diredonna network
logo
Stai leggendo: Saldi Estivi 2015: Ecco Tutte le Date per ogni Regione!

Il tema del Met Gala 2018 è davvero molto molto controverso

CaféNoir autunno/inverno 2017-2018: tutti i pezzi della nuova collezione!

Dimmi come porti la borsa e ti dirò chi sei

I "roller-tacchi" di Saint Laurent sono realtà (e hanno un prezzo!)

Zara collezione autunno/inverno 2017/2018: i capi che non possiamo non comprare

Borse con frange: i modelli da avere e le anticipazioni per l'autunno/inverno 2017!

Carrie Bradshaw mood: su Amazon arriva la nuova linea di scarpe di Sarah Jessica Parker

Vestiti lunghi estivi 2017: tutte le tendenze e i modelli più belli della stagione!

Come funziona la pianta mangiafumo?

"Nella gioia e nel dolore, nella salute e nella malattia": la forza dell'amore di quest'uomo

Saldi Estivi 2015: Ecco Tutte le Date per ogni Regione!

Conto alla rovescia per l'inizio dei saldi estivi 2015: ecco le date di inizio e fine sconti per le varie regioni e alcune consigli per essere soddisfatte degli acquisti e non prendere fregature.
Saldi estivi 2015: parte il conto alla rovescia
Foto: Web

L’inizio dell’estate è davvero alle porte e questo vuol dire sole, mare, ferie e…saldi! Ormai è partito il conto alla rovescia per gli acquisti strategici da fare e ogni fashion victim è pronta a fare la lista dei capi che non dovranno assolutamente mancare nel suo giro di ricognizione per negozi.

Vestiti che non può assolutamente lasciarsi sfuggire, articoli glamour che caratterizzano la stagione Primavera/Estate 2015, i must have che diventando più abbordabili grazie alle svendite.

Ma quando inizieranno realmente i saldi estivi? Come sapete, le date non sono uguali in tutte le Regioni italiane: c’è chi incomincia il 3 luglio e chi invece il 4, a seconda delle zone. E allora guardiamo nel dettaglio il calendario per preparaci:

  • Abruzzo: dal 4 luglio al 1 settembre
  • Basilicata: dal 3 luglio al 2 settembre
  • Calabria: dal 3 luglio al 3 settembre
  • Campania: dal 3 luglio al 29 settembre
  • Emilia Romagna: dal 4 luglio al 1 settembre
  • Friuli Venezia Giulia: dal 4 luglio al 30 settembre
  • Lazio: dal 4 luglio per 6 settimane
  • Liguria: dal 4 luglio
  • Lombardia: dal 4 luglio
  • Marche: dal 4 luglio al 1 settembre
  • Molise: dal 4 luglio al 10 settembre
  • Piemonte: dal 4 luglio al 30 settembre
  • Puglia: dal 3 luglio al 15 settembre
  • Sardegna: dal 4 luglio al 15 settembre
  • Sicilia: dal 4 luglio al 15 settembre
  • Toscana: dal 4 luglio al 1 settembre
  • Umbria: dal 4 luglio al 7 settembre
  • Valle D’Aosta: dal 4 luglio al 30 settembre
  • Veneto: dal 4 luglio al 3 settembre

Ma quali sono i trend proposti dagli stilisti per questa stagione Primavera/Estate 2015? Abbigliamento, borse e accessori sono stati letteralmente presi d’assalto dalle stampe con i cuori. Ma non solo. In tutte le collezioni proposte in passerella non sono certo mancati abiti lunghi e corti con motivi astratti e multicolor. Anche quest’anno sono state riproposte le stampe floreali e romantiche, hanno sfilato completi a tinte decise, coordinati con blazer, trench e giacche in denim o in pelle con intarsi e tagli quanto mai singolari.

Il 2015 è stato anche l’anno del grande ritorno delle gonne plissè, sia lunghe che corte, che possono essere considerate il vero capo must di stagione. Modelli non sempre semplici da sfoggiare, ma facilmente abbinabili con bluse in tessuti morbidi e crop top. Sulle passerelle non sono mancati neanche gli abiti ispirati alle fantasie hippie e agli anni ’70, i cui motivi sono stati riproposti anche sugli accessori, sulle borse e addirittura sulle scarpe. Frange di ogni lunghezza, borchie, catene, teschi alternati ad immagini romantiche. Il tutto enfatizzato da sandali platform con tacco altissimo, suola a contrasto o plateau vertiginosi.

C’è solo l’imbarazzo della scelta. E voi cosa preferite? Grazie ai saldi vorrete concedervi qualche capo pazzo o preferirete optare per dei classici intramontabili che non passano mai di moda? Ricordatevi di essere convinte del vostro acquisto e cercate sempre di provare gli articoli prima di pagarli. In assenza di difetti, infatti, la possibilità di cambiare il prodotto non è imposta dalla legge, ma è rimessa alla discrezionalità del commerciante. Attenzione anche all’indicazione del prezzo: il negoziante è obbligato ad indicare quello normale di vendita, lo sconto applicato e di conseguenza il prezzo finale.