diredonna network
logo
Stai leggendo: Cocò, a Soli 3 Anni Bruciato dalla Mafia

Itzel, la ragazza di 15 anni che ha ucciso il suo stupratore, è stata assolta

Quando Reeva scrisse a Pistorius: "A volte mi fai paura" e quelle parole di lui

Quando l'arcobaleno è rosa: la spiegazione del fenomeno

Cynthia Nixon come "Miranda": da Sex & The City alla politica

Look da fata dai capelli turchini per Rihanna

Il papà denuncia la mamma no-vax: la parola passa al tribunale

"Mangia, sei anoressica": Alessia Marcuzzi risponde alle critiche su Instagram

Il messaggio di Emma per l'amica Stefy, la mamma di Bea

Scuola: al via i Licei brevi, 4 anni invece di 5

È morta la mamma di Bea, la bambina prigioniera del suo corpo

Cocò, a Soli 3 Anni Bruciato dalla Mafia

Una storia di Mafia che si riempie di dettagli inquietanti. A perdere la vita un bambino di 3 anni, colpevole solo di essere nipote di un pentito.
(foto: Web)
(foto: Web)

Una terribile vicenda di mafia che si riempie di altri drammatici particolari.
Il delitto è avvenuto a Cassano allo Ionio il gennaio dello scorso anno.

Il movente ora sembra chiaro: Giuseppe Iannicelli, ucciso insieme alla compagna marocchina e al nipotino di tre anni Nicola “Cocò” Campolongo, aveva manifestato l’intenzione di pentirsi.

L’anziano aveva manifestato questa volontà in una lettera inviata alla moglie. Della lettera però non si ha alcuna traccia.
Agli investigatori avrebbe parlato il fratello di Giuseppe, Battista, indagato sul cland “degli zingari” attivo in città.
La sua testimonianza ha fatto in modo che la guardia di finanza eseguisse 33 ordinanze di custodia cautelare in Calabria, Puglia, Basilicata, Piemonte, Emilia Romagna e Lombardia, sequestrano oltre 3 tonnellate di stupefacente per un valore di 53 milioni di euro, un ingente arsenale di kalashnikov, auto di lusso, immobili ed alcune imbarcazioni utilizzate per il trasporto dei carichi.

Il piccolo Cocò aveva solo tre anni quando è stato ucciso. Un bambino che in tenera età aveva già vissuto il dramma del carcere penitenziario di Castrovillari con la sua mamma, imputata in qualità di appartenente a una presunta organizzazione mafiosa dedita al traffico di stupefacenti. Lo stesso nonno di Cocò, Giuseppe, era stato condannato in quanto ritenuto a capo di un gruppo di spacciatori operanti nella Sibaritide, ma voleva pentirsi.

La sua redenzione però è costata davvero molto, troppo, cara a tutta la famiglia.