diredonna network
logo
Stai leggendo: Scarpe rosse per la a Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne

Legge choc: "I medici possono mentire alle madri per evitare gli aborti"

Oroscopo dal 23 al 29 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Ha detto basta ma non ha urlato": quindi non è violenza sessuale

Luke Perry: "Ho una lesione precancerosa al colon. Fate lo screening"

"6 motivi per scegliere una fidanzata dell'est": è polemica per la lista di Rai1

Oroscopo dal 16 al 22 marzo - Come sopravvivere alle stelle

La vita in Nord Corea: "A 9 anni ho visto giustiziare una donna per aver visto un film di Hollywood"

"Questa è mia figlia poco prima di morire": il disperato gesto di un padre contro il bullismo

Perdono i genitori in una settimana: il mondo si mobilita per pagare il mutuo ai tre fratelli

"Lui, il grande fotografo, che mi fotografava bambina e mi stuprava"

Scarpe rosse per la a Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne

Il 25 novembre viene ricordata la Giornata Internazionale Contro la Violenza sulle Donne con una serie di iniziative nelle varie città italiane. La più particolare si trova a Milano, con un'installazione dell'artista Elina Chauvet.

Il 25 Novembre sarà celebrata la giornata contro la violenza sulle donne e tante città italiane si riempiono di iniziative per manifestare solidarietà e soprattutto interesse sull’argomento. L’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha deciso in data 17 dicembre 1999 di ricordare la violenza sulle donne, promuovendo campagne di sensibilizzazione per eliminare il problema. A Milano il progetto più particolare: in zona Colonne di San Lorenzo, una fila di scarpe rosse che simboleggia tutte le donne vittime di violenza, in un’installazione dell’artista Elina Chauvet, che ha creato l’opera proprio per la Giornata. Nella capitale lombarda andrà anche in scena dal 23  la rassegna di cinema femminile promossa da Intervita dal titolo “Siamo Pari”.

Le manifestazioni saranno presenti in tutta Italia: a Ferrara potete trovare diverse performance artistiche dedicate alle donne “L’arte contro la violenza e il dolore”; a Bologna il festival “La violenza illustrata” un percorso fotografico ne La casa delle donne, in cui saranno messe in mostra immagini che allontanano l’idea della vita domestica come luogo di dolore e abusi. A Genova, si conterà lentamente fino a 100, numero corrispondente alle vittime nel 2012, in un happening promosso dal Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura; nella Capitale l’Associazione Fab(b)rica presenta venerdì 23 lo spettacolo Barbablù a teatro e il ricavato sarà interamente devoluto al Centro AntiViolenza Erinna.