 dei Ministero dell’Interno risalente al 1 giugno 2007, nella quale il nome veniva proibito alle bambine.

 Siamo sicure che sarà un baby boom di piccole Andrea.