diredonna network
logo
Stai leggendo: I Baci del Cane Fanno Bene Alla Nostra Salute

Le ceneri dei defunti diventano vinili per dare ancora "voce" ai morti

Animalier: dal leopardato al maculato, come indossare la tendenza urban jungle!

Tenetevi forte: arriva il sequel di Love Actually

Traffico d'organi: il dramma dei bambini e dei profughi scomparsi nel nulla

25 lettere di (non) amore di uomini violenti alle proprie donne

Niente carcere per il 19enne stupratore. La pena: "Niente sesso fino al matrimonio"

Questo hotel ha dedicato la sala da Tè alla Bella e alla Bestia: ecco perché vorrete andarci

Oysho presenta l'anteprima primavera/estate 2017: scopriamo Midnight romance

Quest'uomo ha speso 80mila dollari in chirurgia plastica per diventare come Britney Spears

Oroscopo dal 16 al 22 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

I Baci del Cane Fanno Bene Alla Nostra Salute

I baci dei nostri amici a 4 zampe sono un vero toccasana per la nostra salute: ecco lo studio che può confermarlo e farceli amare ancora di più!
(foto: Web)

Farsi baciare dal proprio cane potrebbe essere un toccasana.
I microbi contenuti nell’intestino del cane infatti hanno un effetto come probiotici sul nostro organismo, e in questo modo si rafforzano le difese immunitarie che migliorano l’aspetto e il benessere psico-fisico.

Proprio come lo yogurt, giusto per fare un esempio alimentare.

Questa l’ipotesi di alcuni studenti dell‘Università dell’Arizona che stanno analizzando diversi volontari ultra50enni e il loro rapporto a stretto contatto con un cane, per almeno 3 mesi.

“Pensiamo che i cani potrebbero funzionare come probiotici per migliorare la salute dei batteri che vivono nel nostro intestino. All’insieme di questi batteri, detto “microbiota”, è sempre più riconosciuto un ruolo essenziale per la nostra salute mentale e fisica , soprattutto con l’avanzare dell’età”

queste le parole di Charles Raison, il dottore a capo dei ricercatori.

Ai partecipanti dello studio vengono fatti tre controlli con metodi non invasivi, per valutare i cambiamenti nella flora intestinale e altri indicatori di benessere psico-fisico sia per il cane che del padrone.

Le spese veterinarie e per il cibo sono a carico dei ricercatori e trascorsi i tre mesi sarà possibile adottare anche il cane con il quale si condivide l’esperimento.

 

Evviva i nostri amici a 4zampe!