diredonna network
logo
Stai leggendo: Molestata Per Strada, Aggredisce l’Uomo e lo Porta dalla Polizia

Benvenute nel Medioevo digitale: "Donne chiatte? Contenitori di sperma". Passato l'8 marzo, finita la festa

Legge choc: "I medici possono mentire alle madri per evitare gli aborti"

Oroscopo dal 23 al 29 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Ha detto basta ma non ha urlato": quindi non è violenza sessuale

Luke Perry: "Ho una lesione precancerosa al colon. Fate lo screening"

"6 motivi per scegliere una fidanzata dell'est": è polemica per la lista di Rai1

Oroscopo dal 16 al 22 marzo - Come sopravvivere alle stelle

La vita in Nord Corea: "A 9 anni ho visto giustiziare una donna per aver visto un film di Hollywood"

"Questa è mia figlia poco prima di morire": il disperato gesto di un padre contro il bullismo

Perdono i genitori in una settimana: il mondo si mobilita per pagare il mutuo ai tre fratelli

Molestata Per Strada, Aggredisce l'Uomo e lo Porta dalla Polizia

Una storia che evidenza la forza di una donna che non scappa dal suo molestatore ma lo affronta e lo fa arrestare!
(foto: Web)

Pradnya Mandhare è una studentessa indiana, eroina di mezzo mondo in queste ore.
Dopo le lezioni in università stava aspettando il treno che la portasse a casa quando un uomo, visibilmente ubriaco, si è avvicinato e ha iniziato a molestarla.
La giovane, superato lo shock iniziale e stupita del fatto che nessuno accanto a lei avesse la minima intenzione di aiutarla nonostante tutti stessero assistendo a quella terribile scena, ha deciso di reagire, prima di tutto colpendo il suo assessore con la borsa e poi trascinandolo dalla polizia.

“Quando quest’uomo ha provato a toccarmi, ho tentato di scansarmi. Lui mi ha afferrato per un braccio. Mi sono come immobilizzata per qualche secondo, poi però ho iniziato a colpirlo. L’ho preso per i capelli. Non è stato facile: lui voleva scappare e io avevo paura che mi aggredisse.”

L’uomo è stato fortunatamente arrestato e ora è in attesa di processo.

Pradnya si sente molto soddisfatta:

“La maggior parte delle donne hanno paura di denunciare alla polizia perché è un percorso lungo: si tratta di rilasciare un sacco di dichiarazioni e, a volte si tratta di agenti che non sono cooperativi”

“Molte pensano che andare alla polizia in questi casi sia un disonore. Io penso invece che sia necessario alzare la voce. Ogni donna dovrebbe reagire in questi casi. Le donne non sono oggetti che chiunque può toccare a proprio piacimento”.

Grandissima! Così si fa.