diredonna network
logo
Stai leggendo: Scarpe rosse per la a Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne

Muore a 8 anni mentre va al concerto: le parole di Tiziano Ferro

"Non posso immaginare un mondo senza di te": il cantante dei Linkin Park suicida come Chris Cornell

La ginnasta: "Abusata per almeno 600 volte dai 13 anni dal medico sportivo"

"Mi staccava la pelle a morsi e mi strappò l'utero": quando la violenza è "normale"

Si scatta un selfie con la sorella che sta partorendo e lo posta con queste parole

"Vi racconto la mia vita con un solo seno"

Quel bacio tra la sieropositiva e il dottore: "La mia vita con l'HIV"

William e Harry: "Mamma sapeva che la vita vera è fuori dalle mura del Palazzo"

Quella rabbia al volante che uccide sempre più spesso

Gianna Nannini sposa la compagna e se ne va: "L'Italia non mi tutela come mamma"

Scarpe rosse per la a Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne

Il 25 novembre viene ricordata la Giornata Internazionale Contro la Violenza sulle Donne con una serie di iniziative nelle varie città italiane. La più particolare si trova a Milano, con un'installazione dell'artista Elina Chauvet.

Il 25 Novembre sarà celebrata la giornata contro la violenza sulle donne e tante città italiane si riempiono di iniziative per manifestare solidarietà e soprattutto interesse sull’argomento. L’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha deciso in data 17 dicembre 1999 di ricordare la violenza sulle donne, promuovendo campagne di sensibilizzazione per eliminare il problema. A Milano il progetto più particolare: in zona Colonne di San Lorenzo, una fila di scarpe rosse che simboleggia tutte le donne vittime di violenza, in un’installazione dell’artista Elina Chauvet, che ha creato l’opera proprio per la Giornata. Nella capitale lombarda andrà anche in scena dal 23  la rassegna di cinema femminile promossa da Intervita dal titolo “Siamo Pari”.

Le manifestazioni saranno presenti in tutta Italia: a Ferrara potete trovare diverse performance artistiche dedicate alle donne “L’arte contro la violenza e il dolore”; a Bologna il festival “La violenza illustrata” un percorso fotografico ne La casa delle donne, in cui saranno messe in mostra immagini che allontanano l’idea della vita domestica come luogo di dolore e abusi. A Genova, si conterà lentamente fino a 100, numero corrispondente alle vittime nel 2012, in un happening promosso dal Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura; nella Capitale l’Associazione Fab(b)rica presenta venerdì 23 lo spettacolo Barbablù a teatro e il ricavato sarà interamente devoluto al Centro AntiViolenza Erinna.