diredonna network
logo
Stai leggendo: Inghiottita dalla Scala Mobile: Giovane Mamma Muore per Salvare il Figlio

Violentata a 7 anni dal compagno della madre. Il processo dura 20 e l'accusa cade in prescrizione

Le ceneri dei defunti diventano vinili per dare ancora "voce" ai morti

Tenetevi forte: arriva il sequel di Love Actually

Traffico d'organi: il dramma dei bambini e dei profughi scomparsi nel nulla

25 lettere di (non) amore di uomini violenti alle proprie donne

Niente carcere per il 19enne stupratore. La pena: "Niente sesso fino al matrimonio"

Oroscopo dal 16 al 22 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

"Trascurano i figli per accudire i loro 12 cani": giudice toglie i figli a una coppia

Gessica, sfigurata dall'acido: "La strada è lunga, ma tengo duro". Il video messaggio su Facebook

Figli che uccidono i genitori: 7 casi shock

Inghiottita dalla Scala Mobile: Giovane Mamma Muore per Salvare il Figlio

Una giovane madre e suo figlio erano andati a fare shopping: poi la tragedia. Il drammatico incidente è accaduto in un centro commerciale cinese, a Jingzhou.
Fonte: Cosmopolitan.com

A Jingzhou, città della provincia di Hubei nella Cina centrale, è accaduta una vera e propria tragedia. Di quelle che sembrano addirittura incredibili, tanto ci lasciano senza parole. Una giovane donna, infatti, è stata letteralmente schiacciata dagli ingranaggi di una scala mobile in un centro commerciale. E il tutto è stato ripreso dalle telecamere e il video ha fatto il giro del web.

Xiang Liujun, 30 anni, è riuscita fortunatamente a mettere in salvo il figlio prima di rimanere incastrata nella voragine e soccombere. Una scena terribile, che lascia totalmente sgomenti. Sembra di assistere ad un film dell’orrore, ma purtroppo è tutto reale. Come può essere accaduto tutto ciò?

Le telecamere a circuito chiuso hanno permesso di ricostruire il drammatico incidente: uno dei pannelli che coprono gli ingranaggi che fanno muovere la scala mobile ha ceduto. Improvvisamente si è aperto un buco spaventoso e la donna e il bambino sono precipitati. La madre è riuscita a mettere in salvo il figlio, passandolo a degli inservienti, ma per lei non c’è stato niente da fare.  I presenti hanno cercato di aiutare Xiang Liujun, ma non sono riusciti ad estrarla in tempo dalla voragine.

Pochi secondi e la vita della 30enne madre cinese è stata spezzata. Il suo corpo è stato agganciato e trascinato dagli ingranaggi, davanti ai malcapitati clienti del centro commerciale e soprattutto davanti a suo figlio di 3 anni. Le addette del centro commerciale hanno assistito immobili alla scena, senza sapere cosa fare. Ho i brividi al solo pensiero di tutto questo.

Le autorità locali stanno compiendo le dovute indagini del caso per verificare se le manutenzioni degli impianti fossero state eseguite correttamente e come mai la struttura abbia ceduto. Il giornale Wuhan Evening News ha reso noto che “la scala mobile dove si è verificato l’incidente sarebbe stata controllata recentemente”. Il tutto, ovviamente, è al vaglio degli inquirenti.

Alcuni giornalisti cinesi, tuttavia, hanno puntato il dito contro gli operai responsabili della manutenzione del centro commerciale e della scala mobile incriminata. Secondo quanto hanno riportato negli articoli, infatti, gli addetti non avrebbero fissato correttamente il pannello che ha ceduto sotto il peso della donna e del bambino.

Molte le ipotesi formulate per poter comprendere chi debba essere ritenuto responsabile della terribile morte. La direzione del centro commerciale, tuttavia, non ha voluto commentare l’accaduto, né emettere alcun tipo di comunicato ufficiale.

Di certo Xiang Liujun è caduta nel meccanismo mortale alle 10,09 locali di domenica 26 luglio 2015, come si può evincere dalle riprese e come riferiscono la tv di Stato CCTV e il quotidiano Wuhan Evening News. I soccorsi sono arrivati tempestivamente sul luogo dell’incidente, ma il corpo della donna è stato estratto dagli ingranaggi solo dopo quattro ore.

L’incidente ha destato grande clamore e ha scatenato la furia del web. In  poche ore sono migliaia i commenti pubblicati in rete e in Cina è nato addirittura un microblog dedicato all’incidente che ha avuto più di 20milioni di contatti in soli due giorni.