diredonna network
logo
Stai leggendo: Figlia di Whitney Houston Morirà Lo Stesso Giorno della Madre

Disagio Anni '90: 20 canzoni tristi e depresse che abbiamo amato durante l'adolescenza

A terra con 32 coltellate. "Ho sposato l'uomo che mi ha salvata dall'ex violento"

Dice basta a una dieta da 500 calorie, ma il web la insulta

Balenciaga "rifà" la borsa blu di Ikea. Trova le differenze: il prezzo per esempio

Oroscopo dal 20 al 26 aprile - Come sopravvivere alle stelle

Perché non dovresti MAI utilizzare questo phon pubblico (né avvicinarti)

"Perché ho realizzato per la mia bambina una festa a tema... cacca"

La fitness blogger che ha deciso di non depilarsi: "Voglio essere di ispirazione per le altre donne"

Titanic: ma Jack poteva salvarsi sulla porta-zattera con Rose? Ecco la risposta

Vacanze di Pasqua: i 4 compiti di questo maestro elementare

Figlia di Whitney Houston Morirà Lo Stesso Giorno della Madre

Oggi la figlia di Whitney Houston morirà, nell'anniversario della morte della madre. Un tragico scherzo del destino, per due donne, madre e figlia, con lo stesso desiderio di essere amate.
(foto: Web)

Destino crudele.
La figlia di Whitney Houston, Bobbi Kristina Brown, è stata ricoverata per overdose di farmaci.

La sua vita finirà oggi, l’11 febbraio, lo stesso giorno della morte di sua madre.

I parenti della ragazza hanno infatti deciso di staccare la spinta proprio il giorno dell’anniversario della morte di Whitney, trovata senza vita nella vasca da bagno del Beverly Hilton Hotel tre anni fa.

A suggerire la fatidica data è stata la nonna di Bobbi Cissy Houston.

Già settimana scorsa i medici avevano consigliato ai parenti di praticare l’eutanasia, ma la famiglia aveva atteso sperando in un miglioramento che purtroppo non è mai arrivato.

Pare che l’overdose di Bobbi Kristina sia stata causata dal marito, ora indagato per capire le sue responsabilità. Sul corpo della ragazza sono state ritrovate ferite e lesioni e negli ultimi tempi, raccontano gli amici, i due avevano molti problemi.
Una morte causata dal rifiuto di un grande amore, dal desiderio di essere accettate e protette da uomini troppo piccoli per essere definiti tali.