diredonna network
logo
Stai leggendo: Perde una Gamba Utilizzando un Assorbente Interno: Modella Intenta Causa all’Azienda

"Non ci porterete via la libertà": la lezione di Ariana Grande e dei ragazzi d'oggi

Oggi Marco avrebbe compiuto gli anni: le toccanti parole di papà Gianni

Amazon Wardrobe: scegli, prova a casa gratuitamente, poi decidi se comprare

Creazioni in fimo: 3 idee facili, super carine e come realizzarle

Pronte a comprare i mobili Ikea su Amazon?

Internata in una clinica psichiatrica per impedirle di abortire: la drammatica storia di questa ragazza

Maturità 2017: ecco tutte le tracce della prima prova

Sexting, quella "prova d'amore" che può costare la vita

"Perché mi dice che le faccio schifo?": la risposta di Sergio Sylvestre contro gli haters

Jovanotti e la lettera di Pif: "Mi fa schifo chi se ne sbatte dei disabili"

Perde una Gamba Utilizzando un Assorbente Interno: Modella Intenta Causa all'Azienda

Alla modella Lauren Wasser è stata amputata una gamba a causa di uno shock tossico dovuto ad un assorbente interno. Sostenuta dalla madre ha intentato una battaglia legale contro l'azienda produttrice del tampone.
 Lauren Wasser modella americana perde una gamba a causa di un tampone interno
Foto: Web

A soli 24 anni, la giovane modella americana Lauren Wasser, ha rischiato di morire a causa di uno shock tossico dovuto ad un assorbente interno.  I medici sono riusciti a salvarla in tempo, ma hanno dovuto amputarle una gamba.

Una storia veramente triste, se pensate anche che sulla confezione dei tamponi non era nemmeno riportato il possibile effetto collaterale. Lauren ha mostrato una forza incredibile e ha deciso di raccontare pubblicamente a Vice quanto le è accaduto con la speranza che altre donne non debbano corrano gli stessi rischi. Inoltre, sostenuta dalla sua famiglia, ha intentato una causa contro la casa di produzione degli assorbenti.

Ma come è potuta accadere una disgrazia simile? La modella stessa ha raccontato che il 3 ottobre 2012 aveva utilizzato degli assorbenti interni della nota marca Kotex Natural Balance. In un primo momento non era accaduto nulla di anomalo, anche se Lauren ha dichiarato che non si era sentita particolarmente in forma e che faticava a stare in piedi.

Attribuendo questa spossatezza al ciclo mestruale, però, la ragazza aveva sottovaluto i primi sintomi dell’infezione. E così, una volta arrivata a casa, era svenuta sul letto ed era stata svegliata solo ore dopo da un poliziotto allertato dalla madre, che non era riuscita a mettersi in contatto con la figlia per tutto il giorno.

Ma ormai era troppo tardi: la febbre era già altissima e a poco era valsa la corsa in ospedale. Quando i medici hanno compreso che era in atto un’infezione, gli organi della modella stavano già smettendo di funzionare. L’analisi di laboratorio non ha lasciato dubbi: il tampone interno è risultato positivo alla sindrome da shock tossico, ovvero una complicazione di infezioni batteriche generalmente provocate dal batterio noto come Staphylococcus aureus. Alla Wasser è stato indotto il coma farmacologico, ma purtroppo la gamba le è stata necessariamente amputata.

Una domanda sorge allora spontanea: perchè questa gravissima infezione non era stata riportata tra le potenziali controindicazioni? Semplicemente, perchè è molto rara: colpisce solo una persona su 100mila. E come puntualizza Vice:

Il solo uso di assorbenti interni, da solo, non giustifica l’insorgere della sindrome. Per far sì che si sviluppi tale infezione il paziente deve già essere portatore di Staphylococcus aureus. È importante sapere che circa il 20 percento della popolazione globale è portatrice di questo batterio.

La modella, quindi, sostenuta dalla madre e del legale di famiglia, ha avviato un’enorme causa legale contro la Kimberly-Clark Corporation, l’azienda produttrice degli assorbenti Kotex. Lauren, infatti, ha rischiato di morire e ha dovuto porre fine anticipatamente alla promettente carriera da modella. Oggi ha una protesi, deve sottoporsi periodicamente a piccoli interventi chirurgici e rischia di dover subire nei prossimi anni un’ulteriore amputazione. Sempre a Vice la modella ha confidato:

Quando sono tornata a casa volevo uccidermi. Ma poi ho trovato dentro di me una grande forza, grazie anche al sostegno della mia famiglia e delle persone che mi sono sempre state vicino. Sto cercando di ricominciare a vivere portando avanti una lotta a favore di una campagna di informazione seria. Non voglio minare la produzione di assorbenti, chiedo solo più trasparenza. Se avessi saputo tutti i rischi legati alla TSS, non avrei mai usato i tamponi interni.

E come possiamo darle torto?