diredonna network
logo
Stai leggendo: Le bambine potranno chiamarsi Andrea: il sì della Cassazione.

Legge choc: "I medici possono mentire alle madri per evitare gli aborti"

Oroscopo dal 23 al 29 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Ha detto basta ma non ha urlato": quindi non è violenza sessuale

Luke Perry: "Ho una lesione precancerosa al colon. Fate lo screening"

"6 motivi per scegliere una fidanzata dell'est": è polemica per la lista di Rai1

Oroscopo dal 16 al 22 marzo - Come sopravvivere alle stelle

La vita in Nord Corea: "A 9 anni ho visto giustiziare una donna per aver visto un film di Hollywood"

"Questa è mia figlia poco prima di morire": il disperato gesto di un padre contro il bullismo

Perdono i genitori in una settimana: il mondo si mobilita per pagare il mutuo ai tre fratelli

"Lui, il grande fotografo, che mi fotografava bambina e mi stuprava"

Le bambine potranno chiamarsi Andrea: il sì della Cassazione.

La Cassazione ha detto sì: le bambine ora potranno chiamarsi Andrea, senza l'obbligo del secondo nome. Una decisione che si oppone alla legge del 2007. Ecco il perchè.

La Corte di Cassazione ha finalmente detto sì: le future nasciture femmine potranno chiamarsi Andrea, senza l’obbligo del secondo nome, nonostante sia, per cultura, un nome tipicamente maschile. Il polverone era cominciato nel momento in cui il 3 agosto 2010 una bambina toscana era stata obbligata dalla magistratura a chiamarsi Giulia Andrea perchè non era possibile nelle tradizione e per la legge italiana darle solo il nome Andrea: “Andrea ha nella tradizione culturale italiana una valenza esclusivamente maschile, con la conseguenza che, nella situazione attuale e salvo modifiche future, l’imposizione di questo nome in via esclusiva viola la legge (art. 35 del dpr n. 396 del 2000), in base alla quale il nome imposto al bambino deve corrispondere al sesso“.

Ora però il problema è stato risolto: Andrea infatti, non è un nome ridicolo, vergognoso o ambiguo se associato ad una persona di sesso femminile, essendo il contesto culturale in cui viviamo non più così strettamente nazionalistico. Inoltre Andrea è un nome neutro nella maggior parte dei Paesi Europei e oltreoceano. Una decisione che va ad opporsi quindi alla circolare numero 27 dei Ministero dell’Interno risalente al 1 giugno 2007, nella quale il nome veniva proibito alle bambine.

 Siamo sicure che sarà un baby boom di piccole Andrea.