diredonna network
logo
Stai leggendo: Anoressia in Copertina: Scatta la Polemica

Dice basta a una dieta da 500 calorie, ma il web la insulta

La maledizione della lotteria: "Ero più felice prima di vincere al Gratta e Vinci"

Svelate le date di uscita di Frozen 2 e Il Re Leone live action

Oroscopo dal 27 aprile al 3 maggio - Come sopravvivere alle stelle

"Il mio ragazzo ha un tumore al cervello. Dovrei sposarlo?"

Stealthing, il pericoloso "trend" sessuale dello stupro "invisibile": "Sono stata violentata senza accorgermene"

I genitori vogliono continuare la battaglia. Il giudice: "Stop alle cure, deve morire con dignità"

"Buon viaggio piccola Aliena": l'addio di Laura Pausini alla nipotina di 3 anni

Perché non dovresti MAI utilizzare questo phon pubblico (né avvicinarti)

"Figlia mia, sopravvivo solo per darti giustizia". Parla la mamma di Tiziana Cantone

Anoressia in Copertina: Scatta la Polemica

Una copertina shock: passi indietro per il mondo della moda che, ancora una volta, esalta uno stereotipo di bellezza "malato"
(foto: Web)

Stiamo parlando di “Cover” un magazine di moda danese che è stato oggetto di critiche infinite per aver pubblicato in copertina la foto di una ragazza spaventosamente magra, evidentemente anoressica e malata.

(foto: Web)

Anche il ministro danese è intervenuto per condannare quell’immagine e la direttrice del mag è stata costretta a scusarsi.

È l’idea che sta alla base che è sbagliata: far passare il messaggio che una ragazza malata possa guadagnarsi la copertina di una rivista, elevarla quindi ad esempio di bellezza, da emulare.
Tutti i buoni propositi e gli sforzi che il mondo della moda sta cercando di fare per evitare che “bello” sia strettamente collegato ad “anoressico”, gettati all’aria, in un secondo.
Le critiche sono arrivate dai media, dalla gente comune e attraverso i social dove con l’hashtag #covergate tutti hanno potuto esprimere il loro sdegno per la copertina e la decisione editoriale.

Una scelta infelice che banalizza una malattia ancora troppo diffusa.

Il ministro Benny Englebrecht ha commentato:

“Pensavo che l’industria della moda avesse capito che l’anoressia è un problema che va prese molto seriamente”

La direttrice del giornale, Malene Malling che ha fatto pubblica ammenda e ha dichiarato:

“Lavoro nel settore da dieci anni. Questa volta ho fatto un grosso errore e chiedo scusa. Questa foto non avrebbe mai dovuto essere pubblicata.”

Ammetterlo, è sempre un passo avanti.