diredonna network
logo
Stai leggendo: Razzismo: La Discoteca “Vieta ai Neri”

Il video appello: "Signor Presidente, ero DJ Fabo, ora voglio poter morire"

Oltre Grey's Anatomy: una nuova serie tv per Ellen Pompeo

Oroscopo dal 19 al 25 gennaio 2017- Come sopravvivere alle stelle

Inchiesta choc: "Ecco chi sono gli oltre 200 religiosi pedofili in Italia" che continuano a fare i preti

Grey's Anatomy: nuove stagioni già in programma?

La magia de l'Incantevole Creamy torna in tv: ecco quando e dove

Lui la dà alla fiamme. Lei lo difende dalla D'Urso. Momento di TV shock

"Streghe": è in arrivo un prequel della serie?

Gli insulti stupidi ad AstroSamantha per il nome della figlia (e forse è pure una bufala)

Oroscopo dal 12 al 18 gennaio 2017 - Come sopravvivere alle stelle

Razzismo: La Discoteca "Vieta ai Neri"

Italia shock: "Discoteca vietata ai neri" Il racconto di una giornalista che ci catapulta immediatamente nel medioevo.
(foto: Web)

Una storia che ha dell’assurdo e che arriva da Bologna.
Una nota discoteca del centro città ha deciso di vietare l’ingresso ai ragazzi di colore.
Una notizia che è stata immediatamente segnalata dagli operatori dei centri di accoglienza e poi verificata da una giornalista.
La donna, recatasi sul luogo, ha notato che effettivamente i buttafuori non hanno permesso ad un ragazzo di colore di entrare, mentre maschi e femmine “bianchi” passavano dall’ingresso senza problemi.
Una scena da film, film non ambientati nel terzo millennio, in ogni caso.

Alla richiesta di spiegazioni, il buttafuori avrebbe ammesso:

“Il weekend scorso abbiamo trovato un nero con un coltello nascosto nel giubbotto. Io capisco che sicuramente ci andranno di mezzo anche delle persone che non centrano niente, anche dei bravi ragazzi […] Noi non ci possiamo fare niente, per un po’ è così, non li facciamo passare neanche se sono accompagnati”.

Accompagnati? Da chi?! Da persone “bianche” che garantiscono per loro?
La fiera dell’assurdità.

Diversa invece la spiegazione del titolare del locale, che in qualche modo scarica la responsabilità sugli addetti alla sicurezza:

“Se il buttafuori ha fatto una cosa del genere, se ne assumerà tutte le responsabilità”.

Poi però, fa retromarcia e ammette:

“nell’ultimo periodo soffriamo molto per alcune situazioni legate alla convivenza con i ragazzi di colore, soprattutto i profughi dei centri di accoglienza, che talvolta hanno creato un po’ di disagi”.

Generalizzazioni che si sprecano.
2015, più che il futuro, il medioevo.