diredonna network
logo
Stai leggendo: Emma Bonino Shock in Diretta Radio “Ho un Tumore ai Polmoni”

Dice basta a una dieta da 500 calorie, ma il web la insulta

Balenciaga "rifà" la borsa blu di Ikea. Trova le differenze: il prezzo per esempio

Oroscopo dal 20 al 26 aprile - Come sopravvivere alle stelle

Perché non dovresti MAI utilizzare questo phon pubblico (né avvicinarti)

"Perché ho realizzato per la mia bambina una festa a tema... cacca"

La fitness blogger che ha deciso di non depilarsi: "Voglio essere di ispirazione per le altre donne"

Titanic: ma Jack poteva salvarsi sulla porta-zattera con Rose? Ecco la risposta

Vacanze di Pasqua: i 4 compiti di questo maestro elementare

Sai a cosa serve la "tasca" sugli slip da donna? Mistero svelato

Programmi per Pasqua e Pasquetta: avete fatto i conti con il meteo del week end?

Emma Bonino Shock in Diretta Radio "Ho un Tumore ai Polmoni"

Emma Bonino annuncia il suo ritiro dalla politica per un tumore ai polmoni.
(foto: Web)

L’ex ministro degli Esteri Emma Bonino annuncia in diretta radiofonica di avere un tumore ai polmoni e di abbandonare la politica per affrontare un ciclo di chemioterapia di 6 mesi.
Proprio mentre il suo nome era tra i possibilissimi alla successione di Giorgio Napolitano come Presidente della Repubblica, Emma racconta di dover dedicarsi esclusivamente alla sua salute.

“Controlli medici hanno evidenziato la presenza di un tumore al polmone sinistro. Si tratta di una forma localizzata e ancora asintomatica, ma ciononostante richiederà un trattamento lungo e complesso di chemioterapia che è già stato iniziato”

“Vi pregherei di rispettare questa situazione senza mettersi a fare indagini o robe varie, ringrazio gli operatori che anche nei momenti più difficili mi sono stati accanto nel limite delle loro possibilità, in particolare ringrazio Antonella Rampino, Giovanna Casadio, Stefano Folli, Stella Pende, pochissimi altri, oltre alla stampa straniera”.

Ma soprattutto, Emma manda un messaggio di speranza a tutte quelle persone che stanno vivendo la stessa terribile esperienza:

“A tutti coloro che in Italia e altrove affrontano questa o altre prove voglio solamente dire che dobbiamo tutti sforzarci di essere persone e di voler vivere liberi fino alla fine, insomma io non sono il mio tumore e voi neppure siete la vostra malattia, dobbiamo solamente pensare che siamo persone che affrontano una sfida che è capitata“.

Una sfida, che ci auguriamo possa vincere.
Anzi,
ne siamo sicure.