diredonna network
logo
Stai leggendo: I Baci del Cane Fanno Bene Alla Nostra Salute

"Quando me ne sarò andato": questo padre ha lasciato a suo figlio un messaggio lungo tutta una vita

Svelate le date di uscita di Frozen 2 e Il Re Leone live action

Oroscopo dal 27 aprile al 3 maggio - Come sopravvivere alle stelle

"Il mio ragazzo ha un tumore al cervello. Dovrei sposarlo?"

Stealthing, il pericoloso "trend" sessuale dello stupro "invisibile": "Sono stata violentata senza accorgermene"

5 modi per avere vestiti nuovi senza spendere un capitale

Perché questo abito di Primark è in vendita su Ebay al doppio del suo prezzo

I genitori vogliono continuare la battaglia. Il giudice: "Stop alle cure, deve morire con dignità"

"Buon viaggio piccola Aliena": l'addio di Laura Pausini alla nipotina di 3 anni

Dice basta a una dieta da 500 calorie, ma il web la insulta

I Baci del Cane Fanno Bene Alla Nostra Salute

I baci dei nostri amici a 4 zampe sono un vero toccasana per la nostra salute: ecco lo studio che può confermarlo e farceli amare ancora di più!
(foto: Web)

Farsi baciare dal proprio cane potrebbe essere un toccasana.
I microbi contenuti nell’intestino del cane infatti hanno un effetto come probiotici sul nostro organismo, e in questo modo si rafforzano le difese immunitarie che migliorano l’aspetto e il benessere psico-fisico.

Proprio come lo yogurt, giusto per fare un esempio alimentare.

Questa l’ipotesi di alcuni studenti dell‘Università dell’Arizona che stanno analizzando diversi volontari ultra50enni e il loro rapporto a stretto contatto con un cane, per almeno 3 mesi.

“Pensiamo che i cani potrebbero funzionare come probiotici per migliorare la salute dei batteri che vivono nel nostro intestino. All’insieme di questi batteri, detto “microbiota”, è sempre più riconosciuto un ruolo essenziale per la nostra salute mentale e fisica , soprattutto con l’avanzare dell’età”

queste le parole di Charles Raison, il dottore a capo dei ricercatori.

Ai partecipanti dello studio vengono fatti tre controlli con metodi non invasivi, per valutare i cambiamenti nella flora intestinale e altri indicatori di benessere psico-fisico sia per il cane che del padrone.

Le spese veterinarie e per il cibo sono a carico dei ricercatori e trascorsi i tre mesi sarà possibile adottare anche il cane con il quale si condivide l’esperimento.

 

Evviva i nostri amici a 4zampe!