diredonna network
logo
Stai leggendo: Bambino Autistico Lascia A Bocca Aperta Una Classe Universitaria

L'eutanasia e il rispetto per la vita: finalmente dj Fabo è morto, ora lui è libero, noi no

Sai perché i camici dei medici sono verdi o blu?

Chris, 31 anni, dice addio alla sua migliore amica di 89: il post diventa virale

Ecco cosa vuol dire quando trovate del liquido sopra al vostro yogurt

Hater, l'app che ti fa incontrare le persone che odiano le cose che detesti anche tu

Le commoventi parole di questo papà: "Ecco perché prendo ancora i fiori per la mia ex moglie"

Oroscopo dal 23 febbraio all'1 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Quando la tua ex ti scrive una lettera di scuse e tu gliela rimandi corretta" con la penna rossa

Questo hotel ha dedicato la sala da Tè alla Bella e alla Bestia: ecco perché vorrete andarci

Quest'uomo ha speso 80mila dollari in chirurgia plastica per diventare come Britney Spears

Bambino Autistico Lascia A Bocca Aperta Una Classe Universitaria

Autismo e genialità. Non è la prima storia che vi raccontiamo, ma evidenzia, ancora una volta, quanti pregiudizi ci siano intorno ad una malattia ancora poco conosciuta.
(foto: Web)

Il figlio autistico di una professoressa dell’Università di New York ha stupito tutti gli studenti rappresentando, a mano libera, la mappa del mondo con una precisione da lasciare tutti a bocca aperta.

Sicuramente non è il primo caso al mondo, ma ancora una volta, notiamo come l’autismo è davvero una malattia ancora poco conosciuta, intorno alla quale girano molti pregiudizi.

È BoredPanda il primo a raccontare questa bellissima storia.
Questo bambino di 11 anni è stato invitato a seguire le lezioni della madre in Università e, forse annoiato, si è messo in piedi su una sedia e inizia a disegnare a mano libera il mondo, guidato solo esclusivamente dalla sua memoria.

Una perfetta riproduzione del pianeta con annessi gli Stati che lo compongono e i confini che li dividono gli uni dagli altri.

Una studentessa, colpita, scatta una fotografia e i genitori la condividono sul web.

(foto: Web)

Folgorati.
(E io che non saprei nemmeno disegnare le regioni d’Italia.)