diredonna network
logo
Stai leggendo: Allarme Terrorismo: “Non prendete la Metropolitana Il Primo Maggio”

Svelate le date di uscita di Frozen 2 e Il Re Leone live action

Oroscopo dal 27 aprile al 3 maggio - Come sopravvivere alle stelle

"Il mio ragazzo ha un tumore al cervello. Dovrei sposarlo?"

Stealthing, il pericoloso "trend" sessuale dello stupro "invisibile": "Sono stata violentata senza accorgermene"

I genitori vogliono continuare la battaglia. Il giudice: "Stop alle cure, deve morire con dignità"

"Buon viaggio piccola Aliena": l'addio di Laura Pausini alla nipotina di 3 anni

Perché non dovresti MAI utilizzare questo phon pubblico (né avvicinarti)

"Figlia mia, sopravvivo solo per darti giustizia". Parla la mamma di Tiziana Cantone

A terra con 32 coltellate. "Ho sposato l'uomo che mi ha salvata dall'ex violento"

Charli, la modella mostra la cellulite: "Non me ne vergogno"

Allarme Terrorismo: "Non prendete la Metropolitana Il Primo Maggio"

Napoli, Milano, Torino... sempre più frequenti le voci di un attentato in metropolitana durante la festività del primo maggio.
(foto: Web)

Un passaparola che sta viaggiando molto velocemente e ha diffuso un certo timore a Napoli, e non solo.
Tra i viaggiatori infatti corre voce che un uomo, di origine orientale, solito a frequentare la Linea 1 della metro partenopea, abbia confessato, ad un passante che lo ha aiutato a raccogliere dei fogli:

“Per ringraziarti ti avviso: non salire sulla Metro la mattina del Primo Maggio”.
La voce è arrivata persino alla Digos, che al momento la ritiene poco più di una bufala.

Storie simili vengono raccontate anche a Milano, e si passa dall’aver seriamente paura, perchè in fondo viviamo realmente in un mondo dove da un giorno con l’altro tutto può accadere e il terrorismo è reale, al rimandare queste notizie a bufale che circolano da anni su Whatsapp e altri social.

Anche la metropolitana di Torino è stata protagonista di una storia simile, arricchita dal dettaglio che il presunto musulmano avrebbe detto di essere a conoscenza di un attentato ma che non vi avrebbe partecipato.

Insomma.
Reale è la paura, purtroppo.
Questo dovrebbe allarmarci di più.
Non essere sicuri, nemmeno a casa propria.