diredonna network
logo
Stai leggendo: 16 Insospettabili Modi in Cui Rovini i Tuoi Vestiti

16 Insospettabili Modi in Cui Rovini i Tuoi Vestiti

Per conservare e lavare i vestiti, le scarpe, le borse e i reggiseni senza che si rovinino segui i nostri consigli: per poterli usare tutte le volte che vorrai, come se fossero nuovi!
Fonte: istockphoto
Fonte: istockphoto

Abiti, scarpe e borse per una donna sono qualcosa di prezioso: indossati, la fanno sentire unica, bella e speciale.

A volte trovare il vestito giusto è lungo ed estenuante, ma alla fine è una gran soddisfazione: l’idea di poter usare quell’abito nelle occasioni speciali ci carica di euforia.

Sarebbe un vero peccato poterlo indossare solo poche volte perché lo abbiamo rovinato.

Certo, può capitare di strappare qualche filo o di rompere un tacco, ma ci sono una serie di cose che noi facciamo per conservare e lavare i nostri vestiti al meglio che in realtà finiscono per rovinarli.

Curiose? Guardate di cosa stiamo parlando:

1. Le grucce metalliche

Fonte: web
Fonte: web

Spesso non vogliamo investire in grucce e quindi usiamo le grucce, o omino o ometti che dir si voglia, di metallo per appendere i nostri vestiti.

Ma queste grucce non sono abbastanza resistenti per i tessuti più pesanti e nel tempo possono alterare la forma degli abiti che vi appendiamo.

Meglio usare grucce in legno o in plastica.

2. Maglioni appesi come camicie

Fonte: web
Fonte: web

Appendere un maglione, magari uno con una lana molto pesante, su una gruccia non è una buona idea, perché il peso farà sformare il collo e le spalle.

Meglio riporre i maglioni piegati in un cassetto e, se proprio non si ha spazio, piegarli a metà e appenderli alla gruccia con le maniche da un lato del gancio metallico e il resto dall’altro.

3. Pantaloni e gonne piegate

Fonte: web
Fonte: web

Richiudere i pantaloni e le gonne in un cassetto porta alla formazione di pieghe.

La soluzione per averli sempre pronti e non stropicciati è appenderli a delle clip a gancio, eventualmente frapponendo dei biglietti da visita tra il tessuto e le clip per evitare che si rovini.

4. Lasciare i vestiti nei cellophane dei lavasecco

Fonte: web
Fonte: web

Si può pensare che i cellophane dei lavasecco proteggano gli abiti, ma non è vero.

In realtà questa plastiche non permettono ai vestiti di respirare e intrappolano odori e umidità.

Quindi eliminare i cellophane appena si arriva a casa.

5. Il reggiseno in asciugatrice

Fonte: web
Fonte: web

Mettere il bucato in asciugatrice è comodissimo, ma per quanto riguarda il reggiseno è meglio evitare, perché il calore rovina l’elastico.

Meglio stenderli, appendendoli per la parte di tessuto tra le coppe.

E se hai bisogno di asciugarli in modo rapido, mettili nell’apparecchio per strizzare l’insalata e gira!

6. I reggiseni nel cassetto

Fonte: web
Fonte: web

I reggiseni possono stare in un cassetto, ma devono essere riposti con ordine, altrimenti si rovinano.

L’ideale è impilarli uno dentro l’altro.

7. Strizzare i costumi da bagno

Fonte: web
Fonte: web

Dopo avere sciacquato un costume da bagno di solito lo si torce tutto per liberarlo dall’acqua.

Questo però rovina la sua elasticità e la sua forma.

Metterlo invece tra due asciugamani e premere.

8. I costumi da bagno in lavatrice e asciugatrice

Fonte: web
Fonte: web

Lavatrice e asciugatrice tendono a rovinare il tessuto dei costumi.

Lavare quindi a mano e al limite metterli in lavatrice solo prima di metterli via perché l’estate è finita.

9. Vestiti sudati

Fonte: web
Fonte: web

Quando un vestito è sudato tendiamo a gettarlo immediatamente nel cesto della biancheria da lavare.

In realtà è meglio farlo asciugare prima, perché può provocare muffa.

10. Stirare i tessuti delicati

Fonte: web
Fonte: web

Stirare gli abiti delicati, come quelli di seta, sull’asse, se non si presta la dovuta attenzione, può portare alla comparsa di antiestetici segni.

Una soluzione è quella di appendere il vestito su una gruccia e metterlo in un bagno dove la temperatura sia alta.

11. Una catasta di scarpe

Fonte: web
Fonte: web

Tante di noi tengono le scarpe tutte insieme in una cesta.

In questo modo però le scarpe si sporcano e rischiano di sformarsi.

Meglio riporre nelle loro scatole o in una scarpiera.

12. Gioielli appesi

Fonte: web
Fonte: web

Non è sbagliato appendere i gioielli ai ganci, ma il rischio è che si aggroviglino tutti.

Per evitare questo, si può riporli nei vassoi per fare il ghiaccio.

13. Cerniere e bottoni in lavatrice

Fonte: web
Fonte: web

Gli indumenti che hanno cerniere e bottoni possono rovinare altri vestiti quando vengono lavati in lavatrice, impigliandosi.

Assicurarsi quindi che le zip siano tirate e i bottoni incastrati nelle loro asole.

Inoltre è meglio lavare certi indumenti con colori particolarmente accesi al contrario, per evitare che rovinino le tinte degli altri abiti.

14. Lavare spesso i jeans

Fonte: web
Fonte: web

Lavare troppo spesso i jeans rovina il loro colore e la loro forma.

Se i jeans sono stati usati poco, li si può chiudere in un sacchetto di plastica e metterli in freezer: il freddo ucciderà la maggior parte dei batteri che causano i cattivi odori.

15. Appendere le borse

Fonte: web
Fonte: web

Quando non le si sta usando, appendere le borse a dei ganci porterà la tracolla a sformarsi.

Meglio metterle su una mensola.

E per proteggerle mettetele nei sacchetti nelle quali ve le vendono.

16. Mettere via borse e valigie senza nulla dentro

Fonte: web
Fonte: web

Riporre negli armadi le valigie o le borse senza nulla dentro porta loro a perdere la forma.

L’ideale è riempirle con la carte di giornale appallottolata: pesa poco e occupa spazio.