diredonna network
logo
Stai leggendo: Figlia di Whitney Houston Morirà Lo Stesso Giorno della Madre

"Riposa in pace. So che verrai a cercarmi...", le parole della moglie a Chris Cornell

Perché la fine di un'amicizia è peggio della fine di un amore

Quando Marina Abramovic lasciò che la gente usasse il suo corpo come un oggetto

Oroscopo dal 25 al 31 maggio - Come sopravvivere alle stelle

"Avril Lavigne è morta ed è stata rimpiazzata da un clone": le "prove" dei complottisti

Spora, ecco il mio viso dopo l'incidente: "Questa sono io e la perfezione non esiste"

15 migliori idee per feste a tema diverse dal solito

Terapie di "riorientamento sessuale": "Ecco come si possono curare i gay"

Troppo grassa per Louis Vuitton, ma la modella non ci sta: ecco come ha risposto su Facebook

Oroscopo dal 18 al 24 maggio - Come sopravvivere alle stelle

Figlia di Whitney Houston Morirà Lo Stesso Giorno della Madre

Oggi la figlia di Whitney Houston morirà, nell'anniversario della morte della madre. Un tragico scherzo del destino, per due donne, madre e figlia, con lo stesso desiderio di essere amate.
(foto: Web)
(foto: Web)

Destino crudele.
La figlia di Whitney Houston, Bobbi Kristina Brown, è stata ricoverata per overdose di farmaci.

La sua vita finirà oggi, l’11 febbraio, lo stesso giorno della morte di sua madre.

I parenti della ragazza hanno infatti deciso di staccare la spinta proprio il giorno dell’anniversario della morte di Whitney, trovata senza vita nella vasca da bagno del Beverly Hilton Hotel tre anni fa.

A suggerire la fatidica data è stata la nonna di Bobbi Cissy Houston.

Già settimana scorsa i medici avevano consigliato ai parenti di praticare l’eutanasia, ma la famiglia aveva atteso sperando in un miglioramento che purtroppo non è mai arrivato.

Pare che l’overdose di Bobbi Kristina sia stata causata dal marito, ora indagato per capire le sue responsabilità. Sul corpo della ragazza sono state ritrovate ferite e lesioni e negli ultimi tempi, raccontano gli amici, i due avevano molti problemi.
Una morte causata dal rifiuto di un grande amore, dal desiderio di essere accettate e protette da uomini troppo piccoli per essere definiti tali.