diredonna network
logo
Stai leggendo: Biblioteca Nel Ghiaccio, Per Leggere Avvolti Nel Bianco della Natura

La scienza ha definito il numero massimo di ore lavoro al giorno per essere produttivi

Oroscopo dal 23 al 29 marzo - Come sopravvivere alle stelle

H&M primavera/estate 2017: scoprite con noi la nuova collezione!

Il Paese più felice del mondo non è più la Danimarca? E l'Italia a che posto è?

Disegna il tuo papà!? Il risultato è sorprendente (e dolcissimo)

Oroscopo dal 16 al 22 marzo - Come sopravvivere alle stelle

Divorziano dopo 19 anni: lui le invia questi fiori con questo biglietto

Dal satanismo al sesso: la bufala dei messaggi subliminali di Art Attack

Questa è la proposta di matrimonio più bella del mondo

Selfie con il morto: "With me", l'app che ti permette di essere accanto a chi non c'è più

Biblioteca Nel Ghiaccio, Per Leggere Avvolti Nel Bianco della Natura

Libri, ghiaccio e natura immersa nel bianco. Come in una favola, questa Arca di Noè della lettura è l'invenzione più amata dagli appassionati.
(foto: Web)
(foto: Web)

Una biblioteca da favola, immersa in ghiacci eterni e bianco immenso.

Una vera e propria Arca di Noè del libro, ideata da un artista di Colonia, tale Lutz Fritsch, affascinato da sempre dai grandi spazi e dal rapporto fra città e natura.

Una biblioteca che compie già 10 anni e si trova in uno speciale container di 20 piedi, costruito in acciaio, laccato e isolato.
Tetto e pavimento rossi, lati esterni verdi, come le casine dei folletti.

All’interno, 700 libri, anche se la capacità massima è di mille.

Sono tutti doni con dediche illustri, come premi Nobel.
Un divanetto, una sedia, un tavolino e una finestra dove guardare l’orizzonte, l’incredibile paesaggio che circonda questo santuario della lettura.

Una volta dentro bisogna liberarsi di tuta e stivali polari, prima di potersi infilare le pantofole.

Fritsch ha accompagnato tre volte gli scienziati dell’Istituto Alfred Wegener (Awi) di Brema per la ricerca polare e marina nelle loro spedizioni all’Artide e Antartide nel 1994-2005. Fu proprio nella prima all’Antartide nel ’94 – dove alla stazione Neumayer dell’Awi pote’ scandagliare per tre mesi con l’occhio dell’artista l’essenza di questo spazio estremo – che ebbe l’idea della biblioteca nel ghiaccio.

 

(foto: Web)
(foto: Web)

“Non avrei potuto sopravvivere (come i ricercatori) 15 mesi sotto il ghiaccio senza cultura”.

Fritsch scrive personalmente a scienziati e scrittori chiedendo loro di donare un libro con dedica, ma ci tiene a tenerli segreti.

“Ogni libro e’ un regalo personale ai ricercatori in letargo nella stazione”.

E lui, ogni anno, spedisce alla biblioteca e agli utenti del Polo Nord 40 litri di Koelsh, la birra più prelibata della Colonia.