diredonna network
logo
Stai leggendo: Dopo il leone Cecil, il web insorge contro la killer di giraffe

"Trascurano i figli per accudire i loro 12 cani": giudice toglie i figli a una coppia

Cassidy, violentata a 13 anni suicida a 15: in questa lettera il suo ultimo desiderio

Oroscopo dal 23 febbraio all'1 marzo - Come sopravvivere alle stelle

Violentata a 7 anni dal compagno della madre. Il processo dura 20 e l'accusa cade in prescrizione

Le ceneri dei defunti diventano vinili per dare ancora "voce" ai morti

Tenetevi forte: arriva il sequel di Love Actually

Traffico d'organi: il dramma dei bambini e dei profughi scomparsi nel nulla

25 lettere di (non) amore di uomini violenti alle proprie donne

Niente carcere per il 19enne stupratore. La pena: "Niente sesso fino al matrimonio"

Oroscopo dal 16 al 22 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

Dopo il leone Cecil, il web insorge contro la killer di giraffe

Dopo il caso del dentista americano che ha ucciso Cecil, leone simbolo dello Zimbabwe, il web insorge contro Sabrina Corgatelli, ragioniera americana con la passione per la caccia. La donna, già soprannominata "killer di giraffe", ha pubblicato sui social immagini che la ritraggono con i suoi trofei: antilopi, coccodrilli e giraffe esanimi ai propri piedi. Intanto il fidanzato, che condivide la sua stessa passione, dice: "Cecil era solo un leone. Ne ho uccisi due e mi sono divertito".
Fonte Web

Nei giorni scorsi avevamo parlato di Walter Palmer, dentista (nonché cacciatore) americano che aveva ucciso Cecil, leone simbolo dello Zimbabwe appartenente ad una specie rara che viveva in un parco protetto per animali. La notizia ha destato un tale clamore sul web che, a distanza di giorni, ancora si parla animatamente del fatto.

Sulla scia di tutto questo, i “fari mediatici” sono ora puntati su Sabrina Corgatelli, ragioniera americana di origini italiane proveniente dall’Idaho. Nelle proprie pagine Instagram e Facebook, infatti, la cacciatrice vanta numerosi trofei: antilopi, coccodrilli, giraffe ed altri animali di tale calibro che giacciono privi di vita accanto a lei.

E il web, nuovamente, insorge. La immagini postate dalla donna dividono in due la Rete e i commenti degli utenti: chi condivide la stessa passione per le battute di caccia la osanna, chi reputa questa attività troppo cruenta la critica aspramente. Un botta e risposta infuocato, che si alimenta giorno dopo giorno.

Nell’occhio del ciclone, la ragioniera americana, oltre a pubblicare sul web e sui social le immagini delle imprese compiute, pubblicizza allo stesso tempo anche le armi utilizzate e le tenute da caccia. Noncurante delle critiche, Sabrina Corgatelli risponde agli attacchi dando valore alla propria passione sportiva e rincarando ulteriormente la dose postando frasi come: “Presto avrete altro materiale di cui parlare”.

E alle parole della donna seguono i commenti del fidanzato, Aaron Neilson, a sua volta appassionato di caccia che ha spezzato una lancia a favore di Walter Palmer commentando:

Nelle ultime settimane anch’io ho ucciso due leoni. Teniamo presente che stiamo parlando di un leone e non di Cecil, Bob, Sammy o qualsiasi altro nome umano. Un leone selvaggio che vive in un parco nazionale. Punto.

Queste dichiarazioni fanno parte di un lungo post che lo stesso Neilson ha reso pubblico e divulgato in rete, precisando di non conoscere bene i termini della vicenda di Cecil, ma ponendo l’attenzione sulla responsabilità che necessariamente hanno le guide locali che hanno accompagnato il dentista americano nella battuta di caccia.

La coppia, quindi, difende strenuamente la propria passione a discapito delle feroci critiche degli internauti. Orgogliosa della propria abilità, nei giorni scorsi la stessa Corgatelli ha postato sui social addirittura un passo della Genesi: “Ogni cosa che si muove e vive, sarà cibo per te. Così come ti ho dato le piante, ti ho dato tutto”. E il fidanzato ha rincarato la dose con queste parole:

Io e Sabrina riceviamo moltissimi messaggi carichi d’odio, senza contare anche le minacce di morte. Ma io sono un cacciatore: non mi scuso, non indietreggio e non mi nascondo.

Alla luce di tutto questo, gli ambientalisti continuano a mobilitare il web a difesa degli animali, vittime della caccia. Petizioni on-line, post di protesta, blog e forum dedicati: c’è solo l’imbarazzo della scelta. La bufera mediatica non è certo destinata a fermarsi qui. E voi ragazze cosa ne pensate? Attendiamo i vostri commenti.

Fonte Web