diredonna network
logo
Stai leggendo: Bambino Autistico Lascia A Bocca Aperta Una Classe Universitaria

"Riposa in pace. So che verrai a cercarmi...", le parole della moglie a Chris Cornell

Perché la fine di un'amicizia è peggio della fine di un amore

Quando Marina Abramovic lasciò che la gente usasse il suo corpo come un oggetto

Oroscopo dal 25 al 31 maggio - Come sopravvivere alle stelle

"Avril Lavigne è morta ed è stata rimpiazzata da un clone": le "prove" dei complottisti

Spora, ecco il mio viso dopo l'incidente: "Questa sono io e la perfezione non esiste"

15 migliori idee per feste a tema diverse dal solito

Terapie di "riorientamento sessuale": "Ecco come si possono curare i gay"

Troppo grassa per Louis Vuitton, ma la modella non ci sta: ecco come ha risposto su Facebook

Oroscopo dal 18 al 24 maggio - Come sopravvivere alle stelle

Bambino Autistico Lascia A Bocca Aperta Una Classe Universitaria

Autismo e genialità. Non è la prima storia che vi raccontiamo, ma evidenzia, ancora una volta, quanti pregiudizi ci siano intorno ad una malattia ancora poco conosciuta.
(foto: Web)
(foto: Web)

Il figlio autistico di una professoressa dell’Università di New York ha stupito tutti gli studenti rappresentando, a mano libera, la mappa del mondo con una precisione da lasciare tutti a bocca aperta.

Sicuramente non è il primo caso al mondo, ma ancora una volta, notiamo come l’autismo è davvero una malattia ancora poco conosciuta, intorno alla quale girano molti pregiudizi.

È BoredPanda il primo a raccontare questa bellissima storia.
Questo bambino di 11 anni è stato invitato a seguire le lezioni della madre in Università e, forse annoiato, si è messo in piedi su una sedia e inizia a disegnare a mano libera il mondo, guidato solo esclusivamente dalla sua memoria.

Una perfetta riproduzione del pianeta con annessi gli Stati che lo compongono e i confini che li dividono gli uni dagli altri.

Una studentessa, colpita, scatta una fotografia e i genitori la condividono sul web.

(foto: Web)
(foto: Web)

Folgorati.
(E io che non saprei nemmeno disegnare le regioni d’Italia.)