diredonna network
logo
Stai leggendo: Bambino Autistico Cacciato da un B&B, Troppo Rumoroso

La lezione di Peter, amputato fa acroyoga con la protesi

Il cantante ferma il concerto per difendere una ragazza dalle molestie: "È disgustoso"

"Tu rimani un povero handicappato e ne sono contento": il cartello shock

Quando l'arcobaleno è rosa: la spiegazione del fenomeno

Cynthia Nixon come "Miranda": da Sex & The City alla politica

Look da fata dai capelli turchini per Rihanna

Il papà denuncia la mamma no-vax: la parola passa al tribunale

"Mangia, sei anoressica": Alessia Marcuzzi risponde alle critiche su Instagram

Il messaggio di Emma per l'amica Stefy, la mamma di Bea

Scuola: al via i Licei brevi, 4 anni invece di 5

Bambino Autistico Cacciato da un B&B, Troppo Rumoroso

Una triste storia che non avremmo mai voluto raccontare e che dimostra come gli uomini spesso, siano bestie anche con i propri simili.
foto: Web
foto: Web

Incredibile ma vero.
Il giornalista Gianluca Nicoletti ha denunciato sul suo blog una situazione davvero imbarazzante che non sarebbe mai dovuta accadere.
Un bambino di soli 7 anni, di Ravenna, è stato cacciato da un b&b, dove alloggiava con i genitori per un day hospital al reparto neuropsichiatrico infantile del Bambin Gesù, perchè avrebbe potuto disturbare i clienti.

A raccontare la storia, corredata da testimonianze vocali, sul blog www.miofiglioautistico.it, il giornalista e scrittore Gianluca Nicoletti:

“Elena arriva assieme al marito e al piccolo, Roma è scossa dal temporale e il bambino è già nervoso per il viaggio. Sorgono problemi per il parcheggio e si apre una discussione quando hanno già scaricato le valigie perché il titolare comincia a esternare poca disponibilità ad accogliere un autistico che si butta per terra e fa chiasso. Teme che gli altri ospiti possano lamentarsi e nel caso avrebbe dovuto “chiamare i carabinieri”. Alla fine ai genitori viene fatto capire che sarebbe meglio che se ne andassero. Passano la notte a casa di parenti ad Andrea che dista ben 50 chilometri”.

Il giorno dopo il bambino inizia il day hospital ma è nervoso e molto stressato e il neuropsichiatra trova troppe difficoltà ad osservarne i comportamenti.

“Qualcuno, per sincerarsi che non ci sia stato un fraintendimento, telefona al B&B chiedendo di voler prenotare una stanza per una famiglia con un bimbo autistico. Dall’altra parte del telefono viene raccontato l’episodio del giorno precedente, specificando che se il bambino ha gli stessi comportamenti sarebbe meglio che scegliessero un altro posto”.

Una storia vera e altrettanto vergognosa.