diredonna network
logo
Stai leggendo: Le Tute Eleganti, un’Alternativa di Classe e alla Moda

Il tema del Met Gala 2018 è davvero molto molto controverso

CaféNoir autunno/inverno 2017-2018: tutti i pezzi della nuova collezione!

Dimmi come porti la borsa e ti dirò chi sei

I "roller-tacchi" di Saint Laurent sono realtà (e hanno un prezzo!)

Zara collezione autunno/inverno 2017/2018: i capi che non possiamo non comprare

Borse con frange: i modelli da avere e le anticipazioni per l'autunno/inverno 2017!

Come funziona la pianta mangiafumo?

"Nella gioia e nel dolore, nella salute e nella malattia": la forza dell'amore di quest'uomo

Melinda Gates: "Perché dobbiamo sostenere e pretendere il controllo delle nascite"

Quando l'arcobaleno è rosa: la spiegazione del fenomeno

Le Tute Eleganti, un'Alternativa di Classe e alla Moda

La tuta elegante è ormai diventata un must have di questa stagione ma non solo, ma come nasce la tuta e come abbinarla al nostro corpo? Scopritelo con noi!
Tute Eleganti
Fonte: Web

Stanche dei soliti vestiti eleganti o gonne? Non vi va di indossare un tailleur?

Se vi aspetta un’occasione importante, o anche solo una serata speciale ma non vi va di indossare i soliti abiti o i soliti pantaloni ecco per voi l’alternativa, la tuta elegante.

1. Come nasce la Jumpsuit

Tute Eleganti
Fonte: web

La tuta, chiamata anche jumpsuit nasce come indumento maschile sportivo o da lavoro, fino a qualche anno fa infatti la indossavano soprattutto i paracadutisti. La tuta dei paracadutisti era studiata per isolare il corpo dalle temperature molto basse dovute all’altitudine.

Anche i piloti tutt’ora indossano le tute, aviatori e astronauti le usano per ritardare il fuoco ed evitare abrasioni in caso di pericolo. Al contrario per chi pratica sport invernali la tuta serve a proteggere dal freddo.

Insomma, la jumpsuit inizia la sua storia come un capo d’abbigliamento di protezione per il corpo delle persone che praticavano lavori molto pericolosi.

2. La tuta in Italia

Tute Eleganti
Fonte: Web

Nel 1919, l’italiano Ernesto Michahelles (in arte Thayaht) disegna la prima jumpsuit e le da il nome di “TuTa“, la sponsorizza attraverso il quotidiano “La Nazione”. La sua idea era quella di un capo rivoluzionario, anti borghese e pratico: voleva un abito facile sia da realizzare che da indossare, cioè un pezzo di stoffa con pantalone e maglia integrata, sette bottoni e una cintura in vita. Il piano non andò come voleva e invece di essere utilizzata come un capo da tutti i giorni diventò un capo modaiolo per l’alta borghesia fiorentina.

Fu Elsa Schiaparelli, rivale di Coco Chanel e insieme a lei tra le più influenti stiliste del XX secolo, a dare la svolta alla tuta. Quando iniziò la Guerra nel 1939 la stilista reagì a colpi di moda, disegnando collezioni ispirate alla guerra, usando colori da trincea e per la prima volta creando una bella tuta da donna. Era di seta verde, con grandi tasche nella parte anteriore, era disegnata per uso pratico nei bunker ma più immaginabile indossata dalle donne per le strade di Parigi che in ripari sotterranei e pieni di fuliggine.

Durante la guerra però la tuta non ebbe un gran successo e fu presto dimenticata, gli stilisti inoltre scappavano da Parigi sempre a causa della guerra e la moda passò in secondo piano.

3. Irene Galitzine e il “Pijama Palazzo”

Tute Eleganti
Fonte: Web

Negli anni ’60 la tuta tornò alla ribalta grazie ad Irene Galitzine e questa volta prese davvero piede come capo d’alta moda, elegante e femminile. 

La Galitzine presenta la sua prima collezione a Palazzo Pitti: tutti rimangono sorpresi dal Pijama Palazzo, un capo esclusivo, innovativo e moderno, che rilancia definitivamente le tute eleganti. Subito prende piede nel mondo della moda, viene fotografato e diffuso al livello globale e star del calibro di Audrey Hepburn, Elizabeth Taylor e Jackie O iniziano ad indossarle, queste tute non solo erano di lusso ma si dice fossero anche molto comode.

4. La tuta oggi

Tute Eleganti
Fonte: Web

La tuta elegante oggi è diventata un trend a cui non possiamo rinunciare. Oltre ad essere molto comoda si può indossare in svariati modi.

Innanzitutto la si trova di diversi tessuti, seta, cotone e in base all’effetto che vogliamo avere possiamo scegliere la più adatta a noi. Ne esistono con la cintura a vita alta, questo modello esalterà il punto vita e distoglierà l’attenzione dai fianchi, facendoli apparire più snelli.

Se invece avete un fisico asciutto senza molte forme dovrete puntare l’attenzione nella parte superiore, ovvero mettere in evidenza la scollatura, magari a V e a vita alta quasi fin sotto il seno. Se non siete molto alte e non avete gambe lunghe potete sfoggiare modelli di tuta corti, se lo stile della tuta è elegante non risulterà casual solamente per un fattore di lunghezza.

Le varianti sono davvero infinite e la scelta altrettanto dura, potete portarla con le maniche lunghe, corte, senza maniche o con bustier. Esistono anche modelli in pizzo che creano l’effetto vedo-non vedo rimanendo molto eleganti e non sembrando per nulla volgari.

Il colore sempre adatto ed elegante è il nero, ma esistono infinite varianti di colore tra cui scegliere: in questo periodo in particolare vanno molto i rosa salmone, colori caldi e accesi, ma sulle passerelle ci sono davvero tute di qualsiasi colore, sta a voi scegliere quale preferite!

Tute Eleganti
Fonte: Web