diredonna network
logo
Stai leggendo: Hai Sempre Voglia di Viaggiare? È “Colpa” del tuo DNA

La Balena Felice e la Pink Whale contro Blue Whale, il gioco del suicidio social

15 migliori idee per feste a tema diverse dal solito

Terapie di "riorientamento sessuale": "Ecco come si possono curare i gay"

Maturità: 6 trucchi per ricordare quello che si studia

Troppo grassa per Louis Vuitton, ma la modella non ci sta: ecco come ha risposto su Facebook

"Ho lasciato che mia figlia cambiasse sesso a 4 anni e ne sono felice": la storia di Kai e di mamma Kimberly

"Povero" Johnny Depp: "Ecco come spende 2 milioni di dollari al mese"

Perché dovresti pensarci due volte prima di fare un piercing al trago

Into the Color: Oysho presenta la nuova collezione di costumi per l'estate 2017!

Oroscopo dal 18 al 24 maggio - Come sopravvivere alle stelle

Hai Sempre Voglia di Viaggiare? È "Colpa" del tuo DNA

Hai sempre voglia di viaggiare? Il "problema" potrebbe nascere da un gene del tuo DNA.
(foto: Web)
(foto: Web)

Vivi con l’ansia di dover sempre staccare la spina, fare le valigie e andare alla scoperta di mondi nuovi?!
beh, non sei pigra, sfaticata o amante della bella vita.
Semplicemente nel DNA hai scritto che hai la necessità di entrare in contatto con nuove culture diverse.
Esiste infatti un vero e proprio gene del viaggio.

Ci sono persone che sono soddisfatte della loro vita, altre che hanno l’esigenza di fare i bagagli e lasciarsi la routine alla spalle.
La ricerca è stata fatta sul recettore della dopamina D4 (DRD4 7r), meglio noto come ‘gene del viaggio’, ed è stata pubblicata sulla rivista ‘Evolution and Human Behaviour’.

La dopamina svolge un’azione fondamentale nel determinare gli equilibri dell’umore. Il recettore appena scoperto non farebbe altro che incrementare la curiosità e la voglia di stimoli esterni. Solo il 20% della popolazione ha alti livelli di DRD4 7r nel proprio corredo genetico e sono quelle persone che vivono con la valigia sempre pronta.

“Il DRD4 risulta in persone che sono più propense a prendere rischi, ad esplorare posti nuovi, a provare nuovi cibi, nuove relazioni, nuove avventure sessuali”.

E voi, siete tra questi? O amate la vostra quotidianità?!