diredonna network
logo
Stai leggendo: Scarpe rosse per la a Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne

Cassidy, violentata a 13 anni suicida a 15: in questa lettera il suo ultimo desiderio

Oroscopo dal 23 febbraio all'1 marzo - Come sopravvivere alle stelle

Violentata a 7 anni dal compagno della madre. Il processo dura 20 e l'accusa cade in prescrizione

Le ceneri dei defunti diventano vinili per dare ancora "voce" ai morti

Tenetevi forte: arriva il sequel di Love Actually

Traffico d'organi: il dramma dei bambini e dei profughi scomparsi nel nulla

25 lettere di (non) amore di uomini violenti alle proprie donne

Niente carcere per il 19enne stupratore. La pena: "Niente sesso fino al matrimonio"

Oroscopo dal 16 al 22 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

"Trascurano i figli per accudire i loro 12 cani": giudice toglie i figli a una coppia

Scarpe rosse per la a Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne

Il 25 novembre viene ricordata la Giornata Internazionale Contro la Violenza sulle Donne con una serie di iniziative nelle varie città italiane. La più particolare si trova a Milano, con un'installazione dell'artista Elina Chauvet.

Il 25 Novembre sarà celebrata la giornata contro la violenza sulle donne e tante città italiane si riempiono di iniziative per manifestare solidarietà e soprattutto interesse sull’argomento. L’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha deciso in data 17 dicembre 1999 di ricordare la violenza sulle donne, promuovendo campagne di sensibilizzazione per eliminare il problema. A Milano il progetto più particolare: in zona Colonne di San Lorenzo, una fila di scarpe rosse che simboleggia tutte le donne vittime di violenza, in un’installazione dell’artista Elina Chauvet, che ha creato l’opera proprio per la Giornata. Nella capitale lombarda andrà anche in scena dal 23  la rassegna di cinema femminile promossa da Intervita dal titolo “Siamo Pari”.

Le manifestazioni saranno presenti in tutta Italia: a Ferrara potete trovare diverse performance artistiche dedicate alle donne “L’arte contro la violenza e il dolore”; a Bologna il festival “La violenza illustrata” un percorso fotografico ne La casa delle donne, in cui saranno messe in mostra immagini che allontanano l’idea della vita domestica come luogo di dolore e abusi. A Genova, si conterà lentamente fino a 100, numero corrispondente alle vittime nel 2012, in un happening promosso dal Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura; nella Capitale l’Associazione Fab(b)rica presenta venerdì 23 lo spettacolo Barbablù a teatro e il ricavato sarà interamente devoluto al Centro AntiViolenza Erinna.