diredonna network
logo
Stai leggendo: Ragazza diciassettenne uccisa da pirata della strada

Oroscopo dal 23 febbraio all'1 marzo - Come sopravvivere alle stelle

Violentata a 7 anni dal compagno della madre. Il processo dura 20 e l'accusa cade in prescrizione

Le ceneri dei defunti diventano vinili per dare ancora "voce" ai morti

Tenetevi forte: arriva il sequel di Love Actually

Traffico d'organi: il dramma dei bambini e dei profughi scomparsi nel nulla

25 lettere di (non) amore di uomini violenti alle proprie donne

Niente carcere per il 19enne stupratore. La pena: "Niente sesso fino al matrimonio"

Oroscopo dal 16 al 22 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

"Trascurano i figli per accudire i loro 12 cani": giudice toglie i figli a una coppia

Gessica, sfigurata dall'acido: "La strada è lunga, ma tengo duro". Il video messaggio su Facebook

Ragazza diciassettenne uccisa da pirata della strada

I pirati della strada colpiscono ancora: un uomo incensurato di 54 anni, ubriaco, uccide una giovane ragazza scout.

 

Questa volta succede a Lodi, dove un’altra giovane vita è stata strappata prematuramente ad una vita felice, normale, quella normale di una diciassettenne. Si chiamava Altea Trini ed era una scout. Al ritorno da una scampagnata con gli scout, stava attraversando un incrocio per tornare a casa, in comitiva, quando le è piombato addosso un Range Rover guidato da un uomo di 54 anni, incensurato, che guidava ad altissima velocità: l’impatto è stato violentissimo, con cofano e parabrezza danneggiati, e la ragazza trascinata per decine di metri. Sul posto sono stati rilevati circa 300 metri di frenata. Il conducente è fuggito senza prestare soccorso ed è stato ritrovato a bordo dell’auto in un campo, in evidente stato alterato. Dimostrato poi dagli esami tossicologici, non ancora disponibili, ma alcune indiscrezioni parlano di un tasso alcolemico di tre volte superiore al normale.

L’indagine è ancora in corso e le dinamiche dell’incidente sono ancora da chiarire, ma l’uomo è stato denunciato in stato di libertà per guida in stato d’ebbrezza verrà con tutta probabilità denunciato per omicidio colposo non appena saranno sentiti tutti i testimoni. Ovviamente è scattato anche il ritiro immediato della patente. Nel frattempo, è stato sentito dai carabinieri ed è tornato a casa.

E cresce lo sdegno dei familiari de gli amici della giovane Altea, strappata ingiustamente ad una vita felice da una persona irresponsabile che guida a tutta velocità infischiandosene delle leggi. Quello che fa più orrore è che succede sempre, spesso, e le vittime sono persone innocenti, brave persone, che hanno solo avuto la sofrtuna di trovarsi nel posto sbagliato nel momento sbagliato.  E’ anche inquietante notare che ci sono persone ubriache che guidano non solo di notte, come si è abituati a pensare, ma anche in un pomeriggio qualunque di una qualunque domenica. Persone che bevono per i motivi più disparati. Vite spezzate per sempre.

Un pensiero va alla giovane Altea e alla sua famiglia. Un altro angelo nel cielo.