diredonna network
logo
Stai leggendo: Genitori puniscono la figlia pubblicando foto su facebook

Seconda "social baby" in arrivo. Mark Zuckerberg: "Speravo tanto fosse femmina"

Legge choc: "I medici possono mentire alle madri per evitare gli aborti"

Oroscopo dal 23 al 29 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Ha detto basta ma non ha urlato": quindi non è violenza sessuale

Luke Perry: "Ho una lesione precancerosa al colon. Fate lo screening"

"6 motivi per scegliere una fidanzata dell'est": è polemica per la lista di Rai1

Oroscopo dal 16 al 22 marzo - Come sopravvivere alle stelle

La vita in Nord Corea: "A 9 anni ho visto giustiziare una donna per aver visto un film di Hollywood"

"Questa è mia figlia poco prima di morire": il disperato gesto di un padre contro il bullismo

Perdono i genitori in una settimana: il mondo si mobilita per pagare il mutuo ai tre fratelli

Genitori puniscono la figlia pubblicando foto su facebook

Non esistono più le punizioni di una volta. Ora i genitori utilizzano smartphone e social network. Un esempio, questa strana coppia del Winsconsin che ha pubblicato foto imbarazzanti sul profilo facebook della figlia.

Nell’epoca dei social network, anche le punizioni verso i figli adolescenti cambiano. Nessun cucchiaio di legno, ciabatte che volano, serate in discoteca propibite. Ora tutto viene fatto attraverso smartphone. Due genitori del Winsconsin hanno “creativamente” punito la figlia, dopo un litigio in cui lei si è dimostrata insolente nei loro confronti.

Mamma e papà han deciso quindi di ritirarle il cellulare per sette giorni, pubblicando sul diario del profilo facebook della ragazza, delle loro foto estremamente imbarazzanti, con facce buffe, occhi storti e linguacce. Il fratello della ragazza “denuncia” il fatto attraverso il social media Reddit, confermando che i genitori, per punizione, hanno sequestrato il telefono alla sorella per una settimana.  

Può non sembrare un punizione grave, ma se si ragiona con la mentalità dell’adolescente di oggi, tutto questo può sembrare un vero e proprio “suicidio sociale”.