diredonna network
logo
Stai leggendo: La lettera di un papà contro Renzi e gli adulti che han fatto piangere sua figlia

Vacanze di Pasqua: i 4 compiti di questo maestro elementare

La maledizione della lotteria: "Ero più felice prima di vincere al Gratta e Vinci"

Svelate le date di uscita di Frozen 2 e Il Re Leone live action

Oroscopo dal 27 aprile al 3 maggio - Come sopravvivere alle stelle

"Il mio ragazzo ha un tumore al cervello. Dovrei sposarlo?"

Stealthing, il pericoloso "trend" sessuale dello stupro "invisibile": "Sono stata violentata senza accorgermene"

I genitori vogliono continuare la battaglia. Il giudice: "Stop alle cure, deve morire con dignità"

"Buon viaggio piccola Aliena": l'addio di Laura Pausini alla nipotina di 3 anni

Perché non dovresti MAI utilizzare questo phon pubblico (né avvicinarti)

"Figlia mia, sopravvivo solo per darti giustizia". Parla la mamma di Tiziana Cantone

La lettera di un papà contro Renzi e gli adulti che han fatto piangere sua figlia

Una lettera che colpisce duro Renzi, i politici e tutti gli adulti che non si curano dei figli e/o dei bambini. Loro sono il futuro. Ignorarli è un clamoroso autogoal.
(foto: Web)

Questa è una lettera, presa dal Corriere della Sera, che evidenzia una grande e triste realtà: ovvero che gli adulti, anche e forse soprattutto quelli con cariche importanti, poco si interessano al futuro del Paese, ignorando completamente i bambini, che nella loro innocenza avrebbero tanto da insegnare.

Difficilmente possiamo dare torto al padre e alle sue parole.

Di Emilio Cabasino:

“Egregio signor primo ministro,

Matteo Renzi mentre ascolta l’orchestra dell’Accademia di Santa Cecilia
oggi (domenica, ndr) mia figlia quattordicenne ha suonato con la JuniOrchestra dell’Accademia nazionale di Santa Cecilia, a Roma, all’evento del Pd, «La Scuola che cambia, cambia l’Italia». È tornata a casa in lacrime umiliata e mortificata dalla totale assenza di attenzione da parte del pubblico durante la loro esecuzione successiva al suo intervento. Mentre i ragazzi erano impegnati nella difficile esecuzione di musiche di Beethoven e di Tchaikovsky il pubblico in sala era principalmente impegnato a prodigare saluti, non solo parlando a voce alta, ma camminando e urtando i ragazzi, rendendo di fatto impossibile l’esecuzione stessa.
Lei stesso non ha prestato alcuna attenzione alla musica preparata e studiata dai ragazzi espressamente per questa circostanza.

Ma è mai possibile? Un convegno che parla di educazione e di scuola (anche sottolineando l’importanza della musica per la formazione di buoni cittadini) e i cui partecipanti trattano i ragazzi e il loro impegno in questo modo? Credo che la Buona Scuola inizi proprio da qui: dal rispetto dei ragazzi prima di tante belle parole e oggi questo è venuto drammaticamente a mancare.

Un drammatico autogol per il Pd e per il mondo della politica!”

Tralasciando la politica, l’autogol è degli adulti, troppo impegnati ed egoisti, che ignorando i ragazzi non fanno che ignorare il futuro.

Dalla parte dei piccoli.

Ascoltateli, spronateli, ringraziateli sempre. Arriverà il giorno che a loro dovremmo tutto.