diredonna network
logo
Stai leggendo: Buddy, Il Meticcio Che Nessuno Vuole

Dice basta a una dieta da 500 calorie, ma il web la insulta

Balenciaga "rifà" la borsa blu di Ikea. Trova le differenze: il prezzo per esempio

Oroscopo dal 20 al 26 aprile - Come sopravvivere alle stelle

Perché non dovresti MAI utilizzare questo phon pubblico (né avvicinarti)

"Perché ho realizzato per la mia bambina una festa a tema... cacca"

La fitness blogger che ha deciso di non depilarsi: "Voglio essere di ispirazione per le altre donne"

Titanic: ma Jack poteva salvarsi sulla porta-zattera con Rose? Ecco la risposta

Vacanze di Pasqua: i 4 compiti di questo maestro elementare

Sai a cosa serve la "tasca" sugli slip da donna? Mistero svelato

Programmi per Pasqua e Pasquetta: avete fatto i conti con il meteo del week end?

Buddy, Il Meticcio Che Nessuno Vuole

Buddy è un dolce cagnolone che nessuno vuole adottare. Perchè noi umani riusciamo ad essere così superficiali anche con chi dona amore incondizionato?!
(foto: Web)
(foto: Web)

Buddy è un bellissimo cane meticcio che però ha qualche problema di salute e per questo motivo non riesce a trovare nessuno disposto ad adottarlo.
Due occhi di colore diverso, Buddy è anche sordo e nonostante sia diventato la star del canile in Scozia nel quale è rinchiuso, non ha ancora una famiglia.

Susan Tonner, il manager del The Dogs Trust ha dichiarato:

“Ogni giorno visitatori motivati ad adottare un cane passano davanti alla sua gabbia, rallentano, ma subito proseguono verso altre gabbie. Forse perché Buddy ha gli occhi diversi. Moltissimi rimangono impressionati negativamente dal colore diverso dei suoi occhi, mentre altri non vogliono perdere troppo tempo con un cane sordo. È un peccato perchè Buddy è un cane che è capace di viaggiare in auto, non si lamenta mai. Lo abbiamo allevato in casa e possiamo dire che è già abbastanza addestrato. È molto cordiale, ha solo bisogno di un padrone che gli dedichi il suo tempo e il suo amore”

(foto: Web)
(foto: Web)

Per noi è fisicamente troppo distante,
ma la riflessione che questa storia mi impone è che davvero noi umani siamo sempre così impauriti dal diverso, anche se si tratta di un dolce amico a quattro zampe?!