diredonna network
logo
Stai leggendo: Maria Giulia Sergio: Chi è l’Italiana nell’Isis

La maledizione della lotteria: "Ero più felice prima di vincere al Gratta e Vinci"

Svelate le date di uscita di Frozen 2 e Il Re Leone live action

Oroscopo dal 27 aprile al 3 maggio - Come sopravvivere alle stelle

"Il mio ragazzo ha un tumore al cervello. Dovrei sposarlo?"

Stealthing, il pericoloso "trend" sessuale dello stupro "invisibile": "Sono stata violentata senza accorgermene"

I genitori vogliono continuare la battaglia. Il giudice: "Stop alle cure, deve morire con dignità"

"Buon viaggio piccola Aliena": l'addio di Laura Pausini alla nipotina di 3 anni

Perché non dovresti MAI utilizzare questo phon pubblico (né avvicinarti)

"Figlia mia, sopravvivo solo per darti giustizia". Parla la mamma di Tiziana Cantone

A terra con 32 coltellate. "Ho sposato l'uomo che mi ha salvata dall'ex violento"

Maria Giulia Sergio: Chi è l'Italiana nell'Isis

Maria Giulia Sergio, italiana adottata dall'Isis. Chi è questa donna che ha deciso di mollare usi e costumi occidentali per convertirsi all'Islam?!
(foto: Web)

Maria Giulia Sergio aveva 27 anni, di origine campana e residente a Milano.

Oggi Maria Giulia non c’è più, al suo posto c’è Fatima Az Zahra, adottata dall’Islam.
Dall’anno scorso infatti Fatima ha fatto perdere le sue tracce, e si dice abbia raggiunto i combattenti dell’Isis in Siria.
Anche la madre e la sorella, pur se rimaste a casa, si sono convertite, ma sostengono che la giovane non si trovi in Siria.
Il padre, Sergio Sergio, di 60 anni spiega con poche parole il perchè tutta la famiglia abbia deciso di convertirsi:

“Allah è grande e Maometto è il suo profeta!”

E racconta:

“Il 6 gennaio ho compiuto un anno dalla mia conversione. Le mie due figlie si sono sposate con dei musulmani. Prima l’hanno fatto loro, poi mia moglie e infine io: non importa quanti anni hai quando ti chiama Allah. Siamo tutti contenti della scelta fatta: io mi sono trovato bene, per me e per la mia famiglia è stata la decisione giusta

Secondo Il Giornale, la volontaria della guerra santa sarebbe partita grazie a dei contatti negli ambienti degli estremisti balcanici radicati nel nostro paese, come Bilal Bosnic arrestato in Bosnia e Shefqet Krasniqi finito in manette in Kossovo per l’invio di volontari in Siria.
Una conversione fatta, inizialmente, per amore.
Il primo compagno era marocchino e da quando l’ha conosciuto Fatima ha deciso di mollare costumi e usi occidentali, e a pregare rivolta verso la Mecca.

Tutti in paese si ricordano di lei, e della sorella:

“Certo che me le ricordo. Le due ragazze col velo. Parlavano poco, a volte non rispondevano neanche al saluto. Poi a un certo punto si è messa il velo anche la madre. Sì, erano italiane. Qui la più grande non si vede più da tempo, non so che fine abbia fatto”