diredonna network
logo
Stai leggendo: Allarme Terrorismo: “Non prendete la Metropolitana Il Primo Maggio”

Muore a 8 anni mentre va al concerto: le parole di Tiziano Ferro

"Non posso immaginare un mondo senza di te": il cantante dei Linkin Park suicida come Chris Cornell

La ginnasta: "Abusata per almeno 600 volte dai 13 anni dal medico sportivo"

"Mi staccava la pelle a morsi e mi strappò l'utero": quando la violenza è "normale"

Si scatta un selfie con la sorella che sta partorendo e lo posta con queste parole

"Vi racconto la mia vita con un solo seno"

Quel bacio tra la sieropositiva e il dottore: "La mia vita con l'HIV"

William e Harry: "Mamma sapeva che la vita vera è fuori dalle mura del Palazzo"

Quella rabbia al volante che uccide sempre più spesso

Gianna Nannini sposa la compagna e se ne va: "L'Italia non mi tutela come mamma"

Allarme Terrorismo: "Non prendete la Metropolitana Il Primo Maggio"

Napoli, Milano, Torino... sempre più frequenti le voci di un attentato in metropolitana durante la festività del primo maggio.
(foto: Web)
(foto: Web)

Un passaparola che sta viaggiando molto velocemente e ha diffuso un certo timore a Napoli, e non solo.
Tra i viaggiatori infatti corre voce che un uomo, di origine orientale, solito a frequentare la Linea 1 della metro partenopea, abbia confessato, ad un passante che lo ha aiutato a raccogliere dei fogli:

“Per ringraziarti ti avviso: non salire sulla Metro la mattina del Primo Maggio”.
La voce è arrivata persino alla Digos, che al momento la ritiene poco più di una bufala.

Storie simili vengono raccontate anche a Milano, e si passa dall’aver seriamente paura, perchè in fondo viviamo realmente in un mondo dove da un giorno con l’altro tutto può accadere e il terrorismo è reale, al rimandare queste notizie a bufale che circolano da anni su Whatsapp e altri social.

Anche la metropolitana di Torino è stata protagonista di una storia simile, arricchita dal dettaglio che il presunto musulmano avrebbe detto di essere a conoscenza di un attentato ma che non vi avrebbe partecipato.

Insomma.
Reale è la paura, purtroppo.
Questo dovrebbe allarmarci di più.
Non essere sicuri, nemmeno a casa propria.