diredonna network
logo
Stai leggendo: Allarme Tatuaggi e Piercing: Infezioni per un giovanissimo su quattro

Amazon Wardrobe: scegli, prova a casa gratuitamente, poi decidi se comprare

Creazioni in fimo: 3 idee facili, super carine e come realizzarle

Pronte a comprare i mobili Ikea su Amazon?

Internata in una clinica psichiatrica per impedirle di abortire: la drammatica storia di questa ragazza

Maturità 2017: ecco tutte le tracce della prima prova

Sexting, quella "prova d'amore" che può costare la vita

Quei messaggi che una modella riceve ogni giorno anche se non li vuole

"Perché mi dice che le faccio schifo?": la risposta di Sergio Sylvestre contro gli haters

Jovanotti e la lettera di Pif: "Mi fa schifo chi se ne sbatte dei disabili"

Saldi estivi 2017: quando iniziano Regione per Regione e i must have della stagione!

Allarme Tatuaggi e Piercing: Infezioni per un giovanissimo su quattro

Tatuaggi e piercing effettuati con leggerezza possono comportare rischi anche gravi. Il 24% degli intervistati ha avuto complicanze infettive.
Foto: Web
Foto: Web

Siete amanti dei tatuaggi e dei piercing? Benvenute, siete in buona compagnia. Io, infatti, ne ho diversi in varie parti del corpo e li adoro, tutti e indistintamente. Attenzione, allora, a quanto sto per dirvi sui possibili rischi di infezione causati da personale non esperto o da professionisti che operano con eccessiva leggerezza. Solite esagerazioni da web? Non crediate, dal momento che un recente studio italiano ha fatto emergere un quadro molto preoccupante del nostro Paese: tra i giovanissimi, ben 1 su 4 ha riscontrato infezioni a causa di tatuaggi. Vediamo nel dettaglio di cosa stiamo parlando.

Una ricerca condotta dall’Università di Tor Vergata ha analizzato un campione di 2500 studenti liceali, ai quali è stato somministrato un questionario anonimo relativo a piercing e tatuaggi. Il risultato emerso è preoccupante: il 24% degli intervistati ha dichiarato di aver avuto complicanze infettive e solo il 17% di aver firmato un consenso informato. Il dato che personalmente mi ha lasciata più perplessa, però, è quello relativo alla sterilità degli strumenti utilizzati: solo il 54% degli studenti è realmente sicuro di non aver corso nessun rischio in tal senso. Spiega la dottoressa Carla Di Stefano, autrice dell’indagine:

Se l’80% dei ragazzi ha affermato di essere a conoscenza dei rischi d’infezione, solo il 5% è informato correttamente sulle malattie che possono essere trasmesse. Eppure il 27% del campione ha dichiarato di avere almeno un piercing, il 20% sfoggia un tatuaggio e sono ancora di più gli aspiranti: il 20% degli intervistati ha dichiarato, infatti, l’intenzione di farsi un piercing e il 32% di ornare la pelle con un tatuaggio.

A queste parole si sommano quelle del  professor Vincenzo Bruzzese, Presidente Nazionale del Congresso della SIGR dove è presentata la ricerca:

Per quel che riguarda i tatuaggi e i piercing, non ci sono casistiche da procedure effettuate in studi professionali. Ma il rischio aumenta quando tali procedure vengono eseguite talora da principianti, in strutture con scarse condizioni igieniche e sterilità degli strumenti o con strumenti addirittura improvvisati: corde da chitarra, graffette o aghi da cucito. Ma anche nelle carceri o in situazioni non regolate come l’ambiente domestico.

Già a partire dalla fine degli anni ’90 le problematiche espresse dal professor Bruzzese sono state messe in evidenza attraverso i dati della Sorveglianza delle epatiti virali acute. E se pensate ancora che l’allarmismo legato alle infezioni di piercing e tatuaggi possa essere esagerato purtroppo vi sbagliate. Recentemente, infatti, la quota di casi di epatite C acuta attribuibile ai trattamenti estetici è risultata essere superiore addirittura al 10%. Un dato che fa (tristemente) riflettere.

E la stessa dottoressa Di Stefano ha rincarato ulteriormente la dose facendo presente che nel nostro Paese, esclusi i tossicodipendenti, le persone che si sottopongono ad un tatuaggio corrono un rischio di contrarre l’epatite C addirittura 3-4 volte maggiore rispetto a chi non ne se ne è mai fatto applicare nessuno. Analogamente, in caso di piercing, il rischio risulta essere superiore di 2,7 volte rispetto alle altre persone.

Dobbiamo, quindi, rinunciare a questa nostra passione, evitando futuri piercing e tatuaggi? Ovviamente (e per fortuna) no. La cosa importante, però, è pretendere lavori realizzati a regola d’arte, imponendo l’utilizzo di materiale monouso e una corretta sterilizzazione degli strumenti utilizzati.