diredonna network
logo
Stai leggendo: Padre Costringe le Figlie alla Dieta e le Insulta “Siete Grasse!” Condannato

I genitori vogliono continuare la battaglia. Il giudice: "Stop alle cure, deve morire con dignità"

"Buon viaggio piccola Aliena": l'addio di Laura Pausini alla nipotina di 3 anni

Perché non dovresti MAI utilizzare questo phon pubblico (né avvicinarti)

"Figlia mia, sopravvivo solo per darti giustizia". Parla la mamma di Tiziana Cantone

A terra con 32 coltellate. "Ho sposato l'uomo che mi ha salvata dall'ex violento"

Charli, la modella mostra la cellulite: "Non me ne vergogno"

Oroscopo dal 13 al 19 aprile - Come sopravvivere alle stelle

Occhi al cielo: arrivano la luna rosa e la cometa verde

Omicidio di identità: "Sfregiare con l'acido è uccidere"

Come Mowgli: la vera storia della bimba allevata dalle scimmie nella foresta

Padre Costringe le Figlie alla Dieta e le Insulta "Siete Grasse!" Condannato

Una storia senza precedenti: un padre denunciato per insultare le figlie: "Siete troppo grasse".Le giovani obbligate a diete macrobiotiche e sport agonistico.
(foto: Web)
(foto: Web)

 

È successo a Torino.

Una donna ha denunciato l’ex marito per le pressioni psicologiche alle figlie adolescenti.
Le ragazze erano infatti costrette a diete macrobiotiche e a praticare sport agonistici per volere del padre che le vedeva grasse e non perdeva tempo a insultarle.

L’uomo rischia fino a 10 mesi di reclusione.

Il sovrappeso delle figlie veniva costantemente sottolineato con insulti e parolacce.
Il pm di Torino, Barbara Badellino, che conduce l’accusa del delicato caso, gli contesta di avere turbato l’equilibrio psichico delle due ragazze.

È sicuramente un caso molto delicato perchè non esistono precedenti dello stesso tipo.
La madre, dopo che le figlie, esauste, avevano raccontato tutto quello che dovevano subire con il padre, tra diete ferree e scorrette per il loro fisico e attività fisica agonistica che loro non avrebbero mai voluto fare, ha presentato un esposto in procura.

“Siete troppo grasse”

era una frase che veniva loro ripetuta più e più volte e proprio per questo motivo loro non volevano più andare dal padre.

Lui racconta una versione diversa: la sua è una normale preoccupazione per il loro stato di salute.
L’uomo infatti racconta di essersi allarmato in particolar modo dopo aver visto su Facebook alcune foto delle figlie in discoteca.

Il giudice di Torino nei prossimi giorni deciderà se nel comportamento dell’uomo può configurarsi il reato di maltrattamenti.
La difesa definisce l’accusa inverosimile.

E voi?!