diredonna network
logo
Stai leggendo: Donne Lunatiche e Isteriche: Una Risorsa sul Lavoro

"Quando la tua ex ti scrive una lettera di scuse e tu gliela rimandi corretta" con la penna rossa

Violentata a 7 anni dal compagno della madre. Il processo dura 20 e l'accusa cade in prescrizione

Le ceneri dei defunti diventano vinili per dare ancora "voce" ai morti

Animalier: dal leopardato al maculato, come indossare la tendenza urban jungle!

Tenetevi forte: arriva il sequel di Love Actually

Traffico d'organi: il dramma dei bambini e dei profughi scomparsi nel nulla

25 lettere di (non) amore di uomini violenti alle proprie donne

Niente carcere per il 19enne stupratore. La pena: "Niente sesso fino al matrimonio"

Questo hotel ha dedicato la sala da Tè alla Bella e alla Bestia: ecco perché vorrete andarci

Oysho presenta l'anteprima primavera/estate 2017: scopriamo Midnight romance

Donne Lunatiche e Isteriche: Una Risorsa sul Lavoro

Isterica, Lunatica, Caratteraccio, Strega, Str*** ... se vi ritrovate in uno o più aggettivi, sappiate che una psichiatra newyorkese è venuta in vostro soccorso evidenziando come queste caratteristiche in realtà siano estremamente positive, soprattutto sul lavoro.
(foto: Web)

Vi danno della strega, dicendo che siete lunatiche, isteriche, cattive e incostanti?!
beh, scordatevi di associare questi aggettivi ad un’idea negativa.
Secondo uno studio di una psichiatra newyorkese, tale Julie Holland, questo carattere è da considerarsi un punto di forza, soprattutto sul lavoro, perché indica una sensibilità molto acuta e rara.

La teoria della dott.ssa Holland è raccolta in un libro sull’emotività femminile, intitolato:
“Moody Bitches: The Truth About the Drugs You’re Taking, the Sleep You’re Missing, the Sex You’re Not Having, and What’s Really Making You Crazy” ovvero “Stronze lunatiche: tutta la verità sui farmaci che prendete, sul sonno che state perdendo, sul sesso che non praticate e su ciò che vi fa davvero diventare pazze”.

“Le donne credono che l’essere sia un problema e una debolezza, mentre la nostra sensibilità e la nostra emotività sono un bene prezioso e non un disturbo che deve essere curato”.

L’empatia invece dovrebbe considerarsi innanzitutto un pregio eppure negli Stati Uniti, per esempio, una donna su quattro fa uso di psicofarmaci, mentre gli uomini che si sottopongono a questo tipo di trattamenti sono solo uno su sette.

“L’uso inappropriato di questi medicinali non solo reprime un aspetto fondamentale dell’essere donna, ma può anche avere conseguenze negative sulla salute. Alcuni antidepressivi, ad esempio, possono provocare apatia, interferire con la vita sessuale, inibire la creatività e intorpidire i sentimenti fino anche ad ostacolare un eventuale innamoramento.

Il cervello di una donna è diverso da quello di un uomo. È stato evolutivamente configurato per avere una maggior propensione alla comunicazione e al riconoscimento degli stati emotivi altrui, anche per meglio prendersi cura della prole e tutto questo ha radici biologiche, non si basa su un’ideologia pro o anti-femminista”

Basta dunque chiedere scusa per le lacrime e sopprimere la rabbia.
Seguite una buona dieta, fate del buon sesso ed esercizio fisico… pian piano arriverete ad avere la consapevolezza di voi stesse e di tutto ciò che serve per vivere pienamente la vita!