diredonna network
logo
Stai leggendo: Il Cuore di Pino Daniele Gettato Nei Rifiuti Dopo l’Autopsia: La Compagna Sotto Shock

Gessica, sfigurata dall'acido: "La strada è lunga, ma tengo duro". Il video messaggio su Facebook

Cassidy, violentata a 13 anni suicida a 15: in questa lettera il suo ultimo desiderio

Oroscopo dal 23 febbraio all'1 marzo - Come sopravvivere alle stelle

Violentata a 7 anni dal compagno della madre. Il processo dura 20 e l'accusa cade in prescrizione

Le ceneri dei defunti diventano vinili per dare ancora "voce" ai morti

Tenetevi forte: arriva il sequel di Love Actually

Traffico d'organi: il dramma dei bambini e dei profughi scomparsi nel nulla

25 lettere di (non) amore di uomini violenti alle proprie donne

Niente carcere per il 19enne stupratore. La pena: "Niente sesso fino al matrimonio"

Oroscopo dal 16 al 22 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

Il Cuore di Pino Daniele Gettato Nei Rifiuti Dopo l'Autopsia: La Compagna Sotto Shock

Una lettera shock dell'ex compagna di Pino Daniele all'Ansa: "Il cuore di Pino Daniele smaltito come un rifiuto organico qualsiasi, per dirla con le sue parole...."come una carta sporcà""
(foto: Web)

Ad un mese dalla sua morte, la compagna del cantautore napoletano, Amanda Bonini, si racconta all’Ansa confessando che il cuore di Pino Daniele è stato espiantato per accertarsi se Pino poteva essere salvato con un intervento più tempestivo.

Vedere il cuore del marito trattato in modo “barbaro” se pur scientifico è stata una prassi devastante.

Queste le parole della donna, l’ultima ad aver visto Pino in vita la sera di quella folle corsa in auto nelle campagne toscane:

 

” Ancor più dolorosa dal dover intuire quale potrebbe essere il destino di quel cuore una volta terminati gli esami. Se razionalmente, con grande dolore, devo accettare una disposizione come atto dovuto, al contempo, trovo moralmente inaccettabile che quel cuore, che idealmente è il luogo dell’anima di Pino, in cui sono le persone che ama, gli amici veri, dove è Napoli, dove c’è un po’ di Maremma, dove sono le sue passioni e le sue ispirazioni, possa essere distrutto e smaltito come un rifiuto organico qualsiasi, per dirla con le sue parole….“come una carta sporcà”.

Il pensiero di ciò mi addolora quanto la sua morte. Mi auguro che esista la possibilità che i suoi resti possano essere ricongiunti e possano finalmente riposare in pace nel silenzio incantato della campagna toscana”

 

“Confido nel buonsenso e nel rispetto che un paese civile dovrebbe avere nei confronti della dignità umana, a maggior ragione nei confronti di una personalità unica ed irripetibile come quella di Pino, che proprio con quel cuore ha arricchito il nostro patrimonio culturale e musicale donandoci opere straordinarie che rimarranno per sempre all’umanità”

Non si fa attendere la replica della famiglia di Pino Daniele. Dopo aver letto queste dichiarazioni è Luisa Regimenti, presidente nazionale dei Medici legali italiani e medico legale che assiste la moglie del cantautore, Fabiola Sciabbarrasi, ad intervenire per chiarire che ora è importante e prioritario capire che cosa è successo e che del cuore bisogna avere cura finché batte.