diredonna network
logo
Stai leggendo: Vestiti Tossici: l’Allarme di Greenpeace

Legge choc: "I medici possono mentire alle madri per evitare gli aborti"

Oroscopo dal 23 al 29 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Ha detto basta ma non ha urlato": quindi non è violenza sessuale

Luke Perry: "Ho una lesione precancerosa al colon. Fate lo screening"

"6 motivi per scegliere una fidanzata dell'est": è polemica per la lista di Rai1

Oroscopo dal 16 al 22 marzo - Come sopravvivere alle stelle

La vita in Nord Corea: "A 9 anni ho visto giustiziare una donna per aver visto un film di Hollywood"

"Questa è mia figlia poco prima di morire": il disperato gesto di un padre contro il bullismo

Perdono i genitori in una settimana: il mondo si mobilita per pagare il mutuo ai tre fratelli

"Lui, il grande fotografo, che mi fotografava bambina e mi stuprava"

Vestiti Tossici: l'Allarme di Greenpeace

Vestiti che contengono sostanze chimiche tossiche per l'uomo: è quanto ha evidenziato Greenpeace, dopo aver analizzato diversi vestiti di 20 case di moda.
Fonte: Greenpeace

Immaginate di andare in un negozio, di perdervi tra tutti i capi esposti, di riuscire finalmente a trovare quello che vi piace da impazzire, di comprarlo e poi di arrivare a casa e scoprire che è tossico!

Un allarme, quello degli abiti tossici, che Greenpeace ha lanciato nel rapporto Toxic Threads – The Fashion Big Stitch-Up, evidenziando la presenza di alcune sostanze chimiche nei tessuti di certi brand.

Per lanciare questa denuncia, Greenpeace ha analizzato 141 capi, sia per adulti sia per bambini, sia in fibre naturali sia in fibre artificiali, prodotti in prevalenza in Paesi in via di sviluppo, si 20 famosi brand modaioli: Benetton, Jack & Jones, Only, Vero Moda, Blažek, C&A, Diesel, Esprit, Gap, Armani, H&M, Zara, Levi, Victoria ‘s Secret, Mango, Marks & Spencer, Metersbonwe, Calvin Klein, Tommy Hilfiger e Vancl.

A rendere i vestiti tossici sono alcune sostanze chimiche utilizzate negli stabilimenti tessili che in prima battuta inquinano i corsi d’acqua durante la produzione (ma anche durante il lavaggio casalingo) e in seconda battuta sono pericolose per il sistema endocrino umano.

Le sostanze in questione sono NPE (composti nonilfenoloetossilati), che possono rilasciare nonilfenoli, che modificano il funzionamento dei meccanismi ormonali.

La denuncia, lanciata qualche anno fa, ha portato tante marche di quelle citate a ripulire la loro filiera produttiva, per rispettare i propri clienti, preservare la loro salute e inquinare meno l’ambiente; questi marchi sono entrati nel programma Detox di Grennepeace, che appunto promuove una moda senza sostanze tossiche.

Ma serviva Greenpeace per capire che le sostanze tossiche nei vestiti non ci devono stare?!??

Forse era meglio quando i vestiti li facevano le nonne, con la lana “fatta in casa” 🙂