diredonna network
logo
Stai leggendo: EXPO: La Nuova Gaffe che Scambia la Toscana per l’Emilia Romagna

Oroscopo dal 19 al 25 gennaio 2017- Come sopravvivere alle stelle

Chiara Ferragni è incinta! Lo scherzo di Fedez alla "suocera" in un video

Sesso anale, la dottoressa De Mari: "Si pratica nelle iniziazioni sataniche. L'omosessualità non esiste"

"Sono grassa, ma mi vedo bella": da Victoria's Secret alla maternità, la sfida agli standard della modella plus size

Capodanno cinese: inizia l'anno del Gallo. Tu di che segno sei?

Cosa rivela la forma del tuo piede su di te

Ecco perché migliaia di ovetti sorpresa sono naufragati su questa spiaggia tedesca

Grazia per Jacqueline, la donna che uccise il marito che la picchiava e violentava le figlie

Quando (e dove) ci dà fastidio essere toccati: le zone off-limits del nostro corpo

Blue Monday: oggi è il giorno più triste dell'anno. Ecco perché... è una bufala

EXPO: La Nuova Gaffe che Scambia la Toscana per l'Emilia Romagna

EXPO: una nuova gaffe, da prima elementare. Quella che sembrava l'ennesima bufala è realtà, ed è stata confermata dal direttore.
(foto: Web)

Ennesima figuraccia all’EXPO.
Nell’area dei ristoranti, tra i vari padiglioni, colpisce quello dedicato alla Toscana.
Sul cartellone si legge: “Toscana, i Borghi più belli d’Italia” e accanto sì la cartina con scritto Toscana, con però evidenziata in rosso l’Emilia Romagna.

La Toscana, insomma, per l’insegna di Expo è l’Emilia Romagna.

Un errore da prima elementare, che è stato immediatamente segnalato su una pagina facebook e in poche ore ha fatto il giro del web.
Qualcuno ha pensato ad una bufala, un fotomontaggio, ma il direttore del Club de I Borghi più belli d’Italia, Umberto Forte, ha confermato tutto a la Repubblica, spiegando però che la sua associazione non c’entra.

“L’errore è stato fatto da un grafico che sta lavorando per Eataly, oggi ho chiamato l’ufficio di Oscar Farinetti e mi è stato confermato. Noi non c’entriamo”.

Una gaffe che segue quella sulla cartellonistica di Expo Milano dove “buy your ticket” era diventato “but your ticket”.

Chi ben comincia…