diredonna network
logo
Stai leggendo: I Baci del Cane Fanno Bene Alla Nostra Salute

Cane coraggioso salva la sua amica ferita dai binari ferroviari

Arriva la lingua di gomma per leccare il gatto. Ma la cosa incredibile è un' altra

Perde il figlio e costruisce un rifugio per gatti in sua memoria. La storia di Chris

Inchiesta choc: "Ecco chi sono gli oltre 200 religiosi pedofili in Italia" che continuano a fare i preti

"Sono grassa, ma mi vedo bella": da Victoria's Secret alla maternità, la sfida agli standard della modella plus size

Capodanno cinese: inizia l'anno del Gallo. Tu di che segno sei?

Cosa rivela la forma del tuo piede su di te

Ecco perché migliaia di ovetti sorpresa sono naufragati su questa spiaggia tedesca

I tweet scioccanti dell'ex ragazzo della terza C

Grazia per Jacqueline, la donna che uccise il marito che la picchiava e violentava le figlie

I Baci del Cane Fanno Bene Alla Nostra Salute

I baci dei nostri amici a 4 zampe sono un vero toccasana per la nostra salute: ecco lo studio che può confermarlo e farceli amare ancora di più!
(foto: Web)

Farsi baciare dal proprio cane potrebbe essere un toccasana.
I microbi contenuti nell’intestino del cane infatti hanno un effetto come probiotici sul nostro organismo, e in questo modo si rafforzano le difese immunitarie che migliorano l’aspetto e il benessere psico-fisico.

Proprio come lo yogurt, giusto per fare un esempio alimentare.

Questa l’ipotesi di alcuni studenti dell‘Università dell’Arizona che stanno analizzando diversi volontari ultra50enni e il loro rapporto a stretto contatto con un cane, per almeno 3 mesi.

“Pensiamo che i cani potrebbero funzionare come probiotici per migliorare la salute dei batteri che vivono nel nostro intestino. All’insieme di questi batteri, detto “microbiota”, è sempre più riconosciuto un ruolo essenziale per la nostra salute mentale e fisica , soprattutto con l’avanzare dell’età”

queste le parole di Charles Raison, il dottore a capo dei ricercatori.

Ai partecipanti dello studio vengono fatti tre controlli con metodi non invasivi, per valutare i cambiamenti nella flora intestinale e altri indicatori di benessere psico-fisico sia per il cane che del padrone.

Le spese veterinarie e per il cibo sono a carico dei ricercatori e trascorsi i tre mesi sarà possibile adottare anche il cane con il quale si condivide l’esperimento.

 

Evviva i nostri amici a 4zampe!