diredonna network
logo
Stai leggendo: Maria Giulia Sergio: Chi è l’Italiana nell’Isis

Cassidy, violentata a 13 anni suicida a 15: in questa lettera il suo ultimo desiderio

Oroscopo dal 23 febbraio all'1 marzo - Come sopravvivere alle stelle

Violentata a 7 anni dal compagno della madre. Il processo dura 20 e l'accusa cade in prescrizione

Le ceneri dei defunti diventano vinili per dare ancora "voce" ai morti

Tenetevi forte: arriva il sequel di Love Actually

Traffico d'organi: il dramma dei bambini e dei profughi scomparsi nel nulla

25 lettere di (non) amore di uomini violenti alle proprie donne

Niente carcere per il 19enne stupratore. La pena: "Niente sesso fino al matrimonio"

Oroscopo dal 16 al 22 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

"Trascurano i figli per accudire i loro 12 cani": giudice toglie i figli a una coppia

Maria Giulia Sergio: Chi è l'Italiana nell'Isis

Maria Giulia Sergio, italiana adottata dall'Isis. Chi è questa donna che ha deciso di mollare usi e costumi occidentali per convertirsi all'Islam?!
(foto: Web)

Maria Giulia Sergio aveva 27 anni, di origine campana e residente a Milano.

Oggi Maria Giulia non c’è più, al suo posto c’è Fatima Az Zahra, adottata dall’Islam.
Dall’anno scorso infatti Fatima ha fatto perdere le sue tracce, e si dice abbia raggiunto i combattenti dell’Isis in Siria.
Anche la madre e la sorella, pur se rimaste a casa, si sono convertite, ma sostengono che la giovane non si trovi in Siria.
Il padre, Sergio Sergio, di 60 anni spiega con poche parole il perchè tutta la famiglia abbia deciso di convertirsi:

“Allah è grande e Maometto è il suo profeta!”

E racconta:

“Il 6 gennaio ho compiuto un anno dalla mia conversione. Le mie due figlie si sono sposate con dei musulmani. Prima l’hanno fatto loro, poi mia moglie e infine io: non importa quanti anni hai quando ti chiama Allah. Siamo tutti contenti della scelta fatta: io mi sono trovato bene, per me e per la mia famiglia è stata la decisione giusta

Secondo Il Giornale, la volontaria della guerra santa sarebbe partita grazie a dei contatti negli ambienti degli estremisti balcanici radicati nel nostro paese, come Bilal Bosnic arrestato in Bosnia e Shefqet Krasniqi finito in manette in Kossovo per l’invio di volontari in Siria.
Una conversione fatta, inizialmente, per amore.
Il primo compagno era marocchino e da quando l’ha conosciuto Fatima ha deciso di mollare costumi e usi occidentali, e a pregare rivolta verso la Mecca.

Tutti in paese si ricordano di lei, e della sorella:

“Certo che me le ricordo. Le due ragazze col velo. Parlavano poco, a volte non rispondevano neanche al saluto. Poi a un certo punto si è messa il velo anche la madre. Sì, erano italiane. Qui la più grande non si vede più da tempo, non so che fine abbia fatto”