diredonna network
logo
Stai leggendo: Preside di una Scuola Vieta il Velo in Classe: “La Scuola è Laica”

Le ceneri dei defunti diventano vinili per dare ancora "voce" ai morti

Tenetevi forte: arriva il sequel di Love Actually

Traffico d'organi: il dramma dei bambini e dei profughi scomparsi nel nulla

25 lettere di (non) amore di uomini violenti alle proprie donne

Niente carcere per il 19enne stupratore. La pena: "Niente sesso fino al matrimonio"

Oroscopo dal 16 al 22 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

"Trascurano i figli per accudire i loro 12 cani": giudice toglie i figli a una coppia

Gessica, sfigurata dall'acido: "La strada è lunga, ma tengo duro". Il video messaggio su Facebook

Quando lui si sfila il preservativo: subire violenza senza rendersene conto. La storia di Stella.

Figli che uccidono i genitori: 7 casi shock

Preside di una Scuola Vieta il Velo in Classe: "La Scuola è Laica"

Il preside di una scuola decide di vietare il velo in classe: "La scuola è laica!"
(foto: Web)

È successo in Friuli: il preside di una scuola superiore ha deciso di vietare il velo islamico in classe e la sue spiegazione non si fa attendere:

“Nonostante gli sforzi profusi da tanti docenti di buona volontà, sinceramente impegnati come formatori a trasmettere valori dell’accettazione dell’altro e del reciproco rispetto, ci tocca amaramente constatare che, da quando i jihadisti dell’Isis hanno scatenato con la brutalità dei loro attacchi una “guerra totale” contro l’Occidente , gli Sciti, gli “infedeli” di tutte le specie, compresi i sunniti moderati, perseguendo l’idea folle di restaurare il califfato islamico, tra i nostri studenti si sono diffusi sentimenti ostili ai Musulmani ed in genere agli Arabi, che costituiscono una numerosa comunità nella nostra scuola”

Il preside ha quindi deciso di non essere minimamente tollerante verso certi comportamenti razzisti che nascono, parole sue, da “ignoranza e degrado”.

“Gli insulti razzisti, lanciati spesso senza alcuna consapevolezza, in certe classi e soprattutto nei gruppi dei social network ,sono divenuti pratica corrente . E talvolta dalle parole si è passati ai fatti: è di questi giorni il caso dell’autoctono che, presosi a male parole con un compagno egiziano, l’ha poi aggredito all’esterno della scuola. Queste tensioni, queste frizioni, queste violenze addirittura non nascono dallo scontro tra culture ed ideologie: sorgono semplicemente dall’ ignoranza e dal degrado che allignano in certi ambienti marginali del nostro civilissimo Friuli, da un senso di frustrazione sociale ed umana che produce un’aggressività generica, pronta a sfogarsi in ogni direzione”

“E dato che questa rabbia è un sentimento vigliacco, essa prende di preferenza a bersaglio il compagno “diverso” ed isolato , perché semplicemente timido, o forestiero o semplicemente in un modo o nell’altro non omologato ai comportamenti prevalenti. Non esistono e non devono esistere guerre di religione a scuola. Le armi che dobbiamo utilizzare per prevenire questi patetici fenomeni sono la persuasione, la riflessione, il confronto, la testimonianza di chi nella vita ha patito soprusi e discriminazioni in nome della propria etnia, condizione ,religione o ideologia. Ma dove quest’opera di educazione e convincimento non bastasse, per i più ottusi, per gli ostinati, per gli incorreggibili ci sarà inevitabilmente la repressione”.

Insomma, secondo il preside, il velo potrebbe generare episodi di razzismo, una decisione preventiva.
Che ne pensate?!