diredonna network
logo
Stai leggendo: Storia di Karma: Ecco Perché è Fondamentale Essere Sempre Gentile con il Prossimo

Il Titanic non affondò a causa dell'iceberg: ecco la nuova tesi e le prove

6 modi per riciclare i leggings che non portiamo più

Essere pagate per viaggiare: come si diventa Hotel Tester e quanto si guadagna

Oroscopo dal 19 al 25 gennaio 2017- Come sopravvivere alle stelle

Chiara Ferragni è incinta! Lo scherzo di Fedez alla "suocera" in un video

Sesso anale, la dottoressa De Mari: "Si pratica nelle iniziazioni sataniche. L'omosessualità non esiste"

"Sono grassa, ma mi vedo bella": da Victoria's Secret alla maternità, la sfida agli standard della modella plus size

Capodanno cinese: inizia l'anno del Gallo. Tu di che segno sei?

Cosa rivela la forma del tuo piede su di te

Ecco perché migliaia di ovetti sorpresa sono naufragati su questa spiaggia tedesca

Storia di Karma: Ecco Perché è Fondamentale Essere Sempre Gentile con il Prossimo

E voi, credete al Karma?! Leggendo questa storia non potrete fare a meno di diventare gentili con il prossimo ...
(foto: Web)

Il mondo è piccolo e il karma è sempre pronto ad attaccare.
Chi ancora storce il naso e vive secondo il mantra “mors tua vita mea”, meglio che si sieda e legga questo racconto di vita vera.

Un giovane, in cerca di lavoro a Londra, era in metro e per nervosismi vari è inveito contro il suo vicino, spintonandolo, insultandolo e strattonandolo per passare da un vagone all’altro.
Peccato che … karma volesse che quell’uomo “maltrattato” di prima mattina e senza motivo, se lo sarebbe trovato davanti poco dopo durante un colloquio di lavoro.

Si trattava di Matt Buckland, capo personale di un’azienda, che ha raccontato tramite twitter la vicenda, affidandosi al “karma”.

“Karma: il ragazzo che mi ha spinto e ha inveito contro di me in metropolitana è appena arrivato per sostenere il suo colloquio di lavoro…con me…”.

(foto: Web)

Il giovane ragazzo non aveva immediatamente compreso chi avesse di fronte fino al momento in cui Buckland, divertito, ha iniziato a metterlo in imbarazzo con domande sul suo comportamento in metro.
Insomma, nonostante il Curriculum, il ragazzo non ha ottenuto il posto … “non adatto”.
Ma nessuna vendetta.

In realtà i due si sono fatti delle grasse risate, lasciando da parte l’astio mattutino.
In ogni caso il giovane avrà sicuramente imparato la lezione.
E voi?!
Occhio ad alzare il dito medio fermi al semaforo!