diredonna network
logo
Stai leggendo: La lettera di un papà contro Renzi e gli adulti che han fatto piangere sua figlia

Scuola: al via i Licei brevi, 4 anni invece di 5

La lezione di Peter, amputato fa acroyoga con la protesi

Il cantante ferma il concerto per difendere una ragazza dalle molestie: "È disgustoso"

"Tu rimani un povero handicappato e ne sono contento": il cartello shock

Quando l'arcobaleno è rosa: la spiegazione del fenomeno

Cynthia Nixon come "Miranda": da Sex & The City alla politica

Look da fata dai capelli turchini per Rihanna

Il papà denuncia la mamma no-vax: la parola passa al tribunale

"Mangia, sei anoressica": Alessia Marcuzzi risponde alle critiche su Instagram

Il messaggio di Emma per l'amica Stefy, la mamma di Bea

La lettera di un papà contro Renzi e gli adulti che han fatto piangere sua figlia

Una lettera che colpisce duro Renzi, i politici e tutti gli adulti che non si curano dei figli e/o dei bambini. Loro sono il futuro. Ignorarli è un clamoroso autogoal.
(foto: Web)
(foto: Web)

Questa è una lettera, presa dal Corriere della Sera, che evidenzia una grande e triste realtà: ovvero che gli adulti, anche e forse soprattutto quelli con cariche importanti, poco si interessano al futuro del Paese, ignorando completamente i bambini, che nella loro innocenza avrebbero tanto da insegnare.

Difficilmente possiamo dare torto al padre e alle sue parole.

Di Emilio Cabasino:

“Egregio signor primo ministro,

Matteo Renzi mentre ascolta l’orchestra dell’Accademia di Santa Cecilia
oggi (domenica, ndr) mia figlia quattordicenne ha suonato con la JuniOrchestra dell’Accademia nazionale di Santa Cecilia, a Roma, all’evento del Pd, «La Scuola che cambia, cambia l’Italia». È tornata a casa in lacrime umiliata e mortificata dalla totale assenza di attenzione da parte del pubblico durante la loro esecuzione successiva al suo intervento. Mentre i ragazzi erano impegnati nella difficile esecuzione di musiche di Beethoven e di Tchaikovsky il pubblico in sala era principalmente impegnato a prodigare saluti, non solo parlando a voce alta, ma camminando e urtando i ragazzi, rendendo di fatto impossibile l’esecuzione stessa.
Lei stesso non ha prestato alcuna attenzione alla musica preparata e studiata dai ragazzi espressamente per questa circostanza.

Ma è mai possibile? Un convegno che parla di educazione e di scuola (anche sottolineando l’importanza della musica per la formazione di buoni cittadini) e i cui partecipanti trattano i ragazzi e il loro impegno in questo modo? Credo che la Buona Scuola inizi proprio da qui: dal rispetto dei ragazzi prima di tante belle parole e oggi questo è venuto drammaticamente a mancare.

Un drammatico autogol per il Pd e per il mondo della politica!”

Tralasciando la politica, l’autogol è degli adulti, troppo impegnati ed egoisti, che ignorando i ragazzi non fanno che ignorare il futuro.

Dalla parte dei piccoli.

Ascoltateli, spronateli, ringraziateli sempre. Arriverà il giorno che a loro dovremmo tutto.