diredonna network
logo
Stai leggendo: Bambino Autistico Lascia A Bocca Aperta Una Classe Universitaria

L'incidente di Noah Hathaway, il bambino guerriero de La Storia Infinita

La ragazza che salvò il soldato. Lui: "Non ho mai smesso di cercarti"

Arabia Saudita: "Le donne non possono guidare perché hanno un quarto di cervello"

Autocontrollo, quando troppo fa perdere il controllo e quando coltivarlo

Perché le coppie che guardano serie tv sono le più felici

Gloria, uccisa di botte a 23 anni dai parenti che la costringevano a prostituirsi

Gomma crepla: cos'è e come si usa

"Sex by surprise", subire violenza durante un rapporto sessuale consenziente

La lettera d'amore di Alain Delon al suo grande amore quando morì

Romy Schneider, il destino crudele dell'attrice che interpretò la principessa Sissi

Bambino Autistico Lascia A Bocca Aperta Una Classe Universitaria

Autismo e genialità. Non è la prima storia che vi raccontiamo, ma evidenzia, ancora una volta, quanti pregiudizi ci siano intorno ad una malattia ancora poco conosciuta.
(foto: Web)
(foto: Web)

Il figlio autistico di una professoressa dell’Università di New York ha stupito tutti gli studenti rappresentando, a mano libera, la mappa del mondo con una precisione da lasciare tutti a bocca aperta.

Sicuramente non è il primo caso al mondo, ma ancora una volta, notiamo come l’autismo è davvero una malattia ancora poco conosciuta, intorno alla quale girano molti pregiudizi.

È BoredPanda il primo a raccontare questa bellissima storia.
Questo bambino di 11 anni è stato invitato a seguire le lezioni della madre in Università e, forse annoiato, si è messo in piedi su una sedia e inizia a disegnare a mano libera il mondo, guidato solo esclusivamente dalla sua memoria.

Una perfetta riproduzione del pianeta con annessi gli Stati che lo compongono e i confini che li dividono gli uni dagli altri.

Una studentessa, colpita, scatta una fotografia e i genitori la condividono sul web.

(foto: Web)
(foto: Web)

Folgorati.
(E io che non saprei nemmeno disegnare le regioni d’Italia.)