diredonna network
logo
Stai leggendo: Bambino Autistico Lascia A Bocca Aperta Una Classe Universitaria

Sesso anale, la dottoressa De Mari: "Si pratica nelle iniziazioni sataniche. L'omosessualità non esiste"

"Sono grassa, ma mi vedo bella": da Victoria's Secret alla maternità, la sfida agli standard della modella plus size

Capodanno cinese: inizia l'anno del Gallo. Tu di che segno sei?

Cosa rivela la forma del tuo piede su di te

Ecco perché migliaia di ovetti sorpresa sono naufragati su questa spiaggia tedesca

Grazia per Jacqueline, la donna che uccise il marito che la picchiava e violentava le figlie

Quando (e dove) ci dà fastidio essere toccati: le zone off-limits del nostro corpo

Blue Monday: oggi è il giorno più triste dell'anno. Ecco perché... è una bufala

Come in "Ritorno al futuro": le scarpe che si allacciano da sole

"Streghe": è in arrivo un prequel della serie?

Bambino Autistico Lascia A Bocca Aperta Una Classe Universitaria

Autismo e genialità. Non è la prima storia che vi raccontiamo, ma evidenzia, ancora una volta, quanti pregiudizi ci siano intorno ad una malattia ancora poco conosciuta.
(foto: Web)

Il figlio autistico di una professoressa dell’Università di New York ha stupito tutti gli studenti rappresentando, a mano libera, la mappa del mondo con una precisione da lasciare tutti a bocca aperta.

Sicuramente non è il primo caso al mondo, ma ancora una volta, notiamo come l’autismo è davvero una malattia ancora poco conosciuta, intorno alla quale girano molti pregiudizi.

È BoredPanda il primo a raccontare questa bellissima storia.
Questo bambino di 11 anni è stato invitato a seguire le lezioni della madre in Università e, forse annoiato, si è messo in piedi su una sedia e inizia a disegnare a mano libera il mondo, guidato solo esclusivamente dalla sua memoria.

Una perfetta riproduzione del pianeta con annessi gli Stati che lo compongono e i confini che li dividono gli uni dagli altri.

Una studentessa, colpita, scatta una fotografia e i genitori la condividono sul web.

(foto: Web)

Folgorati.
(E io che non saprei nemmeno disegnare le regioni d’Italia.)