diredonna network
logo
Stai leggendo: Genitori puniscono la figlia pubblicando foto su facebook

La lettera di addio alla moglie che non c'è più: "'Stirerò', dicesti. Non l'hai mai fatto ma sei stata la mia vita"

Come sapere se qualcuno smette di seguirti su Facebook, Twitter o Instagram

Cassidy, violentata a 13 anni suicida a 15: in questa lettera il suo ultimo desiderio

Oroscopo dal 23 febbraio all'1 marzo - Come sopravvivere alle stelle

Violentata a 7 anni dal compagno della madre. Il processo dura 20 e l'accusa cade in prescrizione

Le ceneri dei defunti diventano vinili per dare ancora "voce" ai morti

Tenetevi forte: arriva il sequel di Love Actually

Traffico d'organi: il dramma dei bambini e dei profughi scomparsi nel nulla

25 lettere di (non) amore di uomini violenti alle proprie donne

Niente carcere per il 19enne stupratore. La pena: "Niente sesso fino al matrimonio"

Genitori puniscono la figlia pubblicando foto su facebook

Non esistono più le punizioni di una volta. Ora i genitori utilizzano smartphone e social network. Un esempio, questa strana coppia del Winsconsin che ha pubblicato foto imbarazzanti sul profilo facebook della figlia.

Nell’epoca dei social network, anche le punizioni verso i figli adolescenti cambiano. Nessun cucchiaio di legno, ciabatte che volano, serate in discoteca propibite. Ora tutto viene fatto attraverso smartphone. Due genitori del Winsconsin hanno “creativamente” punito la figlia, dopo un litigio in cui lei si è dimostrata insolente nei loro confronti.

Mamma e papà han deciso quindi di ritirarle il cellulare per sette giorni, pubblicando sul diario del profilo facebook della ragazza, delle loro foto estremamente imbarazzanti, con facce buffe, occhi storti e linguacce. Il fratello della ragazza “denuncia” il fatto attraverso il social media Reddit, confermando che i genitori, per punizione, hanno sequestrato il telefono alla sorella per una settimana.  

Può non sembrare un punizione grave, ma se si ragiona con la mentalità dell’adolescente di oggi, tutto questo può sembrare un vero e proprio “suicidio sociale”.