diredonna network
logo
Stai leggendo: Vestiti Tossici: l’Allarme di Greenpeace

Caso Diele: Ilaria non è morta perché "la giornata in cui fai una cazzata capita a tutti"

"Mi fanno paura gli uomini che..." quel messaggio di Maria, uccisa dall'ex

"Non accettiamo animali e gay", ma "scusate se sembro troglodita"

Muore a 8 anni mentre va al concerto: le parole di Tiziano Ferro

"Non posso immaginare un mondo senza di te": il cantante dei Linkin Park suicida come Chris Cornell

La ginnasta: "Dai 13 anni sono stata abusata più volte dal medico sportivo"

"Mi staccava la pelle a morsi e mi strappò l'utero": quando la violenza è "normale"

Si scatta un selfie con la sorella che sta partorendo e lo posta con queste parole

"Vi racconto la mia vita con un solo seno"

Quel bacio tra la sieropositiva e il dottore: "La mia vita con l'HIV"

Vestiti Tossici: l'Allarme di Greenpeace

Vestiti che contengono sostanze chimiche tossiche per l'uomo: è quanto ha evidenziato Greenpeace, dopo aver analizzato diversi vestiti di 20 case di moda.
Fonte: Greenpeace
Fonte: Greenpeace

Immaginate di andare in un negozio, di perdervi tra tutti i capi esposti, di riuscire finalmente a trovare quello che vi piace da impazzire, di comprarlo e poi di arrivare a casa e scoprire che è tossico!

Un allarme, quello degli abiti tossici, che Greenpeace ha lanciato nel rapporto Toxic Threads – The Fashion Big Stitch-Up, evidenziando la presenza di alcune sostanze chimiche nei tessuti di certi brand.

Per lanciare questa denuncia, Greenpeace ha analizzato 141 capi, sia per adulti sia per bambini, sia in fibre naturali sia in fibre artificiali, prodotti in prevalenza in Paesi in via di sviluppo, si 20 famosi brand modaioli: Benetton, Jack & Jones, Only, Vero Moda, Blažek, C&A, Diesel, Esprit, Gap, Armani, H&M, Zara, Levi, Victoria ‘s Secret, Mango, Marks & Spencer, Metersbonwe, Calvin Klein, Tommy Hilfiger e Vancl.

A rendere i vestiti tossici sono alcune sostanze chimiche utilizzate negli stabilimenti tessili che in prima battuta inquinano i corsi d’acqua durante la produzione (ma anche durante il lavaggio casalingo) e in seconda battuta sono pericolose per il sistema endocrino umano.

Le sostanze in questione sono NPE (composti nonilfenoloetossilati), che possono rilasciare nonilfenoli, che modificano il funzionamento dei meccanismi ormonali.

La denuncia, lanciata qualche anno fa, ha portato tante marche di quelle citate a ripulire la loro filiera produttiva, per rispettare i propri clienti, preservare la loro salute e inquinare meno l’ambiente; questi marchi sono entrati nel programma Detox di Grennepeace, che appunto promuove una moda senza sostanze tossiche.

Ma serviva Greenpeace per capire che le sostanze tossiche nei vestiti non ci devono stare?!??

Forse era meglio quando i vestiti li facevano le nonne, con la lana “fatta in casa” 🙂