diredonna network
logo
Stai leggendo: Agosto, mese delle stelle cadenti: ecco le notti migliori per osservarle

"Non ci porterete via la libertà": la lezione di Ariana Grande e dei ragazzi d'oggi

Oggi Marco avrebbe compiuto gli anni: le toccanti parole di papà Gianni

Amazon Wardrobe: scegli, prova a casa gratuitamente, poi decidi se comprare

Creazioni in fimo: 3 idee facili, super carine e come realizzarle

Pronte a comprare i mobili Ikea su Amazon?

Internata in una clinica psichiatrica per impedirle di abortire: la drammatica storia di questa ragazza

Maturità 2017: ecco tutte le tracce della prima prova

Sexting, quella "prova d'amore" che può costare la vita

"Perché mi dice che le faccio schifo?": la risposta di Sergio Sylvestre contro gli haters

Jovanotti e la lettera di Pif: "Mi fa schifo chi se ne sbatte dei disabili"

Agosto, mese delle stelle cadenti: ecco le notti migliori per osservarle

Agosto è il mese delle stelle cadenti. La notte tra il 12 e il 13 agosto sarà il momento migliore per osservare la "pioggia" delle Perseidi. Avete preparato la lista dei desideri da esprimere? Ecco alcuni suggerimenti per non perdere l'affascinante fenomeno.
Fonte Web
Fonte Web

Agosto è il mese delle stelle cadenti. Nell’immaginario collettivo, la notte del 10 agosto è considerata il momento più indicato per assistere a questo affascinante fenomeno. In realtà il picco massimo è previsto un paio di giorni dopo. Attenzione, quindi, ragazze: occhi puntati al cielo e tenete pronta la lista dei desideri. Ad ogni stella cadente, infatti, potete esprimerne uno.

Da sempre proprio la notte di San Lorenzo ha affascinato non solo gli astronomi, ma anche i letterati e i filosofi. Pensate che il poeta Giovanni Pascoli menziona proprio questo santo (nonché le stelle cadenti) nella nota poesia X agosto, composta in memoria del padre: “San Lorenzo, io lo so perché tanto di stelle per l’aria tranquilla arde e cade […]”. E noi cosa dobbiamo aspettarci, ragazze, in questi primi giorni di agosto?

Qualche giorno fa avevamo accennato al fenomeno della Luna blu, ma fortunatamente la presenza di questo satellite non influirà sulla possibilità di guardare le stelle cadenti. Anzi, la recente luna piena ci metterà nelle condizioni di avere una luna poco luminosa nei prossimi giorni, offrendoci un cielo stellato mozzafiato. Gli esperti dell’Unione Astrofili Italiani (Uai), infatti, ci rassicurano: lo sciame delle Perseidi, atteso in realtà nella notte fra il 12 e il 13 agosto, non verrà disturbato dalla luce lunare. Queste le loro parole:

Senza il disturbo della luce lunare avremo condizioni ideali per osservare un maggior numero di meteore. All’indomani del picco, il 14 agosto, ci sarà infatti la Luna Nuova.

Ma cosa sono, dunque, le Perseidi? Spettacoli stelle cadenti di agosto, nonché lo sciame più numeroso visibile (si parla di 100-120 meteore l’ora). Ma attenzione ragazze: non sarà l’unico. Ci saranno, infatti, anche altri fenomeni meno significativi, formati da corpuscoli minuti che arriveranno nell’atmosfera a bassa velocità. Aggiungono, infatti, gli esperti:

Non è escluso che si possa vedere qualche membro particolarmente brillante anche di sciami minori. Questo, comunque, sarà facilmente riconoscibile per la lenta velocità angolare e per la caratteristica esplosione finale colorata.

Sguardo fisso al cielo, quindi, la notte fra il 12 e il 13 agosto. Ma per chi non amasse l’attesa (eccomi, presente all’appello) intorno al 9 agosto si potrà osservare anche l’arrivo delle Delta Aquaridi, mentre l’11 agosto sarà la volta delle Aquilidi. Insomma amiche: ci sono buone probabilità di riuscire ad esprimere qualche desiderio.

Qualche consiglio pratico per agevolarci nell’impresa? Per poter assistere al fenomeno delle stelle cadenti, le ore migliori sono quelle più tarde della notte. E mi raccomando: cercate di guardare il cielo lontano da fonti luminosi intense. È addirittura meglio il buio assoluto.

Puntate lo sguardo (o gli appositi strumenti di osservazione se siete super attrezzate) verso l’area a nordest del cielo, in direzione della costellazione di Perseo, fra Andromeda (in basso) e il pentagono dell’Auriga (in alto). Il gioco è fatto: le spettacolari Perseidi (che altro non sono, se non residui della disintegrazione della cometa Swift-Tuttle) daranno luogo a scie luminose estremamente caratteristiche. Non si può sbagliare…o almeno lo assicurano gli esperti!

Un’altra curiosità: questo sciame di stelle viene comunemente chiamato “Lacrime di San Lorenzo”. Nel XIX secolo, infatti, il massimo della sua frequenza avveniva proprio il giorno in cui viene ricordato il santo (ovvero il 10 agosto). Attualmente, tuttavia, sappiamo che il picco maggiore è previsto un paio di giorni dopo: a cavallo tra il 12 e il 13 agosto.

Ragazze vi abbiamo dato tutte le informazioni del caso: non resta che attendere e preparare la lista di desideri. Carta e penna alla mano, noi siamo pronte. E voi?