diredonna network
logo
Stai leggendo: Genitori puniscono la figlia pubblicando foto su facebook

Ma voi ce l'avete il razzo? La nuova funzione di Facebook

La maledizione della lotteria: "Ero più felice prima di vincere al Gratta e Vinci"

Svelate le date di uscita di Frozen 2 e Il Re Leone live action

Oroscopo dal 27 aprile al 3 maggio - Come sopravvivere alle stelle

"Il mio ragazzo ha un tumore al cervello. Dovrei sposarlo?"

Stealthing, il pericoloso "trend" sessuale dello stupro "invisibile": "Sono stata violentata senza accorgermene"

I genitori vogliono continuare la battaglia. Il giudice: "Stop alle cure, deve morire con dignità"

"Buon viaggio piccola Aliena": l'addio di Laura Pausini alla nipotina di 3 anni

Perché non dovresti MAI utilizzare questo phon pubblico (né avvicinarti)

"Figlia mia, sopravvivo solo per darti giustizia". Parla la mamma di Tiziana Cantone

Genitori puniscono la figlia pubblicando foto su facebook

Non esistono più le punizioni di una volta. Ora i genitori utilizzano smartphone e social network. Un esempio, questa strana coppia del Winsconsin che ha pubblicato foto imbarazzanti sul profilo facebook della figlia.

Nell’epoca dei social network, anche le punizioni verso i figli adolescenti cambiano. Nessun cucchiaio di legno, ciabatte che volano, serate in discoteca propibite. Ora tutto viene fatto attraverso smartphone. Due genitori del Winsconsin hanno “creativamente” punito la figlia, dopo un litigio in cui lei si è dimostrata insolente nei loro confronti.

Mamma e papà han deciso quindi di ritirarle il cellulare per sette giorni, pubblicando sul diario del profilo facebook della ragazza, delle loro foto estremamente imbarazzanti, con facce buffe, occhi storti e linguacce. Il fratello della ragazza “denuncia” il fatto attraverso il social media Reddit, confermando che i genitori, per punizione, hanno sequestrato il telefono alla sorella per una settimana.  

Può non sembrare un punizione grave, ma se si ragiona con la mentalità dell’adolescente di oggi, tutto questo può sembrare un vero e proprio “suicidio sociale”.