diredonna network
logo
Stai leggendo: Jeffrey Campbell: la scarpa della discordia

Perché questo abito di Primark è in vendita su Ebay al doppio del suo prezzo

Balenciaga "rifà" la borsa blu di Ikea. Trova le differenze: il prezzo per esempio

Motivi primavera/estate 2017: nuova linea e capsule collection ispirata a Coachella!

Costumi Goldepoint 2017: sfilata e collezione dalle atmosfere seventies

Tempo di togliere i collant, non le calze a rete: come abbinarle

I genitori vogliono continuare la battaglia. Il giudice: "Stop alle cure, deve morire con dignità"

"Buon viaggio piccola Aliena": l'addio di Laura Pausini alla nipotina di 3 anni

Dice basta a una dieta da 500 calorie, ma il web la insulta

Oroscopo dal 20 al 26 aprile - Come sopravvivere alle stelle

Coppie scoppiate? Ballo hot per Emma e Stefano, Fedez e Ferragni si lasciano?

Jeffrey Campbell: la scarpa della discordia

Jeffrey Campbell sì o Jeffrey Campbell no? In pochi anni sono diventate le scarpe più chiacchierate, apprezzate e odiate da party girls, fashion blogger e modaiole di tutto il mondo e tutte le età.

 

Le Jeffrey Campbell o le si ama o le si odia. Non esistono vie di mezzo, sono effettivamente “la scarpa” della discordia.

Nate in un garage di L.A. dodici anni fa, vedono come protagonista la famiglia Campbell: Jeffrey (californiano d’origine ma newyorkese d’adozione), il fratello Dean, la moglie e i tre figli. L’ispirazione arriva dalle ragazze che incontrano sulla metro, al mercato, per strada. Negli Stati Uniti sono da sempre l’allegoria di sogno, realizzazione e libertà; Jeffrey Campbell  nelle sue collezioni cerca sempre di trasmettere al resto del mondo questi valori, diventando così il padre delle scarpe più celebri degli ultimi anni, che sorprendono stagione dopo stagione.

Tra le preferite di Lady Gaga, molte it-girls le indossano sia con outfit da giorno che da sera. Moltissime fashion blogger utilizzano questa scarpa come fosse un cimelio, altre invece la disprezzano… fatto sta che passeranno alla storia.
Un  brand con diversi modelli, ma diventato realmente internazionale attraverso il modello Lita, lo stivaletto stringato a tacco altissimo, con parecchi centimetri di plateau. Tacco e platform in legno sono esagerati e sproporzionati, ma vi confesso, sono estremamente comode, tutta la zeppa ha la sua funzionalità, togliendo la sensazione di camminare su instabili tacchi.

(H&M, nel frattempo, ha già pensato di copiarne il modello rendendolo più economico ed accessibile.)