diredonna network
logo
Stai leggendo: Hai Sempre Voglia di Viaggiare? È “Colpa” del tuo DNA

Essere pagate per viaggiare: come si diventa Hotel Tester e quanto si guadagna

10 luoghi misteriosi da non perdere in Italia

Il Titanic non affondò a causa dell'iceberg: ecco la nuova tesi e le prove

6 modi per riciclare i leggings che non portiamo più

Il video appello: "Signor Presidente, ero DJ Fabo, ora voglio poter morire"

Pochette: segreti e storia di un accessorio senza tempo!

Oltre Grey's Anatomy: una nuova serie tv per Ellen Pompeo

Oroscopo dal 19 al 25 gennaio 2017- Come sopravvivere alle stelle

7 scarpe che dovreste comprare durante i saldi (perché saranno di moda anche l'anno prossimo)

Chiara Ferragni è incinta! Lo scherzo di Fedez alla "suocera" in un video

Hai Sempre Voglia di Viaggiare? È "Colpa" del tuo DNA

Hai sempre voglia di viaggiare? Il "problema" potrebbe nascere da un gene del tuo DNA.
(foto: Web)

Vivi con l’ansia di dover sempre staccare la spina, fare le valigie e andare alla scoperta di mondi nuovi?!
beh, non sei pigra, sfaticata o amante della bella vita.
Semplicemente nel DNA hai scritto che hai la necessità di entrare in contatto con nuove culture diverse.
Esiste infatti un vero e proprio gene del viaggio.

Ci sono persone che sono soddisfatte della loro vita, altre che hanno l’esigenza di fare i bagagli e lasciarsi la routine alla spalle.
La ricerca è stata fatta sul recettore della dopamina D4 (DRD4 7r), meglio noto come ‘gene del viaggio’, ed è stata pubblicata sulla rivista ‘Evolution and Human Behaviour’.

La dopamina svolge un’azione fondamentale nel determinare gli equilibri dell’umore. Il recettore appena scoperto non farebbe altro che incrementare la curiosità e la voglia di stimoli esterni. Solo il 20% della popolazione ha alti livelli di DRD4 7r nel proprio corredo genetico e sono quelle persone che vivono con la valigia sempre pronta.

“Il DRD4 risulta in persone che sono più propense a prendere rischi, ad esplorare posti nuovi, a provare nuovi cibi, nuove relazioni, nuove avventure sessuali”.

E voi, siete tra questi? O amate la vostra quotidianità?!