diredonna network
logo
Stai leggendo: Incidente Aereo Airbus 320: Prime ipotesi Shock

"Quando me ne sarò andato": questo padre ha lasciato a suo figlio un messaggio lungo tutta una vita

Oroscopo dal 27 aprile al 3 maggio - Come sopravvivere alle stelle

Dice basta a una dieta da 500 calorie, ma il web la insulta

Oroscopo dal 20 al 26 aprile - Come sopravvivere alle stelle

Perché non dovresti MAI utilizzare questo phon pubblico (né avvicinarti)

"Perché ho realizzato per la mia bambina una festa a tema... cacca"

La fitness blogger che ha deciso di non depilarsi: "Voglio essere di ispirazione per le altre donne"

Titanic: ma Jack poteva salvarsi sulla porta-zattera con Rose? Ecco la risposta

Vacanze di Pasqua: i 4 compiti di questo maestro elementare

Sai a cosa serve la "tasca" sugli slip da donna? Mistero svelato

Incidente Aereo Airbus 320: Prime ipotesi Shock

Prime indiscrezioni shock sul disastro aereo dell'Airbus 320. Il pilota non era in cabina di comando: ecco le registrazioni.
(foto: Web)

Le prime indiscrezioni sull’incidente aereo Germanwings sono davvero scioccanti.
Inizialmente si pensò che i piloti erano privi di sensi al momento dell’esplosione di pile al litio nella cabina di pilotaggio.
Il fatto che i piloti non fossero coscienti viene evidenziato dal fatto che l’aereo è sceso ad un ritmo anomalo, come specifica il consulente aeronautico del governo francese Bernard Chabbert.

Dalle analisi di una della scatola nera però (Cockpit Voice Recorder CVR), il pilota sarebbe uscito poco prima dalla cabina senza più riuscire ad entrare.
Proprio così, pare che uno dei piloti dell’Airbus A320 della compagnia tedesca Germanwings che si è schiantato lunedì contro una montagna delle Alpi francesi non era nella cabina di pilotaggio al momento dell’incidente.

“All’inizio del volo si sente l’equipaggio parlare normalmente, poi si sente il rumore di una poltrona che indietreggia, una porta che si apre e si chiude, poi non vi è più alcuna conversazione fino al momento dell’impatto”

queste le indiscrezioni.

Secondo fonti vicine all’inchiesta citate dal New York Times il pilota fuori dalla cabina ha tentato di rientrare prima bussando poi cercando di sfondare la porta.

“L’uomo all’esterno prima ha bussato lievemente alla porta e non ha ricevuto risposta. Poi ha bussato sempre più forte, di nuovo senza risposta”.

Le vittime del disastro dell’Airbus A320 sono 150: 144 passeggeri, 2 piloti e 4 mambri d’equipaggio.
Oltre ai 72 tedeschi e ai 49 spagnoli (dati forniti dal sottosegretario alla sicurezza di Madrid; secondo l’amministratore delegato della compagnia, Thomas Winkelmann, le vittime di nazionalità spagnola sarebbero 35) ci sono 3 kazaki, 2 giapponesi, 2 colombiani, 2 americani, 2 australiani, 2 marocchini, 1 danese, 1 israeliano, 1 messicano, 1 olandese e 1 turco.
Tra le vittime 16 studenti in gita e una coppia in viaggio di nozze.