diredonna network
logo
Stai leggendo: Il Bambino Che Si Ricorda la Vita Precedente e Incastra Un Assassino

Gli uomini preferiscono le donne formose. Ecco perché!

"Ci siamo conosciuti su un'app di incontri ed è successo l'imprevedibile"

Michelle e Aurora: 20 anni di tenerezze e complicità tra mamma e figlia

Oroscopo dal 20 al 26 luglio - Come sopravvivere alle stelle

Si scatta un selfie con la sorella che sta partorendo e lo posta con queste parole

Chi vorrebbe ricevere una proposta di matrimonio da Starbucks come questa

4 motivi per cui Wonder Woman ci ha davvero stufate

Mark, 19 anni, non trova lavoro a causa di questo suo tatuaggio

Frasi auguri matrimonio: 3 idee per essere originali

I 10 articoli più letti della settimana - dal 7 al 13 luglio 2017

Il Bambino Che Si Ricorda la Vita Precedente e Incastra Un Assassino

La storia di un bambino di 3 anni che ricorda la sua vita precedente sta facendo impazzire tutto il mondo. Specialisti, terapeuti e religiosi credono nel racconto del piccolo che ha incastrato un assassino.
foto: Web
foto: Web

Una storia davvero incredibile che sta facendo impazzire mezzo mondo.
Un bambino di circa tre anni ricorda la sua vita precedente nei minimi dettagli, tanto da arrivare ad indicare anche il luogo esatto dove è stato sepolto il suo cadavere, l’arma con la quale è stato ucciso e anche il nome del suo assassino.
E non solo.

Questo racconto incredibile arriva dalla regione del Golan, al confine tra Israele e Siria, e proprio perchè incredibile sta lasciando a bocca aperta anche religiosi e studiosi come il dott. Eli Lasch e il terapeuta Trutz Hardo.

Il bambino in questione sarebbe appartenente all’etnia drusa, che crede nella reincarnazione. Proprio per questo i bambini di tale etnia, raggiunta l’età di tre anni, vengono portati nel luogo della loro vita precedente, se ne conservano memoria.

Il piccolo però, questa volta, si è spinto oltre, indicando un punto preciso dove scavare e proprio lì è stato ritrovato il corpo di un uomo.
Poco distante un’ascia ovvero l’arma del delitto che il bambino aveva già descritto prima di trovarla.

La storia è ancora più affascinante se si pensa che il piccolo ricordava anche il nome del suo killer, un uomo dato per disperso quattro anni prima.
Messo di fronte al presunto assassino, i testimoni avrebbero affermato di averlo visto impallidire e ammettere il delitto.
Il terapista tedesco Trutz Hardo racconta la storia di questo bambino, nel suo libro, con molte altre storie di bambini che sembrano ricordare le loro vite passate con una precisione verificata.

Il bimbo è nato con una lunga voglia rossa sulla sua testa. I druidi e altre culture credono che le voglie siano legate alle morti in vite passate.

Difficile in questo caso avere dei dubbi.