diredonna network
logo
Stai leggendo: Molestata Per Strada, Aggredisce l’Uomo e lo Porta dalla Polizia

25 lettere di (non) amore di uomini violenti alle proprie donne

Gessica, sfigurata dall'acido: "La strada è lunga, ma tengo duro". Il video messaggio su Facebook

Lui è l'uomo che l'ha stuprata, lei la vittima: insieme raccontano la loro storia

Ecco le cinture di castità moderne, i pantaloni antistupro: tutti i modelli

Ilde, sposa a 13 anni: "Mi portava dalle prostitute per imparare a fare sesso"

Le ceneri dei defunti diventano vinili per dare ancora "voce" ai morti

Tenetevi forte: arriva il sequel di Love Actually

Traffico d'organi: il dramma dei bambini e dei profughi scomparsi nel nulla

Niente carcere per il 19enne stupratore. La pena: "Niente sesso fino al matrimonio"

Oroscopo dal 16 al 22 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

Molestata Per Strada, Aggredisce l'Uomo e lo Porta dalla Polizia

Una storia che evidenza la forza di una donna che non scappa dal suo molestatore ma lo affronta e lo fa arrestare!
(foto: Web)

Pradnya Mandhare è una studentessa indiana, eroina di mezzo mondo in queste ore.
Dopo le lezioni in università stava aspettando il treno che la portasse a casa quando un uomo, visibilmente ubriaco, si è avvicinato e ha iniziato a molestarla.
La giovane, superato lo shock iniziale e stupita del fatto che nessuno accanto a lei avesse la minima intenzione di aiutarla nonostante tutti stessero assistendo a quella terribile scena, ha deciso di reagire, prima di tutto colpendo il suo assessore con la borsa e poi trascinandolo dalla polizia.

“Quando quest’uomo ha provato a toccarmi, ho tentato di scansarmi. Lui mi ha afferrato per un braccio. Mi sono come immobilizzata per qualche secondo, poi però ho iniziato a colpirlo. L’ho preso per i capelli. Non è stato facile: lui voleva scappare e io avevo paura che mi aggredisse.”

L’uomo è stato fortunatamente arrestato e ora è in attesa di processo.

Pradnya si sente molto soddisfatta:

“La maggior parte delle donne hanno paura di denunciare alla polizia perché è un percorso lungo: si tratta di rilasciare un sacco di dichiarazioni e, a volte si tratta di agenti che non sono cooperativi”

“Molte pensano che andare alla polizia in questi casi sia un disonore. Io penso invece che sia necessario alzare la voce. Ogni donna dovrebbe reagire in questi casi. Le donne non sono oggetti che chiunque può toccare a proprio piacimento”.

Grandissima! Così si fa.