diredonna network
logo
Stai leggendo: I Baci del Cane Fanno Bene Alla Nostra Salute

Hai perso il cane o il gatto? Ci pensano i Pet Detective a ritrovarlo

Gloria, uccisa di botte a 23 anni dai parenti che la costringevano a prostituirsi

Sabrina Vita da Strega, pronte per il reboot?

Gomma crepla: cos'è e come si usa

"Sex by surprise", subire violenza durante un rapporto sessuale consenziente

La lettera d'amore di Alain Delon al suo grande amore quando morì

Romy Schneider, il destino crudele dell'attrice che interpretò la principessa Sissi

Tutte pazze per la coperta unicorno di Primark

Gli Harry Potter Studios cercano personale: sfoderate le vostre bacchette

Brums autunno inverno 2017/18: è back to school mania!

I Baci del Cane Fanno Bene Alla Nostra Salute

I baci dei nostri amici a 4 zampe sono un vero toccasana per la nostra salute: ecco lo studio che può confermarlo e farceli amare ancora di più!
(foto: Web)
(foto: Web)

Farsi baciare dal proprio cane potrebbe essere un toccasana.
I microbi contenuti nell’intestino del cane infatti hanno un effetto come probiotici sul nostro organismo, e in questo modo si rafforzano le difese immunitarie che migliorano l’aspetto e il benessere psico-fisico.

Proprio come lo yogurt, giusto per fare un esempio alimentare.

Questa l’ipotesi di alcuni studenti dell‘Università dell’Arizona che stanno analizzando diversi volontari ultra50enni e il loro rapporto a stretto contatto con un cane, per almeno 3 mesi.

“Pensiamo che i cani potrebbero funzionare come probiotici per migliorare la salute dei batteri che vivono nel nostro intestino. All’insieme di questi batteri, detto “microbiota”, è sempre più riconosciuto un ruolo essenziale per la nostra salute mentale e fisica , soprattutto con l’avanzare dell’età”

queste le parole di Charles Raison, il dottore a capo dei ricercatori.

Ai partecipanti dello studio vengono fatti tre controlli con metodi non invasivi, per valutare i cambiamenti nella flora intestinale e altri indicatori di benessere psico-fisico sia per il cane che del padrone.

Le spese veterinarie e per il cibo sono a carico dei ricercatori e trascorsi i tre mesi sarà possibile adottare anche il cane con il quale si condivide l’esperimento.

 

Evviva i nostri amici a 4zampe!