diredonna network
logo
Stai leggendo: Allarme Caldo Record da Domani: Ecco le 20 Città Italiane Più Colpite

Legge choc: "I medici possono mentire alle madri per evitare gli aborti"

Oroscopo dal 23 al 29 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Ha detto basta ma non ha urlato": quindi non è violenza sessuale

Luke Perry: "Ho una lesione precancerosa al colon. Fate lo screening"

"6 motivi per scegliere una fidanzata dell'est": è polemica per la lista di Rai1

Oroscopo dal 16 al 22 marzo - Come sopravvivere alle stelle

La vita in Nord Corea: "A 9 anni ho visto giustiziare una donna per aver visto un film di Hollywood"

"Questa è mia figlia poco prima di morire": il disperato gesto di un padre contro il bullismo

Perdono i genitori in una settimana: il mondo si mobilita per pagare il mutuo ai tre fratelli

"Lui, il grande fotografo, che mi fotografava bambina e mi stuprava"

Allarme Caldo Record da Domani: Ecco le 20 Città Italiane Più Colpite

L'anticiclone Caronte colpirà l'Italia nel week end. Previste temperature torride in tutta la Penisola, con picchi da 37 a 40 gradi.
Fonte: Web

Mentre sto scrivendo, il condizionatore sta funzionando al massimo, ma a me sembra di essere in un forno. Faccio del mio meglio per non pensare al caldo torrido, ma la mia testa continua a canticchiare in automatico una buffa canzone di qualche anno fa che diceva: “All’ombra 200 Fahrenheit, si squaglia l’asfalto, fa caldo, caldo, caldo, caldo, caldo, caldo, caldo, caldo”. La ricordate? Mi rendo conto che il brano e il testo lasciano un po’ a desiderare, ma vi assicuro che quando inizierete a ripetere il motivetto sarà impossibile togliervelo dalla mente.

Anche perché l’afa di questi giorni non è destinata a finire, anzi! Non è prevista nessuna tregua alla calura: venerdì, sabato e domenica saranno 3 giornate di fuoco a causa dell’anticiclone africano Caronte. Secondo i meteorologi, infatti, in tutta l’Italia si toccheranno temperature record fino a 40 gradi, ma la percezione del caldo sarà addirittura peggiore.

Iniziamo, quindi, a rispolverare ventagli, cappellini, bandane e chi più ne ha più ne metta per far fronte al temibile Caronte. Già domani, infatti, l’anticiclone incriminato raggiungerà la sua massima potenza. Venerdì 17 (che sia un segno?) saranno venti le città italiane da “bollino rosso”, dove le temperature saranno così elevate da mettere a rischio anche la salute delle persone sane.

Secondo il bollettino quotidiano sulle ondate di calore del Ministero della Salute il caldo record (con possibili picchi massimi da 37 a 40 gradi) colpirà  maggiormente le seguenti città:

  • Bari
  • Bologna
  • Bolzano
  • Brescia
  • Campobasso
  • Civitavecchia
  • Firenze
  • Frosinone
  • Genova
  • Latina
  • Milano
  • Palermo
  • Perugia
  • Pescara
  • Rieti
  • Roma
  • Torino
  • Trieste
  • Verona
  • Viterbo

L’afa sarà più intensa nelle zone interne del Centro-Sud, ma gli esperti definiscono l’anticiclone Caronte come una vera e propria Hot Storm, ovvero una “tempesta di caldo eccezionale“. L’aria torrida proveniente dall’entroterra algerino, infatti, attraverserà il Mediterraneo e si caricherà di ulteriore umidità. Secondo i meteorologi, con il passare dei giorni il corpo umano percepirà le temperature più elevate di ben 4/6° rispetto a quelle reali.

Massima attenzione, quindi, ragazze: non sottovalutiamo Caronte. Un caldo così esagerato, infatti, potrà giocare brutti scherzi non solo a noi, ma anche agli anziani, ai bambini o alle persone affette da problemi cardio-vascolari e circolatori. Ricordiamoci di bere tanta acqua, prediligendo anche frutta e verdura che rinfrescano l’organismo e di non consumare pasti pesanti o eccessivamente abbondanti che rischiano di rallentare la digestione. Via libera ad indumenti leggeri e non aderenti, cercando di frequentare ambienti ventilati e rinfrescati.

Tuttavia non pensate che la situazione sia destinata a migliorare da lunedì: il super-caldo di Caronte proseguirà anche la prossima settimana con temperature massime superiori ai 34/36° su molte regioni.

Alla luce di tutto questo, armiamoci di tanta pazienza (e di tanti ventilatori) e continuiamo a canticchiare insieme:”All’ombra 200 Fahrenheit, si squaglia l’asfalto, fa caldo, caldo, caldo, caldo, caldo, caldo, caldo, caldo”. Non sia mai che anche Caronte si unisca a noi!