diredonna network
logo
Stai leggendo: Il Revival della Moda Anni ’70: Stile Hippie ma non solo

Costumi Goldepoint 2017: sfilata e collezione dalle atmosfere seventies

Blu Niagara, il colore dei matrimoni e della primavera 2017

5 modi per avere vestiti nuovi senza spendere un capitale

Perché questo abito di Primark è in vendita su Ebay al doppio del suo prezzo

Motivi primavera/estate 2017: nuova linea e capsule collection ispirata a Coachella!

Tempo di togliere i collant, non le calze a rete: come abbinarle

"Ieri mi ha detto che sono bellissima": la lettera della moglie malata al marito

Vampiri energetici: come riconoscerli e imparare a difenderti da loro

La maledizione della lotteria: "Ero più felice prima di vincere al Gratta e Vinci"

"Quando me ne sarò andato": questo padre ha lasciato a suo figlio un messaggio lungo tutta una vita

Il Revival della Moda Anni '70: Stile Hippie ma non solo

La moda anni '70 non si può ridurre a slogan e semplificazioni: è nata da diverse sfumature di stile, tendenze che nascevano e altre che sparivano. Scopriamo come gli anni '70 stanno ancora influenzando le passerelle e il mondo della moda nel 2015.
Fonte: Web

La moda anni ’70 ha continuato un trend degli anni ’60 ovvero lo stile hippie e floreale. Gli anni ’70 sono stati caratterizzati da camicie larghe a fiori, dalle prime mini gonne, dai pantaloni a zampa di elefante, un decennio in cui si poteva vedere di tutto, dalla zeppa colorata vertiginosa ai sandali marroni rasoterra.

1. Moda Anni Settanta: Flower Power!

Fonte: Web

Già da fine anni ’60 la moda hippie prese il sopravvento e le decorazioni floreali andavano per la maggiore.
Gli abiti erano ben lontani da quello che immaginiamo, infatti somigliavano più a vere e proprie tuniche, anche le gonne erano larghe e lunghe fino alle caviglie. Andavano molto anche i poncho e le mantelle, il tutto rigorosamente colorato e in fantasia. Il tessuto dei pantaloni poteva essere il denim o la tela ma di qualsiasi materiale fossero dovevano essere a zampa di elefante.

Negli anni ’70 anche gli accessori erano protagonisti, se adesso infatti facciamo attenzione a non indossare troppi accessori prima di uscire di casa per non somigliare ad un albero di Natale, in quel periodo le donne non si ponevano di certo questo problema! Non parliamo solo di braccialetti, collane o orecchini, ma di collari per cani usati come collane, piume ovunque, cuoio usato come ornamento, perline, conchiglie, pietre e chi più ne ha più ne metta! Tutti questi accessori riflettevano la cultura hippie e naive di quel tempo.

Ma attenzione, la moda Anni Settanta non è solo questo…

2. Moda Anni Settanta: Non solo hippie

Fonte: Web

La moda hippie e figli dei fiori andava per la maggiore negli anni ’70 ma non era l’unica corrente del decennio. Molte donne preferivano essere più glamour e avere uno stile più elegante, gli hippie infatti non erano proprio ben visti da tutti.
In questi anni andavano molto le stampe geometriche, i vestiti mini e le gonne cortissime. La minigonna infatti era un capo nuovo, nato da poco, la moda del momento. La minigonna fu molto discussa soprattutto dal movimento femminista, in quanto con gli anni si continuava ad accorciarla e invece che sembrare un simbolo di rivolta per le donne era vista più come una strumentalizzazione della donna. Le modelle nelle pubblicità cominciarono ad indossarle e vennero fatte indossare alle donne anche per certi lavori a contatto con il pubblico, per esempio la hostess.
Nonostante le molte critiche la minigonna non sparì mai del tutto e infatti è ancora un capo molto diffuso.
Oltre alle fantasie geometriche anche le righe presero piede, sugli abiti o sulle magliette, trasversali o dritte. Un altro trend erano gli abiti a trapezio, con bottoni e senza maniche.
Non dimentichiamoci poi della disco anni ’70, quindi abitini in strass o dorati, comunque molto luminosi per illuminare la pista da ballo!

3. La moda anni ’70 nel 2015

Roberto Cavalli. Fonte: Web

Può non sembrare ma è così: la moda anni ’70 ha sempre qualcosa di attuale. I grandi stilisti infatti per le collezioni primavera/estate 2015 si sono sbizzarriti con abiti e accessori che richiamano molto lo stile hippie. Le versioni di questi abiti sono ovviamente rivisitati per adattarsi alle esigenze della donna del 2015 ma quel mood anni ’70 rimane dominante.

Gucci ha proposto il ritorno del camoscio in passerella, dagli stivaloni marroni alle borse sempre in camoscio colorate.
Etro invece ha puntato sugli accessori con collane, bracciali e bijoux fatti di perline colorate, piume, collane e bracciali in pelle.
Emilio Pucci invece ha scelto di rivisitare il famoso gilet (reso popolare da Janis Joplin negli anni ’70) allungandolo nella parte posteriore ma mantenendo le frange e i fiori.
Angelo Marani propone un hippie chic con poncho scamosciato e colorato abbinato ad una collana con fiori.

E voi tornereste ad indossare degli abiti che ora ci appaiono così vintage? Preferite lo stile anni ’70 hippie o più glamour e geometrico? Una cosa è certa, la moda anni ’70 è stato il trend dominante nelle passerelle e quest’estate potrete divertirvi a mixare forme e colori, indossare accessori con frange o piume.