diredonna network
logo
Stai leggendo: Padre Costringe le Figlie alla Dieta e le Insulta “Siete Grasse!” Condannato

Inchiesta choc: "Ecco chi sono gli oltre 200 religiosi pedofili in Italia" che continuano a fare i preti

Grey's Anatomy: nuove stagioni già in programma?

La magia de l'Incantevole Creamy torna in tv: ecco quando e dove

Lui la dà alla fiamme. Lei lo difende dalla D'Urso. Momento di TV shock

"Streghe": è in arrivo un prequel della serie?

Gli insulti stupidi ad AstroSamantha per il nome della figlia (e forse è pure una bufala)

Oroscopo dal 12 al 18 gennaio 2017 - Come sopravvivere alle stelle

La dedica di Ryan Gosling è la più commovente dichiarazione d'amore di sempre

"Se hai il ciclo non puoi entrare": la rivolta social delle donne indiane

Siamo fatti così: torna in tv il cartone che racconta il corpo umano. Ecco quando e dove

Padre Costringe le Figlie alla Dieta e le Insulta "Siete Grasse!" Condannato

Una storia senza precedenti: un padre denunciato per insultare le figlie: "Siete troppo grasse".Le giovani obbligate a diete macrobiotiche e sport agonistico.
(foto: Web)
(foto: Web)

 

È successo a Torino.

Una donna ha denunciato l’ex marito per le pressioni psicologiche alle figlie adolescenti.
Le ragazze erano infatti costrette a diete macrobiotiche e a praticare sport agonistici per volere del padre che le vedeva grasse e non perdeva tempo a insultarle.

L’uomo rischia fino a 10 mesi di reclusione.

Il sovrappeso delle figlie veniva costantemente sottolineato con insulti e parolacce.
Il pm di Torino, Barbara Badellino, che conduce l’accusa del delicato caso, gli contesta di avere turbato l’equilibrio psichico delle due ragazze.

È sicuramente un caso molto delicato perchè non esistono precedenti dello stesso tipo.
La madre, dopo che le figlie, esauste, avevano raccontato tutto quello che dovevano subire con il padre, tra diete ferree e scorrette per il loro fisico e attività fisica agonistica che loro non avrebbero mai voluto fare, ha presentato un esposto in procura.

“Siete troppo grasse”

era una frase che veniva loro ripetuta più e più volte e proprio per questo motivo loro non volevano più andare dal padre.

Lui racconta una versione diversa: la sua è una normale preoccupazione per il loro stato di salute.
L’uomo infatti racconta di essersi allarmato in particolar modo dopo aver visto su Facebook alcune foto delle figlie in discoteca.

Il giudice di Torino nei prossimi giorni deciderà se nel comportamento dell’uomo può configurarsi il reato di maltrattamenti.
La difesa definisce l’accusa inverosimile.

E voi?!