diredonna network
logo
Stai leggendo: La Bambina Simbolo della Siria: “Alzò le Mani, Pensando che la Fotocamera fosse un’Arma”

Come funziona la pianta mangiafumo?

"Nella gioia e nel dolore, nella salute e nella malattia": la forza dell'amore di quest'uomo

Quando l'arcobaleno è rosa: la spiegazione del fenomeno

Cynthia Nixon come "Miranda": da Sex & The City alla politica

L'uomo affida messaggi d'amore in bottiglia al mare: va a finire così

Shannen Doherty, selfie con i capelli: "Mi sento di nuovo donna"

Look da fata dai capelli turchini per Rihanna

Greta e Marta, da "coppia d'oro" dello sport alle molestie fino all'accusa di stalking

Dimmi come porti la borsa e ti dirò chi sei

Oroscopo dal 17 al 23 agosto - Come sopravvivere alle stelle

La Bambina Simbolo della Siria: "Alzò le Mani, Pensando che la Fotocamera fosse un'Arma"

Una bambina che diventa inconsapevolmente l'allegoria di una guerra maledetta. Le mani in segno di resa scambiando una macchina fotografica per un'arma.
(foto: Web)
(foto: Web)

Questa dolce bambina dai grandi occhi è diventata il simbolo della guerra in Siria.
Una guerra civile che in un solo anno, stando ai dati del Syrian Observatory for Human Rights, ha causato la morte di 76.000 persone, di cui 3.500 bambini.
Dal 2011 i morti salgono a 206mila.

E questa piccola evidenzia, nello scatto rubato del fotografo Osman Sagirli, la situazione che si respira.
In un Paese distrutto, una bambina scambia l’obiettivo della macchina fotografica per la canna di un fucile, e senza speranza alza le mani in segno di resa.
Una fotografia di reportage pubblicata in primis sul quotidiano Türkiye, per il quale l’autore lavora da oltre 25 anni.
Osman conferma la veridicità della storia.

Quel giorno stava utilizzando un teleobiettivo, piuttosto lungo, e la bambina ha subito pensato ad un’arma. Invece di nascondersi o fare un sorriso, come solitamente i piccoli fanno divertiti davanti alla macchina fotografica, questa bimba si è spaventata e ha alzato le mani al cielo.

Hudea, la bambina protagonista dello scatto, era arrivata nel campo di Atmeh, a circa 10 km dal confine turco, con sua madre e due fratelli dopo un viaggio di 150 km.

Allegoria inconsapevole di una guerra maledetta.