diredonna network
logo
Stai leggendo: Biblioteca Nel Ghiaccio, Per Leggere Avvolti Nel Bianco della Natura

"Lui è più intelligente di me". Cosa pensano le bambine già a 6 anni

Chris, 31 anni, dice addio alla sua migliore amica di 89: il post diventa virale

Ecco cosa vuol dire quando trovate del liquido sopra al vostro yogurt

Hater, l'app che ti fa incontrare le persone che odiano le cose che detesti anche tu

Le commoventi parole di questo papà: "Ecco perché prendo ancora i fiori per la mia ex moglie"

Oroscopo dal 23 febbraio all'1 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Quando la tua ex ti scrive una lettera di scuse e tu gliela rimandi corretta" con la penna rossa

Questo hotel ha dedicato la sala da Tè alla Bella e alla Bestia: ecco perché vorrete andarci

Quest'uomo ha speso 80mila dollari in chirurgia plastica per diventare come Britney Spears

Oroscopo dal 16 al 22 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

Biblioteca Nel Ghiaccio, Per Leggere Avvolti Nel Bianco della Natura

Libri, ghiaccio e natura immersa nel bianco. Come in una favola, questa Arca di Noè della lettura è l'invenzione più amata dagli appassionati.
(foto: Web)
(foto: Web)

Una biblioteca da favola, immersa in ghiacci eterni e bianco immenso.

Una vera e propria Arca di Noè del libro, ideata da un artista di Colonia, tale Lutz Fritsch, affascinato da sempre dai grandi spazi e dal rapporto fra città e natura.

Una biblioteca che compie già 10 anni e si trova in uno speciale container di 20 piedi, costruito in acciaio, laccato e isolato.
Tetto e pavimento rossi, lati esterni verdi, come le casine dei folletti.

All’interno, 700 libri, anche se la capacità massima è di mille.

Sono tutti doni con dediche illustri, come premi Nobel.
Un divanetto, una sedia, un tavolino e una finestra dove guardare l’orizzonte, l’incredibile paesaggio che circonda questo santuario della lettura.

Una volta dentro bisogna liberarsi di tuta e stivali polari, prima di potersi infilare le pantofole.

Fritsch ha accompagnato tre volte gli scienziati dell’Istituto Alfred Wegener (Awi) di Brema per la ricerca polare e marina nelle loro spedizioni all’Artide e Antartide nel 1994-2005. Fu proprio nella prima all’Antartide nel ’94 – dove alla stazione Neumayer dell’Awi pote’ scandagliare per tre mesi con l’occhio dell’artista l’essenza di questo spazio estremo – che ebbe l’idea della biblioteca nel ghiaccio.

 

(foto: Web)
(foto: Web)

“Non avrei potuto sopravvivere (come i ricercatori) 15 mesi sotto il ghiaccio senza cultura”.

Fritsch scrive personalmente a scienziati e scrittori chiedendo loro di donare un libro con dedica, ma ci tiene a tenerli segreti.

“Ogni libro e’ un regalo personale ai ricercatori in letargo nella stazione”.

E lui, ogni anno, spedisce alla biblioteca e agli utenti del Polo Nord 40 litri di Koelsh, la birra più prelibata della Colonia.