diredonna network
logo
Stai leggendo: Gemelle Identiche Tranne Che Nel Colore della Pelle: Evento Rarissimo

Vampiri energetici: come riconoscerli e imparare a difenderti da loro

"Quando me ne sarò andato": questo padre ha lasciato a suo figlio un messaggio lungo tutta una vita

Oroscopo dal 27 aprile al 3 maggio - Come sopravvivere alle stelle

Dice basta a una dieta da 500 calorie, ma il web la insulta

Oroscopo dal 20 al 26 aprile - Come sopravvivere alle stelle

Perché non dovresti MAI utilizzare questo phon pubblico (né avvicinarti)

"Perché ho realizzato per la mia bambina una festa a tema... cacca"

La fitness blogger che ha deciso di non depilarsi: "Voglio essere di ispirazione per le altre donne"

Titanic: ma Jack poteva salvarsi sulla porta-zattera con Rose? Ecco la risposta

Vacanze di Pasqua: i 4 compiti di questo maestro elementare

Gemelle Identiche Tranne Che Nel Colore della Pelle: Evento Rarissimo

Gemelle identiche tranne che nel colore della pelle. L'evento rarissimo che lascia a bocca aperta genitori e medici.
(foto: Web)

Queste gemelle identiche tranne che nel colore della pelle.

Una è nata bianca, con i capelli rossi e gli occhi chiari e l’altra con la pelle nere, i capelli ricci e crespi e occhi scuri.

Un vero e proprio choc per i genitori che, subito dopo il parto, nel gennaio del 1997, si sono resi conto di questo prodigio genetico.
L’evento è davvero rarissimo.
La mamma, Donna, è per metà giamaicana, mentre il padre Vince è bianco.

 

(foto: Web)

(foto: Web)

Lucy, una delle due gemelline, racconta:

“Quando siamo nate l’ostetrica non poteva crederci. Nessuno aveva idea che saremmo state così diverse. I nostri fratelli e sorelle hanno una pelle che è una via di mezzo tra il mio colore e quello di Maria. La cosa positiva è che in classe nessuno ci scambiava come succede invece agli altri gemelli”.

Le due ragazze non sono l’ultimo caso.
Leo è bianco, Ryan è nero, sono gemelli e nati a Berlino nel 2008.
La mamma è di origine africana, del Ghana, il padre è berlinese.

Gli scienziati ammettono che questa ipotesi si verifica una volta su un milione.
Noi, l’abbiamo già raccontato due volte.